Wednesday, 11 December 2019 - 21:59
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Fermare il declino candida Mario Marchese e Rudi De Gasperini

Gen 2nd, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

fermare il declinoSono chiuse ufficialmente le liste di Camera e Senato di Fare per fermare il declino, il movimento nato 5 mesi fa e capitanato da Oscar Giannino. Sono 68 i candidati presenti nelle tre liste (Senato, Camera1 e Camera2) di cui 12 donne, tutti ugualmente rappresentanti della società civile.

Il candidato al Senato per Belluno è Mario Marchese, pensionato di Belluno. Per la Camera 2, Rudi De Gasperini, imprenditore di Sedico nativo di Cesiomaggiore, Maria Enrica Lion, libero professionista residente a Cesiomaggiore, Maria Teresa Bighi, imprenditrice, nata a Venezia e residente a Sovramonte.

Scorrendo le liste si leggono liberi professionisti, dirigenti d’azienda, imprenditori, ma anche impiegati, insegnanti ed altro. Tutti cittadini professionalmente impegnati, spinti dalla volontà di rappresentare una forza politica nuova.
Quella del giornalista economico Oscar Giannino come capolista alla Camera, è una candidatura annunciata, mentre si evidenzia su tutte quella al Senato del veronese Franco Bocchini, 55 anni, laureato in ingegneria civile all’Università di Padova, imprenditore di piccola impresa manifatturiera con una passione per l’innovazione che lo ha portato anche all’attività collaterale di business angel . Del tutto nuovo all’impegno politico, ha invece vissuto un’intensa e attività associativa in Confindustria in ambito provinciale, regionale e nazionale.
Il movimento Fermare il declino, trasformatosi di recente in lista civica Fare per Fermare il declino, dopo essersi confrontato con le forze politiche che avrebbero potuto condividere per affinità di programma i 10 punti del Manifesto http://www.fermareildeclino.it/10proposte correrà sola. Una scelta difficile ma necessaria per dare un forte segno di cambiamento e di coerenza a tutti gli italiani delusi.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. […] Vai alla fonte […]