Saturday, 7 December 2019 - 13:07
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Fare, per fermare il declino. Mario Marchese: “abbiamo in programma un ciclo di conferenze in provincia”

Gen 21st, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Mario Marchese

Mario Marchese

“E’ andata come si immaginava, il porcellum ha dato agli elettori il suo risultato migliore, tutti i professionisti della politica, con il possibile rischio di una debacle del loro partito, si sono messi in testa alle liste, con qualche specchietto per le allodole qua e là”. Lo dice una nota congiunta regionale e provinciale del movimento Fare per fermare il declino.

“Loro e non la società civile saranno i protagonisti dal 26 febbraio a Roma, dove si prendono le decisioni – prosegue la nota – E loro sono quelli che ci hanno consegnato questa Italia, tartassata e ignorata per 12 anni e uccisa l’ultimo anno finanziariamente da Monti, l’unico tecnico che non lascia a fine mandato ma decide di rovinarsi la reputazione facendo da capolista al più antico carrozzone presente (Casini, Fini).

Cosa è rimasto della spending review, della rottamazione della politica, della soppressione delle costose provincie, della nuova legge elettorale? Il nulla. E loro che nulla hanno fatto per portare a termine o modificare queste questioni oggi parlano agli elettori di priorità e di riduzione delle tasse senza un programma preciso d’intervento.

Ma la società civile vediamo che non ci sta. Gli elettori e tanti amministratori locali che a loro devono rispondere stanno dicendo basta a questa presa in giro, il vaso è colmo e l’economia va raddrizzata ora, subito, perché non c’è più tempo.

Noi vogliamo parlare con chi non vuol votare, con gli elettori di Futuro e Libertà, Lega, e Pdl che hanno visto tradire le loro aspettative. Il debito pubblico si può abbassare, la spesa pubblica si può abbassare e solo così si potrà abbassare le tasse senza incidere sull’economia, sulla scuola e sulle pensioni. Il nostro è un programma (www.fare2013.it) chiaro e comprensibile dove non ci sono promesse ma ricette economiche e proposte concrete che hanno già fatto ritrovare alle persone quella voglia di partecipare al cambiamento che si sentiva nel 1994 ma che è stata disattesa da chi ha gestito male il nostro stato centrale”.

“Abbiamo in programma una campagna elettorale – dichiara Mario Marchese, candidato bellunese al Senato per FARE – che prevede un ciclo di conferenze in questa provincia per spiegare che l’Italia ce la può fare e che il voto è utile se spinge al cambiamento. Le date saranno rese note nei prossimi giorni alla stampa; il nostro è un invito a condividere e a FARE qualcosa di propositivo, perché tutti siamo responsabili e “fattivi” del futuro del nostro Paese.

 

Share

Comments are closed.