Monday, 9 December 2019 - 06:28
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Province montane di Belluno e Sondrio. Gli intenti e le ragioni comuni per evitare l’accorpamento

Ott 25th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Visita d’eccezione, oggi, a Palazzo rosso, all’indomani della manifestazione bellunese per salvare la Provincia. La lunga ed incerta battaglia è combattuta, infatti, con un alleato: la Provincia di Sondrio, unica altra provincia interamente montana d’Italia. E proprio da Sondrio sono giunti in visita oggi il sindaco di Sondrio, Alcide Molteni, il presidente della Provincia, Massimo Sertori e Ugo Parolo, l’unico consigliere regionale lombardo a rappresentare il sondriese.

Dopo gli onori di casa e un veloce giro in Piazza Martiri, il sindaco, Jacopo Massaro, ha esposto ai rappresentanti degli organi di informazione, la situazione che accomuna Belluno e Sondrio. “Da tempo ci sentiamo regolarmente e ci teniamo in contatto, perché è innegabile che il nostro territorio interamente montano impone un modello di gestione diverso. E’ nostra volontà che le due province non siano accorpate ed è un peccato, dovuto al sovrapporsi di impegni, che i nostri ospiti non abbiano potuto partecipare alla manifestazione di ieri. Oggi non abbiamo qui i nostri consiglieri regionali, che pure avevo invitato, perché impegnati a Venezia in una sessione di lavoro sempre sull’argomento: in questo momento stiamo tutti lavorando per la stessa causa. Rispetto alle decisione che prenderà il governo, mi auguro che si tenga presente la specificità della provincia di Belluno, riconosciuta – dopo lunghe trattative – dallo Statuto della Regione Veneto, specificità che verrebbe ora vanificata dal paventato accorpamento. Se i tagli sono geometrici e arbitrari, senza valutazioni specifiche, ma solo per fare cassa, allora tanto vale azzerare tutto. Voglio ringraziare i nostri amici di Sondrio, per la visita di oggi, perché testimonia il legame tra i nostri due territori e la loro presenza è un gesto importante che dà significato ai nostri sforzi.”

Gli interventi degli amministratori hanno variamente ribadito i medesimi concetti: l’importanza di lavorare uniti per un obiettivo comune, al di là delle appartenenze politiche, le specificità della montagna e dei suoi abitanti, l’importanza di un ente vicino ai cittadini, come la provincia, in grado di sintetizzare le istanze dei comuni e farsene latore agli enti sovraordinati.

Comune è l’opposizione, non solo all’accorpamento, ma anche ad un ipotetica trasformazione delle province in enti di secondo livello “in quanto organismi non eletti e pertanto privi di qualsiasi autorevolezza”, nelle parole del presidente della Provincia di Sondrio, Massimo Sertori.

Era presente all’incontro anche Gianpaolo Bottacin, ex Presidente della Provincia di Belluno, ora commissariata, e amico di Sertori, con il quale aveva a suo tempo fondato la Federazione tra province montane.

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. A casa il Governo Monti!!!!!!!!!

  2. […] Vai alla fonte Filed in: News Tags: Alcide Molteni, Massimo Sertori, Piazza Martiri, Ugo Parolo […]