Tuesday, 10 December 2019 - 15:13
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

La scomparsa di Paolo De Paoli, il ricordo di Maurizio Fistarol e Dario Bond

Gen 10th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Belluno, 10 gennaio 2013 Il senatore Maurizio Fistarol ricorda con affetto Paolo De Paoli e rammenta la loro collaborazione all’inizio degli anni ‘90. «Quando sono stato eletto sindaco nel 1993 – dice Fistarol – i lavori per il parcheggio e le scale mobili di Lambioi erano iniziati, ma si erano interrotti da più di un anno per mancanza di fondi. E’ stato anche grazie alla collaborazione preziosa di Paolo De Paoli, allora sottosegretario del governo Ciampi, se la pratica è stata sbloccata e i lavori sono poi ripresi con finanziamenti del Comune e della Regione Veneto». «Desidero che i cittadini bellunesi tengano a mente che anche Paolo De Paoli è uno padri di un’opera così importante per la nostra città. Le più sentite condoglianze alla famiglia», conclude Fistarol.

“E’ stato una figura importantissima per il Feltrino e per il Bellunese intero. Perdiamo un punto di riferimento che ha sempre interpretato la politica come un’attività a servizio dei cittadini e del territorio”. Così Dario Bond, capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, commenta la notizia della morte di Paolo De Paoli, politico feltrino scomparso in queste ore, sottosegretario di Stato per il Tesoro dal 7 maggio 1993 al 9 maggio 1994. “L’ho sempre chiamato ‘onorevole’ perchè così si è sempre dimostrato anche nei fatti: una persona capace, preparata e appassionata”. Non mancano ricordi personali: “Mi ricordo quando venni eletto per la prima volta in Consiglio regionale nel 2005. Ci trovavamo in municipio dove entrambi eravamo in Consiglio comunale, mi prese da una parte dicendomi che sia a Venezia che a Roma c’erano tanti squali e che dovevo fare attenzione. Aveva ragione”. “Seppure su fronti diversi abbiamo sempre avuto un buon rapporto improntato sulla leale collaborazione e sulla stima. Per noi tutti è stato un esempio e per questo sentiremo ancora di più la sua mancanza. Un abbraccio ai suoi familiari”, conclude il capogruppo il consigliere regionale feltrino.

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Negli anni in cui sono stato Provveditore agli studi di Belluno, ho dovuto affrontare il grave problema delle scuole di montagna, ” rischio” chiusura. Erano gli anni in cui, Presidente del Consiglio Ciampi, l’Italia era chiamata a compiere sforzi enormi per riuscire ad entrare nell’euro. Il Ministero della Pubblica Istruzione impegno tutti i Provveditori agli studi d’Italia nell’opera della cosiddetta “razionalizzazione delle rete scolastica”.
    Molte scuole del Bellunese e del Feltrino erano al di sotto dei parametri standard e rischiavano la chiusura. L’on.le De Paoli, allora sottosegretario al Tesoro, mi affiancò efficamente nella difficile battaglia intesa a salvare le scuole a rischio. E molte sono state salvata da Lui. Non l’ho mai dimenticato e non lo dimenticherò mai. Gliene sono grato e glene sono grati tutti gli operatori della Scuola della provincia.
    Grazie ancora, on. De Paoli.
    Nicola Lenoci, già Provveditore agli Studi di Belluno

  2. Nell’articolo di giornale mi spiace rilevare non viene citato che Paolo De Paoli per oltre 50 anni è stato l’emblema del Partito Socialista Democratico Italiano confluito di recente, grazie anche al suo contributo ideologico, nell’Associazione Culturale Nazionale Democrazia Futura che si riconosce nella Internazionale Socialdemocratica Europea.
    Si chiede cortesemente di pubblicare questa precisazione perchè sono appena tornato da Feltre dal suo funerale, assieme ai molti amici sociademocratici che con Paolo De Paoli si riconoscono nelle idee di Giuseppe Saragat, Presidente della Repubblica e tra i costituenti della Repubblica Italiana.

  3. Le mie piú vivi e sinceri condolenze al on Paolo De Paoli.Ripose in pace.Grazie,Angela Conte.

  4. Lo ricordo con affetto, un abbraccio alla famiglia.
    Roberto Poletti, giornalista Mediaset, feltrino