Sunday, 8 December 2019 - 17:43
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Provincia di Belluno salva nel nome. Michele Carbogno: “bisogna insistere, ora servono vere competenze e soprattutto un’adeguata capacità finanziaria”

Ott 31st, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Belluno Protagonista esprime soddisfazione per il mantenimento della Provincia, ma ritiene il passaggio compiuto oggi dal Governo solo una tappa di quello che deve essere il percorso per arrivare alla salvezza del territorio bellunese.

“Ora bisogna insistere – afferma Michele Carbogno – perché all’ente vengano assegnate vere competenze e soprattutto un’adeguata capacità finanziaria. Come abbiamo ribadito anche nelle scorse settimane non è sufficiente mantenere lo status di Provincia, ma anche un ruolo di peso collegato ad essa”.

Per Belluno Protagonista “adesso la battaglia va spostata sul piano dei contenuti, affinché la Provincia di Belluno possa svolgere vere funzioni di programmazione e coordinamento e perché ad essa vengano date le risorse necessarie per svolgere tali compiti”.

“Vogliamo comunque considerare quella di oggi – conclude Carbogno – una giornata positiva e quindi cogliamo l’occasione per ringraziare tutti quelli che hanno lavorato per arrivare al risultato odierno: il comitato per salvare Belluno, i tanti cittadini che sono scesi in piazza, il vescovo e infine il Bard, che è stato il movimento che ha dato il là al tutto”.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. La giornata di oggi non è positiva, come dice Carbogno, ma storica!!!!

  2. Ma storica di che. Primo è un Decreto Legge e come decreto legge può essere modificato. Inoltre con la specificità ci si pulisce il culo, perchè specificità non vuol dire soldi. Ma svegliatevi va.

  3. Festa per un giorno e poi continuare a lavorare per mantenerla come ente di primo grado e piena attuazione art. 15 dello statuto regionale per l’ AUTONOMIA reale.
    Ma concordo con Lino è una giornata storica! Abbiamo almeno una volta ” coraggio di esultare” e non sempre lamentarsi.