Sunday, 16 December 2018 - 12:37

Softair, giocare a fare la guerra con armi inerti: la Questura stabilisce le regole

Dic 5th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Questura di Belluno

Al fine di tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica in ambito provinciale e per non creare falsi allarmi tra la popolazione e, con lo scopo di uniformare l’attività di gioco con l’utilizzo di “SOFT-AIR”, il Questore di Belluno ha emanato precise disposizioni per chiunque intenda promuovere manifestazioni a carattere ludico con l’utilizzo di strumenti denominati Soft Air.

In particolare, deve essere data comunicazione scritta, almeno tre giorni prima della data prefissata dello svolgimento della suddetta attività, all’Ufficio di Gabinetto della Questura, tramite posta o a mezzo fax al nr.0437/945594. In tale avviso devono essere espresse le generalità del promotore, il giorno e l’ora della manifestazione, il luogo, con riferimento al Comune, entro i cui confini rientrino i terreni utilizzati. Alla comunicazione devono essere allegate: 1) copia dello statuto dell’associazione e l’elenco degli associati; 2) copia della cartografia dell’area interessata sulla quale andrà delineata in rosso la zona dei giochi; 3) la dichiarazione di concessione dell’area in questione da parte degli aventi diritto (di cui dovranno essere indicati tutti i dati anagrafici) per l’utilizzo del campo di gioco.

Dovranno, inoltre, essere osservate le seguenti prescrizioni:

1) la zona deputata a tale attività deve essere segnalata con vistosi cartelli che indichino in maniera inequivocabile la reale natura del gioco in corso, in modo da evitare di procurare allarme nella cittadinanza;

2) i partecipanti  non devono indossare divise o fregi in uso alle forze armate o di polizia, nazionali o estere;

3) gli stessi non devono portare o armi o strumenti da punta o da taglio atti ad offendere o altri strumenti atti ad offendere;

4) devono essere utilizzati soltanto “strumenti soft air” provvisti di tappo e con potenza di tiro non superiore a 1 joule, non classificati fra le armi di cui agli artt. 1 e 2 della legge 18 aprile 1975, n. 110, e potranno essere utilizzati come munizioni soltanto pallini in plastica e di colore vivo, inerti e non idonei a contenere altre sostanze o materiali, quali vernici.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Siamo i ragazzi di un asd di treviso, abbiamo una concessione dataci dalla Regione Veneto per un campo lungo le rive del fiume Piave a seguito di un canone annuale. Tutte le nostre manifestazioni sono a puro scopo ludico e ricreativo, siamo all’incirca 90 ragazzi/adulti che vanno dai 14 anni agli over 60.
    annualmente promuoviamo lo sport e facciamo beneficenza ( telethon ) godendo di tutto ciò che questo sport porta a dispetto della grave situazione Italiana, divertimento, amicizia, rispetto della natura, delle regole.
    Ci siamo riuniti in tutta italia ed abbiamo creato un Federazione, per darci delle sane regole, per avere un qualcuno che possa indicarci il comportamento da tenere per non infrangere tante regole, per non disturbare nessuno! Credo nelle istituzioni che si affiancano allo sport, che ne fanno un uso benefico per i giovani che al momento non credono più in niente, credo che se le istituzioni inizino a dare un segnale che tutto ciò possa effettivamente esistere, credo che se le sitituzioni la smettano di dare sempre delle regole negative ( tutto proibito ) e diano modo ai giovani di sfogarsi e divertirsi, avremo sicuramente un mondo migliore.
    Evviva lo sport evviva il softari evviva i giovani! Funky presidente Sneaky Legion a.s.d.