Friday, 19 January 2018 - 11:27

Il cerchio si stringe: ecco i sei candidati ammessi alle primarie del Pd per il Parlamento

Dic 23rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

parlamento-leggeraLa Direzione Provinciale del Partito Democratico di Belluno si è riunita oggi, domenica 23 dicembre, per esaminare la documentazione presentata dai candidati alle primarie per i parlamentari delle elezioni politiche di febbraio 2013.

Sei dei nove candidati sono stati ammessi alle primarie di domenica 30 dicembre:

Bettiol Claudia, Cassol Maria Teresa, Dalla Gasperina Alessandro, De Menech Roger, Maoret Lidia e Visalli Irma.

I candidati  – recita la nota diramata dalla segreteria provinciale del Pd – si sono impegnati a rispettare il Codice Etico del Partito Democratico ed il codice di autoregolamentazione della campagna elettorale, l’impegno di lealtà e coerenza verso gli elettori ed il Partito Democratico e la dichiarazione, per coloro che non sono iscritti al Partito Democratico, di essere comunque elettori del Partito stesso.

Si avvia così la campagna elettorale per il voto alle primarie che avverrà domenica 30 dicembre 2012.

La vera battaglia per conquistare il seggio in Parlamento, per i sei candidati bellunesi si giocherà tutta in questa fase. Chi otterrà più voti alle primarie di domenica prossima, infatti, avrà la garanzia di essere collocato in posizione di sicura elezione nelle liste del febbraio 2013. E dunque andrà in Parlamento chi ha la macchina elettorale più potente in grado di raccogliere i voti all’interno degli iscritti del Pd e di coloro che avendo votato alle precedenti primarie hanno diritto di voto.

Posto che si potranno dare due preferenze, il Feltrino potrebbe concentrare le sue preferenze sui propri candidati, che in questa tornata sono Alessandro Dalla Gasperina e Lidia Maoret. Nel Bellunese i voti se li divideranno il tandem Claudia Bettiol – Roger De Menech e Irma Visalli  -Maria Teresa Cassol. Sarà interessante vedere se gli “ordini di scuderia” avranno la meglio sui voti liberi, dati alla persona.

Share

10 comments
Leave a comment »

  1. Buona parte di quelle persone, sono già impegnate politicamente sul territorio,
    cosa dovrebbero dire i cittadini Feltrini e Bellunesi che li hanno votati per amministrare la propria città,
    che lasciano la poltrona piccola per mettere il fondo schiena su una più grossa?!?!

  2. Andrea, che dire allora di VACCARI (LEGA NORD), che fu al contempo senatore e sindaco di una città di 20.000 abitanti?

  3. A me dispiaca che non ci sia nessun Agordino e/o Cadorino, Comelicense, Zoldano, perchè sono queste le realtà che più rappresentano il nostro territorio e non Belluno e Feltre che sono satelliti della pianura.

  4. e questo sarebbe il nuovo che avanza !!!!!!
    Buona parte di quelle persone, sono già impegnate politicamente sul territorio,
    cosa dovrebbero dire i cittadini Feltrini e Bellunesi che li hanno votati per amministrare la propria città,
    che lasciano la poltrona piccola per mettere il fondo schiena su una più grossa?!?!
    Per quanto riguarda Vaccari che aveva il doppio incarico,se non fosse cambiata la legge sarebbe stata la stessa identica cosa

  5. Invidiosi perché il PD è l’unico che fa le primarie per scegliere chi ci raprresebteà in parlamento con regole certe?
    Se, putroppo e sottolineo putroppo, non ci sono candiidati delle vallate significa che nessuno si sarà proposto , perchè per quello che ne so ognuno poteva proporsi con 50 firme di sostegno.

  6. Caro Giovanni, saranno anche “vecchi come il cucco” come dici tu, ma hanno esperienza in campo politico! Perché mandare in Parlamento dilettanti allo sbaraglio?! P.S. Come fai a dire che Roger De Menech è vecchio “come il cucco”? Non ha neanche quarant’anni!

  7. mettetevi d’accordo. Una volta meglio il nuovo che il vecchio. Dopo meglio i vecchi perchè hanno esperienza. Il problema è che quando si inizia con deroghe, già si capisce tutto. Ma sono gli Italiani così. Vogliono le regole per bypassarle. Succede con tutto, codice della strada, codice tributario e, perchè no, anche regole politiche. Il De Menech è dipendente pubblico provinciale, è sindaco, farà il parlamentare ecc. ecc. La Maoret che era della cisl, contro tutto ciò che era rosso, e diventa del PD. Ma andate tutti a prendervela nel c….

  8. Mirco, chi l’ha detto che De Menech “farà il parlamentare”?!

  9. Premetto, non sono cadorino e non ho nessuna tessera di partito.
    Ma mi spiegate perché, questo sistema certamente molto democratico, ha escluso dalla competizione una persona di cultura esperienza e capacità , ( inventore tra l’altro del servizio 118) come il Dott.Costola?
    Sicuramente mi sbaglio, e se ho sbagliato me ne scuso in anticipo, ma non ricordo che i candidati che sono stai votati, abbiamo dimostrato le stesse capacità ed attaccamento al territorio lui.
    La mia non è polemica, ma solo curiosità, grazie per la risposta
    Tanti auguri.

  10. @Lucio: mi pare che sia stato escluso perché non ha presentato le firme necessarie per candidarsi alle primarie.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.