13.9 C
Belluno
sabato, Agosto 8, 2020
Home Cronaca/Politica Un milione di euro al Comune di Longarone per la realizzazione del...

Un milione di euro al Comune di Longarone per la realizzazione del Percorso della memoria

Dario Bond
Dario Bond

I soldi si sa sono sempre un argomento molto convincente. Soprattutto in campagna elettorale. Ecco dunque arrivare puntualissimo il finanziamento regionale di un milione di euro per i tre chilometri nel cuore dei luoghi della memoria. Un percorso tra passato e presente che vuole coniugare storia, cultura e valorizzazione turistico-paesaggistica, presentato questa mattina in municipio a Longarone (Belluno) denominato “Ripercorrere la Valle del Vajont”.

A Longarone l’assessore Giorgetti ha consegnato al sindaco Roberto Padrin l’assegno per iniziare l’operazione di rilancio dell’intera area: “La Regione del Veneto vuole fare la propria parte fino in fondo”. Non a caso, l’importante contributo segue di poche settimane i 25 mila euro messi a disposizione dall’assessorato alla cultura guidato da Marino Zorzato.

Presenti, tra gli altri all’incontro, il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond – che fin dall’inizio ha portato avanti la richiesta di finanziamento.

“Ci auguriamo che adesso anche altri soggetti, sia pubblici che privati, seguano il nostro esempio e partecipino a questa grande operazione”, ha detto l’assessore Giorgetti confermando di aver già attivato contatti utili con la Regione Friuli-Venezia Giulia.

Sulla stessa lunghezza d’onda il capogruppo Bond (Pdl): “Tutti i soggetti privati che fanno parte della Fondazione Vajont, come l’Enel e l’Edison, devono essere sensibilizzati e fare la loro parte”.

Dal canto suo, il sindaco Padrin ha ribadito l’obiettivo di posare la prima pietra dell’opera nei giorni dell’anniversario.

Nel dettaglio, la strada del Colomber collegherà i due versanti della valle del Vajont con una passerella che passerà davanti alla diga per poi congiungersi con la viabilità principale che porta sul coronamento.

Bond, ricordando il ruolo delle guide della Memoria, ha sottolineato come il Cinquantesimo della tragedia debba essere visto come un’opportunità per andare oltre l’evento creando prospettive di sviluppo anche turistico.

Sempre Bond ha chiesto che almeno nelle settimane della commemorazione la diga sia aperta al pubblico, in particolare alle scolaresche. Obiettivo che ha trovato d’accordo tutti i sindaci della zona.

“Questa opera resterà per sempre”, concludono Bond, Giorgetti e Padrin. “E’ un tributo alla memoria che però vuole pensare al futuro”.

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Alpe del Nevegal: già in evidenza Merli e Faggioli alla prima sessione della gara

  Se il buongiorno si vede dalla prima salita di prove del mattino, la 46ma Alpe del Nevegal farà faville. La prima sessione di salite di...

Presentata questa mattina la squadra bellunese del Pd per le elezioni regionali

Sono stati presentati questa mattina al gazebo in piazza dei Martiri a Belluno i 5 candidati bellunesi del Partito democratico per le elezioni regionali...

Movimento 3V Libertà di scelta

C'è anche una voce fuori del coro nel panorama politico che in questi giorni preme sotto l'effetto della campagna elettorale per le regionali del...

Crac banche venete. Trasparenza della Regione: pubblicati nel Bollettino regionale gli atti esecutivi con le pagine bianche. I truffati impossibilitati a scegliere il loro...

La Regione del Veneto, sovente, è indicata dai reggenti pro-tempore come esempio di buona amministrazione, i media - specie quelli regionali - raccolgono il...
Share