Tuesday, 23 January 2018 - 21:20

Venerdì a Col Cumano si parla di cinema con Mario Dal Bello e Anita Kravos

Dic 4th, 2012 | By | Category: Appuntamenti, Pausa Caffè

Nuovo incontro per la rassegna culturale “Illustrissimi” ideata e organizzata da Michelangelo De Donà. Il Centro Papa Luciani di Santa Giustina ospita venerdì 7 dicembre alle 20.30 l’incontro con il prof. Mario Dal Bello (critico d’arte e di cinema) che presenterà il libro “La Bibbia di Caravaggio. Immagini dell’Antico e del Nuovo Testamento” con proiezioni di immagini e letture dell’attrice Anita Kravos che ha partecipato alla fiction su Papa Luciani con Neri Marcorè. Il card. Ravasi nella prefazione al libro definisce Dal Bello una guida preziosa che conduce ciascuno di noi all’interno della straordinaria sequenza pittorica religiosa di Caravaggio. Un saggio agile, documentato, originale sulla visione religiosa e sull’interpretazione profondamente umana e laica che Caravaggio diede della Sacra Scrittura attraverso le sue tele. Mario Dal Bello attraverso lo studio di 18 dipinti ripercorre il cammino artistico del pittore lombardo, un regista della luce e del chiaroscuro che attraverso la Parola dipinta interpella ancora oggi l’esistenza umana, dove luci e ombre si susseguono in una perenne ricerca della Verità. Nel corso della serata un piccolo spazio sarà dedicato anche al libro “Le famiglie italiane sullo schermo”, infatti la famiglia è sempre più spesso al centro dell’interesse della cinematografia italiana, osservatorio interessante per leggere le tendenze della società.

La rassegna culturale “Illustrissimi” è sostenuta per il 2012 da Provincia di Belluno-Regione Veneto-RetEventi, Consorzio Bim Piave e Cassa di Risparmio del Veneto, oltre a sponsor privati.

 

CHI SONO

Mario Dal Bello, laureato in Lettere, Filosofia e Teologia, già docente di Letteratura italiana nei licei in Italia e all’estero, è dal 1990 Responsabile del settore Arte e Spettacolo della rivista Città Nuova. Scrive saggi e articoli su diverse riviste culturali, collabora a convegni internazionali e nazionali d’arte e di cinema, è membro della Commissione Nazionale Valutazione Film della CEI.

È autore di “Pasolini, Zeffirelli, Gibson: Una Storia dell’Arte Raccontata dal Cinema” (in Gesù e la macchina da presa di Dario E. Viganò, Lateran University Press, 2005) di “Primissimo Piano. Incontri con Registi, Attrici e Attori” (Ente dello Spettacolo, 2006), “Caravaggio. Percorsi di Arte & Cinema” (Effatà Editrice, 2007), “La Prova. Nove Film Italiani a Confronto” (Effatà editore 2008), “Inquieti, I Giovani nel Cinema Italiano del Duemila” (Effatà, 2009), “Ritratti d’Autore, da Duccio a Rothko” (Città Nuova, 2009) e di “La Bibbia di Caravaggio” (Weiland editore, 2010).

Anita Kravos Nasce a Trieste nel 1974 e cresce a Gorizia sul confine con la Slovenia in un ambiente multiculturale. Nel 1998 frequenta il corso di perfezionamento teatrale internazionale Ecole des Maitres, cui segue una tournée europea che giunge fino a Mosca. Qui frequenta per due anni l’Accademia Teatrale Russa GITIS. Si laurea in Lingue discutendo una tesi relativa all’esperienza teatrale moscovita. Nel 2000 si trasferisce a Roma e prende parte, con piccoli ruoli, a film come Saimir di Munzi, Amore, bugie e calcetto di Lucini, Manuale d’amore 2 e Italians di Veronesi. Nel 2007, il suo primo ruolo da protagonista nel film Come l’ombra di Spada le vale ben sette riconoscimenti. Seguono nel 2008 due lungometraggi in Svizzera e Slovenia. Nello stesso periodo prende parte ai film per la televisione Un caso di coscienza 3 diretto da Pirelli, Papa Luciani, Il generale Dalla Chiesa e Ho sposato uno sbirro diretti da Capitani. Nel 2009 presenta al Festival Internazionale del Film di Roma Alza la testa di Angelini con Sergio Castellito; nel 2009 partecipa al film La prima linea di De Maria, dove interpreta il ruolo di una terrorista. Nel 2010 è la protagonista del film Lamor cortese di Camarca, dove interpreta Gemma: una giornalista gourmet, divisa tra ristoranti di lusso e la cura del padre, che ritroverà la realizzazione e l’amore con l’incontro di un vecchio compagno di scuola. Nel 2012 è protagonista del cortometraggio Svegliati di Duccio Giordano.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.