13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 11, 2020
Home Cronaca/Politica La Polizia locale di San Vito di Cadore pizzica 4 furbetti con...

La Polizia locale di San Vito di Cadore pizzica 4 furbetti con il pass disabili. Anche una dirigente di una struttura medica veneta e un professionista romano

pass disabiliPuntuali come il Natale anche quest’anno sono arrivati i “furbetti” del pass disabili. In soli 5 giorni il personale del Comando polizia locale di San Vito di Cadore ha sorpreso quattro turisti che pensavano di approfittare delle agevolazioni accordate ai titolari del contrassegno per la circolazione e sosta delle persone disabili, per non pagare i parcheggi o per trovare più facilmente un posto auto in questo periodo di affollamento del centro.

Per due di loro che esponevano un pass falso, una dirigente di una struttura medica veneta ed un professionista romano, è scattata la denuncia penale alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Belluno oltre al sequestro del contrassegno falso e la sanzione prevista dal Codice della Strada. Entrambi rischiano la condanna della reclusione fino a tre anni.

Altre due donne invece, utilizzavano dei contrassegni autentici ma intestati a persone decedute da anni, per sostare sui marciapiedi e sui posti dei taxi. Per loro “solo” una sanzione amministrativa ed il sequestro dei pass.

“La cosa che più preoccupa – afferma il comandante della Polizia locale Lorenzo Fenzi – è la sempre più precisa contraffazione delle autorizzazioni, che rende difficile l’identificazione dei permessi falsi da quelli autentici”.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede per un nuovo consorzio forestale. Dal Farra: “Ora è fondamentale curare il...

“Il territorio ha bisogno di cura e manutenzioni: il bosco avanza, consumando i prati e marcendo in piedi, e i turisti chiedono pulizia. Smettiamo...

Incassati i primi 2,6 milioni per la prima tranche della rigenerazione urbana

Sono arrivati nella giornata di ieri i primi rimborsi da parte dello Stato di quanto anticipato dal Comune di Belluno per i lavori di...

Lettera aperta a Zaia. Perché Montagnoli NO e Valdegamberi SI?

Gentile Presidente Zaia, le scrivo a nome di molti cittadini veneti. Abbiamo letto le sue ferme parole in merito alla scabrosa vicenda dei Consiglieri Regionali del...

Esternalizzazione del Primo soccorso di Auronzo. Coordinamento Bellunese del Veneto che Vogliamo: è questa la sanità che vogliamo?

Il coordinamento provinciale bellunese del "Veneto che Vogliamo - Lorenzoni Presidente" interviene in merito all'esternalizzazione del Primo Soccorso di Auronzo con la nota che...
Share