Sunday, 8 December 2019 - 18:15
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Dalla protesta alla proposta: propedeuticità della fiaccolata alla nascita di un partito dolomitico * di Paolo Bampo

Ott 25th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Paolo Bampo

Se non ci fosse stata la nota stonata della presenza dei rappresentanti di quei partiti che a Roma hanno sostenuto lo scioglimento della Provincia di Belluno (dire accorpamento è un’ipocrisia per non ammettere la realtà), la manifestazione votata al salvataggio della Provincia potrebbe per noi tutti rappresentare un fiore all’occhiello ancor più grande di quello che è stato. Un “bravi” ai componenti del comitato.

Abbiamo avuto la dimostrazione che tutti insieme si può tentare e magari (speriamo) anche riuscire nell’impresa… che comunque appare difficile. Sarà possibile che il risultato positivo in termini di mantenimento dell’Ente infatti non giunga ma, augurandoci il contrario, resta innegabile il fatto che all’esterno è stata data la dimostrazione che quassù possiamo fare un fronte comune.

La nostra gente stessa deve però ora comprendere come i continui richiami del PAB (Provincia Autonoma Belluno) alla creazione di un unico partito dolomitico, che si confronti con il “sistema” , sia l’unica speranza per contare nella politica nazionale, come conta la Sudtiroler Volkspartei di Bolzano o l’ Union Valdotain ad Aosta.

Ora che è chiaro anche agli esponenti del Bard e a quanti ne condividevano il pensiero, che la creazione della Regione Dolomitica insieme a Trento e Bolzano (attraverso formule secessionistiche dal Veneto), non è possibile, cerchiamo di importare dal TAA i particolari che fanno la differenza tra noi e quelle province autonome. E’ giunto il momento di trasformare in uno strumento di matrice politica, quella capacità di aggregazione dimostrata con la fiaccolata ed esaltata dall’intervento delle categorie produttive, sociali e sindacali. Possiamo diventare forti come il TAA anche rimanendo nel Veneto, ma solo con l’aiuto di un partito territoriale unico e forte nell’unità trasversale di popolo.

Certo che da domani questo concetto sarà fatto proprio da una moltitudine, e consapevole che se tutti facessero un passo indietro questo ipotetico partito unico sarebbe attuabile, chiederò al PAB di rinunciare alla presentazione già annunciata per il 25 novembre p.v. di un partito bellunese autogeno, con l’auspicio che ne nasca uno maggiormente condiviso. Auspicando di ricevere conforto su tale posizione dai miei referenti, chiedo sin da ora, quindi, a tutti i soggetti componenti il comitato organizzatore della manifestazione di partecipare alla nascita di un Partito Dolomitico individuando basi ed obbiettivi comuni.

Dobbiamo capire che il Veneto (più del TAA) ci può essere amico e che la Regione Dolomiti è concretizzabile qui e non altrove. Anche se può sembrare un controsenso, più il Veneto sarà forte e libero e più aumenteranno le nostre possibilità di autonomia e noi, se saremo forti ed uniti nelle Dolomiti, saremo forti ed uniti anche con gli interlocutori veneti. L’importante sarà che a Venezia ci siano rappresentanti politici delle comunità territoriali di un Veneto libero e forte e non dei partiti romani.

Il PAB invita pertanto il Comitato organizzatore della manifestazione ed i singoli partecipanti (compresi quelli che dovrebbero rinunciare ai progetti di secessione dal Veneto) a studiare l’ipotesi di un partito futuro delle Dolomiti. Questo, se proprio dovrà essere secessionista, lo sia nei confronti di Roma e non più di Venezia. Veneto indipendente vuol dire Venezia in mano ai veneti liberi di scegliere e non più scudieri dei partiti romani.

Per il PAB – Paolo Bampo

Share

6 comments
Leave a comment »

  1. @ Una doverosa precisazione al Paolo Bampo. Esprima come preferisce le sue tesi. Non giunga però a conclusioni che possono fuorviare i lettori. Quando parla delle intenzioni del BARD e cito: “Ora che è chiaro anche agli esponenti del Bard e a quanti ne condividevano il pensiero, che la creazione della Regione Dolomitica insieme a Trento e Bolzano (attraverso formule secessionistiche dal Veneto), non è possibile, cerchiamo di importare dal TAA…” si trattenga dal trarre conclusioni che non gli spettano. Quando il BARD vuol dire qualcosa lo fa di proprio sprone e non ha bisogno di tutori. La posizione che oggi il BARD esprime forte di centinaia di adesioni (vicine ai 700 iscritti) è chiara e decisa Belluno Autonoma-RegioneDolomiti. La barra dritta portata fin’ora ha prodotto i risultati che oggi molti si addossano. Le teorizzazioni di Bampo sull’ipotetica Regione Dolomiti all’interno del Veneto sono sue teorizzazioni personali e di gruppi di suo riferimento da fuori provincia. Pur rispettandole non le condividiamo e q

  2. mi scuso per l’errato invio precedente.

    Concludo: quindi caro Paolo Bampo la invito a non mescolare le carte. Il BARD prosegue per la propria strada, il consenso crescente ci infonde coraggio, i rapporti in corso ci confortano nel sostenere le nostre tesi. Per la proposta politica che continuamente stimola nel creare una forza politica provinciale provi a guardarsi attorno…sicuro di non essere in ritardo?

  3. Caro Nadalet
    Visto che ci siamo sempre dati del tu devo forse accreditare al tono piccato l’uso del “lei”?
    Mi dispiace ricevere una risposta (ufficiale del BARD?) così sferzante. Io ho fatto delle considerazioni ed una proposta.
    Mi par di capire che le considerazioni non le condividiate e che la proposta non vi interessi. Può darsi che voi crediate in qualcosa di realizzabile, ma nel caso ciò non fosse spero che ci ritroveremo almeno a metà starda non dimenticando però che la via del TAA vuol dire ancora tenere come referente Roma.
    Ricordati poi che, per esperienza vissuta, il consenso oggi c’è, ma domani potrebbe anche calare o sparire ed un po’ di umiltà non fa mai male.

  4. Caro Paolo, mi è scappato un lei, era peggio fosse stato un improperio. Abbiamo più volte disquisito sul tema e mi pare che le cose siano state chiarite. Grazie della risposta. Sani

  5. Bampo, una volta sei Dolomitico, una volta sei Lagunare. Deciditi…perchè va a finir che te mor nela tera de medo (Trevisan)

  6. Non poniamoci la domanda da che parte stare PAB o BARD?
    Fa bene Bampo a sostenere una Regione Dolomiti all’interno di un’ evenuale stato veneto.
    Fa bene il BARD a cercare collaborazione con chi vive nelle alpi ed è riuscito a sviluppare un modello sociale adatto alla montagna.
    La risposta è una sola: stiamo dalla parte di chi abita in Provincia di Belluno! In comune c’è l’obiettivo del’autogoverno con un modello sociale montano.
    E’ possibile trovare un sintesi e lavorare insieme per questo!
    – attenti ai romani continueranno a sfruttarci;
    – attenti ai veneti, non ci possono capire e governare;
    – attenti ai trentini, sono solidali a parole ma gelosi della loro autonomia.
    Fidatevi di quelli che hanno sfilato a Belluno mercoledì senza cariche bandire e sigle.