13.9 C
Belluno
venerdì, Aprile 3, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Stagione cadorina per l'infanzia e la gioventù Comincio dai 3: Teatro San...

Stagione cadorina per l’infanzia e la gioventù Comincio dai 3: Teatro San Giorgio di Domegge esaurito martedì

Domani martedì 29 esaurito il Teatro S.Giorgio di Domegge per lo spettacolo Barba-Zuchon, in scena alle ore 10 per la Stagione Cadorina di Teatro per l’Infanzia e la Gioventù Comincio dai 3 organizzata da Tib Teatro per la direzione artistica di Daniela Nicosia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

Daniela Nicosia
Daniela Nicosia

Un nutrito cartellone per le scuole e le famiglie che si articola da novembre ad aprile, offrendo svariate opportunità sociali e culturali a tutta la comunità cadorina. Un Teatro, il S.Giorgio, che proprio a partire dai più Giovani intende diventare, grazie ai progetti del Tib, un punto di riferimento e di aggregazione per tutto il Cadore. Lo spettacolo, che andrà in scena domani martedì 29 gennaio è una produzione della Compagnia Arti e Mestieri di Pordenone con Michela Pontello, Sara Zanutto e con Paolo Forte alla fisarmonica, per la regia di Bruna Braidotti che narra di due simpatiche barbone clown e .. una vecchia valigia… che raccontano storie nate dagli oggetti raccolti nei bidoni della spazzatura, oggetti che possono ancora servire, ma soprattutto hanno delle storie da raccontare e… sogni da realizzare!

Un tappo è il pretesto per raccontare a due voci (in veneto e italiano) la storia universale di Barba Zhucon, tratta dalla riscrittura della favola di Andrea Zanzotto in veneto di Pieve di Soligo. La storia di Barba Zhucon è la storia della beffa che madre e figlia fanno allo zio mago e cattivo. In cambio della padella per far le frittelle lo zio vuole un “poche de fritole”, ma invece si vedrà recapitare delle belle “petole”; cercherà allora di vendicarsi mangiando la bambina che gli ha fatto lo scherzo, ma le furbe mamma e figlia riusciranno a farlo scappare.

La storia viene raccontata dalle due narratrici che diventano di volta in volta il barba Zhucon, la mamma e la figlia, alternandosi nei ruoli e vivendo nel contempo i loro buffi bisticci di barbone in competizione nell’accaparrarsi gli oggetti e la simpatia del pubblico. La valigia, oggetto magico per i bambini, contiene svariati oggetti contesi dalle due barbone, la signora Bianca, adulta, assennata e un po’ burbera, e Pamela Candela, la bambina discola e furba che ha la mania di accendere sempre le candele per festeggiare tutti i giorni il compleanno. La competizione fra le due sembrerà finire finalmente con la concessione a Pamela di accendere le candeline sulla torta cantando con i bambini “tanti auguri a te”. In realtà però lo spettacolo finisce a torte in faccia secondo le classiche comiche.

La stagione di teatro per le scuole proseguirà poi con lo spettacolo LA STORIA DEL GUERIN MESCHINO,e per le Famiglie a Teatro, domenica 3 febbraio con LA FAVOLA DI ORFEO produzione Tib Teatro.

INFO E PRENOTAZIONI:

0437 950555 da lunedì a venerdì 10.30-12.30 / 15.30-17.30

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Accordo Luxottica. Brancher: “L’azienda integrerà al 100% la retribuzione di chi dovrà accedere alla cassa integrazione”

"L'accordo Luxottica continua a confermare l'estrema attenzione e sensibilità dell'azienda e della proprietà nei confronti delle sue persone". È il commento di Nicola Brancher,...

Cassa integrazione in deroga. Donazzan: in Veneto già 7mila domande per 19.500 lavoratori

Venezia, 2 aprile 2020  -  A cinque giorni dall’avvio della procedura, sono già 7 mila le domande di accesso alla cassa integrazione in deroga...

Fim-Cisl lancia l’allarme salari: con la cassa integrazione stipendi dimezzati

Salari dimezzati per almeno 3.400 dipendenti del settore metalmeccanico in provincia di Belluno. A lanciare l’allarme è la segreteria della Fim Cisl Belluno Treviso. “Le...

Lettera degli amministratori veneti FdI al ministro Gualtieri. De Carlo: “Fateci usare i fondi per bonus per bollette e affitti e per strumenti per...

“In Veneto non ci sono emergenze alimentari che non siano già seguite dai servizi sociali dei comuni e dalle associazioni di volontariato. I 400...
Share