Tuesday, 10 December 2019 - 16:11
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Il giornalista Pio D’Emilia di Sky Tg24 incontra i ragazzi del Liceo linguistico di Auronzo

Gen 7th, 2013 | By | Category: Pausa Caffè, Scuola

Lunedì 7 gennaio alle ore 10 Pio D’Emilia, giornalista e corrispondente di Sky TG24 dall’Estremo Oriente, incontrerà docenti e studenti del Liceo Linguistico Cadore di Auronzo,sul tema Cina, Giappone – le nuove potenze economiche, proiettando alcuni dei suoi più recenti lavori come “Il sogno cinese”. L’incontro sarà introdotto da Tatiana Pais Becher che aveva già presentato D’Emilia nella rassegna Auronzo Attualità 2011 in occasione della presentazione del suo volume su Fukushima e dell’intervista al dissidente di

piazza Tienanmen Wuer Kaixi.

Giappone, Cina, Corea. paesi lontani, ma, come dire, sempre più vicini. La Cina è diventata la seconda potenza economica mondiale, Giappone e Corea sono rispettivamente la terza e la decima. Paesi che hanno appena (Cina) o che stanno per rinnovare (Giappone e Corea) la loro leadership.

Cosa sappiamo di questi paesi, e del continente divenuto nei fatti, e sempre più lo sarà, il più importante del pianeta?

Un dato per tutti: in Cina, negli ultmi 30 anni, 300 milioni di persone sono passati dalla fame alla classe “media”. E’ l’equivalente dell’intera popolazione Usa o Europea.

Nel frattempo, nei paesi europei e in Giappone il “fattore Gini”, quello che misura il tasso di “diseguagianza sociale” e che fino a 30 anni fa era decisamente favorevole, si è impennato verso il basso. Il “gap” tra ricchi e poveri si è vistosamente allargato, riducendo fortemente la cosiddetta “classe media”.

Il successo economico dei paesi estremo orientali pone anche il problema della Governance, dello sviluppo sociale, del welfare, della democrazia. Difronte all’instabilità politica dell’Occidente, alla crisi morale e l’abbattimento progressivo dello stato sociale ha ancora senso parlare di modello vincente?

O ci sono altre opzioni?

Una cosa è certa, l’Europa, e l’Italia in particolare, deve abbandonare ogni preclusione, ogni timore nei confronti di queste nuove realtà e cercare invede di conoscerle e comprenderle sempre di più. Perchè forse non i nostri figli, ma i nostri nipoti vivranno in un mondo molto diverso da quello attuale- E dove sapere il cinese sarà forse più importante dell’inglese Pio d’Emilia sarà a disposizione per rispondere alle domande di docenti e studenti.

Share

Comments are closed.