Wednesday, 11 December 2019 - 20:53
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Mobilitazione imprese. Ghezze: “appoggio incondizionato. Basta favorire le banche”

Gen 28th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Anche il Pdl, ma quello locale, dopo aver appoggiato Monti nella manovra di rastrellamento di liquidità a favore degli istituti bancari, ora dice basta.

Stefano Ghezze

Stefano Ghezze

“Con noi le categorie bellunesi sfondano una porta aperta. Il nostro appoggio al documento programmatico che ci hanno consegnato oggi è totale e incondizionato, così come siamo pronti a fare la nostra parte nel futuro tavolo dell’economia provinciale”.

A dirlo è il coordinatore provinciale del Popolo della Libertà Stefano Ghezze che questa mattina ha partecipato alla giornata di mobilitazione delle imprese bellunesi. “Una iniziativa utile e necessaria che arriva dopo un anno in cui le nostre aziende sono state colpite senza ritegno alcuno così come le nostre famiglie sono state tartassate dall’Imu che poi è finita alle banche e ai signori della grande finanza”.

“Il sostegno alle imprese, lo sviluppo di una concorrenza sana e leale, la sburocratrizzazione fanno invece parte del nostro dna liberale e democratico. Altre forze politiche non hanno né la storia né il diritto di farsi portavoce di tali istanze”.

“Se tutte le imprese hanno bisogno di uno Stato snello ed efficiente, le imprese di montagna hanno la necessità di qualcosa in più. E questo non in una logica di assistenza ma di pari opportunità con tutte le altre imprese del Paese. La polemica di questi giorni con l’Alto Adige e il loro tentativo di portarci via le imprese più innovative ci insegna che anche all’interno dello stesso Stato – e per di più tra territori limitrofi – ci sono delle disparità di trattamento incredibili”.

“Per questi motivi la ricetta del Pdl – meno Stato e burocrazia da un lato, più mercato e concorrenza leale dall’altro – sono la ricetta ideale per rilanciare il cuore produttivo della nostra terra che resta una delle province italiane più industrializzate del Paese, un patrimonio che non va disperso e che deve essere sviluppato accanto alla valorizzazione del territorio sia in chiave paesaggistico-ambientale che turistico”.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. …gran bella storia la vostra; certo che avete coraggio! Il vs. capo della concorrenza leale ha fatto un caposaldo!