Sunday, 8 December 2019 - 12:16
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Living Dolomiti: tra orsi e Panda d’Oro. 100% bellunese il primo progetto premiato con l’ambito riconoscimento di WWF Italia

Ott 26th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Giovedì 24 ottobre, “7 giorni da orso”, progetto di Living Dolomiti della società Onda d. Comunicazione è stato premiato da WWF Italia con il Panda d’Oro, riconoscimento alle buone pratiche per la tutela delle Alpi.

Accanto all’Associazione Alpine Pearls e alla Fondazione Cariplo, la realtà bellunese, rappresentata da Gianfranco Nadalet e dalla presidente Francesca Cresta, è stata la prima a salire sul palco dei vincitori per illustrare il perché l’orso bruno abbia scelto proprio la provincia di Belluno per il suo rientro in Italia e come sia possibile seguirne le tracce alla scoperta di un territorio dal patrimonio naturale unico e dalla cultura preziosa.

Alla presenza dei maggiori esponenti del mondo accademico e istituzionale nel campo della salvaguardia ambientale e delle scienze naturali, presso la prestigiosa sede del Museo Nazionale della Montagna di Torino, si è svolta mercoledì 24 ottobre, la cerimonia di consegna dei premi Panda d’Oro 2012 da parte di WWF Italia. L’ambito riconoscimento, nato nel 2002 per valorizzare e premiare le buone pratiche per la conservazione della biodiversità in Italia attraverso progetti concreti ideati e realizzati da organizzazioni pubbliche e private e che nel corso degli anni ha visto vincitori enti regionali e provinciali, enti parco, il Corpo Forestale dello Stato e numerose altre istituzioni italiane, è dedicato per l’edizione 2012 all’Ecoregione Alpi.

Dopo i saluti e gli interventi di apertura affidati a Aldo Audisio, direttore del Museo Nazionale della Montagna di Torino, Ermanno De Biaggi, direttore del Museo Regionale delle Scienze Naturali, e Giacomo Giacobini, presidente dell’Associazione Nazionale Musei Scientifici, il primo tra i nomi ad essere chiamati sul palco per la premiazione è stato quello di Gianfranco Nadalet, responsabile di Living Dolomiti, tour operator della società bellunese Onda d. Comunicazione, a cui Stefano Leoni, presidente WWF Italia, ha consegnato il Panda d’Oro per il progetto “7 giorni da orso”. Gianfranco Nadalet ha quindi avuto l’occasione di illustrare il progetto al pubblico, una proposta di turismo responsabile nelle Dolomiti bellunesi per scoprire il valore aggiunto che la presenza dell’orso nel territorio delle alpi orientali ha portato sia in ambito turistico che ambientale. Quello dell’orso è stato infatti un ritorno spontaneo, a testimonianza dell’alta qualità ambientale della montagna bellunese, e questo fenomeno si è rivelato una speciale fonte di richiamo per un turismo responsabile e rispettoso dell’ambiente naturale e delle comunità bellunesi, attraverso l’utilizzo di mezzi di trasporto collettivi e quindi poco impattanti, l’impiego di prodotti del territorio a sostegno dell’economia locale e la proposta di iniziative volte alla riscoperta della cultura e delle tradizioni della provincia. Il pacchetto “7 giorni da orso”, proposto già per l’estate 2012 e organizzato per un soggiorno di 6 giorni e 7 notti, porta il turista ad un’esplorazione consapevole della parte meridionale della provincia di Belluno, con i suoi suggestivi boschi ricchi di fauna e flora preziose – oltre alla presenza dell’orso documentata anche recentemente grazie alle fototrappole installate dalla Polizia provinciale, è bene ricordare il Gallo Cedrone, pressoché scomparso dall’intero arco alpino ad eccezione proprio della montagna bellunese – al cospetto dell’incantevole panorama sulle più importanti cime delle Dolomiti patrimonio dell’Umanità, deliziati dalla semplice ma quanto mai gustosa e genuina gastronomia e immersi in località in cui si respirano ancora ritmi di vita “a misura d’uomo e di ambiente”.

Il riconoscimento del Panda d’Oro in questa occasione, quando cioè l’Italia si appresta ad assumere la presidenza della Convenzione delle Alpi per il biennio 2013-2014, è particolarmente significativo.

È il segnale che anche la provincia di Belluno, o forse proprio questo territorio in misura ancora maggiore di altre aree delle Alpi trasformate in “luna park” ad uso e consumo del turismo di massa, è all’avanguardia nella salvaguardia di un ecosistema prezioso e nella promozione di uno sviluppo e di un turismo sostenibili a vantaggio dell’ambiente naturale e delle stesse comunità locali. Onda d. Comunicazione, e quindi Living Dolomiti, è una realtà molto attenta a queste tematiche sempre di grande attualità. La società è, infatti, composta da professionisti e aziende bellunesi operanti sul territorio, che credono nei valori umani quali amicizia, trasparenza, condivisione e hanno come obiettivo la valorizzazione e la promozione del territorio bellunese, delle sue specificità e dei soggetti che lo compongono, attraverso azioni che si rivolgono non solo al mercato turistico e all’area nazionale e internazionale, ma anche all’interno della stessa provincia di Belluno, per rendere questo territorio sempre più vivibile e moderno, nel pieno rispetto del prezioso ambiente naturale delle Dolomiti.

 

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Complimenti di cuore a Living Dolomiti e ai suoi rappresentanti. L’ambìto riconoscimento ottenuto da WWF Italia onora il loro impegno e di riflesso porta lustro alla nostra Provincia.
    Il nostro mercato turistico ha di fronte un futuro incerto per obiettive difficoltà economiche degli utenti, per concorrenza esterna agguerrita e talvolta “dopata” economicamente, ed interna protetta da “lobbies” settoriali che di fatto bloccano un corretto agire complessivo per il nostro territorio. Pur in questo contesto, una realtà così dinamica come Living Dolomiti sicuramente troverà sempre più spazio di azione e si distinguerà per correttezza nell’operare e dinamicità nelle proposte.

  2. […] Vai alla fonte Filed in: News Tags: Gallo Cedrone, Gianfranco Nadalet, Living Dolomiti, Museo Nazionale […]

  3. Orgoglio bellunese!