Saturday, 7 December 2019 - 13:49
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Voto per corrispondenza degli elettori residenti all’estero

Gen 2nd, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni
Palazzo dei Rettori sede della Prefettura

Palazzo dei Rettori sede della Prefettura

Per le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 trovano applicazione le modalità di voto per corrispondenza degli elettori residenti all’estero di cui alla legge 27/12/2001, n. 459 e al D.P.R. 02/04/2003, n. 104.

Lo rende noto la Prefettura di Belluno in una nota, precisando che tale normativa fa comunque salva la possibilità dei medesimi elettori di optare per il voto in Italia, in favore dei candidati della circoscrizione nella quale è ricompreso il proprio comune di iscrizione nelle liste elettorali.

L’opzione è valida soltanto per una consultazione elettorale, pertanto, la scelta di votare in Italia eventualmente espressa in occasione di precedenti consultazioni ha esaurito ogni efficacia.

Il diritto, ove non sia stato già esercitato nell’anno 2012 con espresso riferimento alle prossime elezioni politiche, può essere esercitato entro il 10° giorno successivo all’indizione delle elezioni e cioè entro il 3 gennaio 2013 facendo pervenire la domanda, per posta o mediante consegna a mano, all’Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza.

L’opzione può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

Il Ministero degli Affari Esteri ha già avviato, attraverso i canali diplomatico/consolari, la campagna di informazione all’estero ed ha predisposto il modello di domanda per l’esercizio del diritto di opzione.

Tale modello potrà essere reperito, dai nostri connazionali residenti all’estero, presso i consolati, i patronati, le associazioni, i “Comites” oppure in via informatica sul sito web del Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it) o su quello del proprio Ufficio consolare.

 

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. […] Vai alla fonte […]

  2. E per i referendum???

    E’ una legge assurda che sfalsa il risultato e favorisce chi non vive nel comune in cui è iscritto. Solita roba all’italiana.