Thursday, 12 December 2019 - 17:45
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Unità dei bellunesi alla manifestazione per la salvezza della provincia. Ma il governo Monti non cadrà per Belluno o per Sondrio

Ott 24th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Duemila o forse tremila persone in corteo riusciranno a cambiare il programma del governo Monti, sostenuto da Pd e Pdl?

Fossero state anche cinquemila le persone che da tutta la provincia hanno partecipato alla fiaccolata che dalla stazione di Belluno ha raggiunto piazza Duomo, è difficile essere ottimisti.

Nella più rosea delle ipotesi, se la provincia di Belluno verrà salvata, eventualità ritenuta remota da chi scrive, l’ente verrà ridotto alla fame. Una soluzione all’italiana che salverà la faccia ai politici locali, accontenterà il popolo della montagna, e al tempo stesso permetterà al governo di svuotare di competenze con gradualità ciò che rimarrà della provincia.

Se poi la mettiamo sul “peso elettorale”, ebbene la nostra provincia era ritenuta irrilevante dall’ex governatore veneto Galan, figuriamoci nei corridoi dei palazzi della Capitale.

Una fiaccolata all’insegna dell’unità dei bellunesi, dunque, con cittadini, politici, categorie fianco a fianco, oltre alla benedizione della Chiesa. Che tuttavia non potrà produrre gli effetti desiderati, perché i programmi del governo Monti sono già scritti. E se sono vere le indiscrezioni trapelate in questi giorni dalla stampa nazionale, la mannaia si abbatterà per decreto legge, dunque con efficacia immediata. E difficilmente la maggioranza che regge Monti si sgretolerà in fase di conversione in legge del decreto, per omaggiare Belluno o Sondrio.

Roberto De Nart

Share

26 comments
Leave a comment »

  1. Comunque vada meravigliosa serata.
    Belluno non morirà mai!

  2. Abbiamo distribuito quattromila candele ed il sagrestano del Duomo ne ha consegnate ancora altre; fate voi i conti.
    Bond si beava nel suo intervento di veder solo seicento persone; faceva i conti senza l’oste. A buon intenditor… Anche Toscani non dimostrava gran entusiasmo. Ti credo, doveva starsene rincantucciato per non suscitare commenti…
    A tutti lorsignori diciamo che da questa sera cambia la storia delle nostre Collettività. Anche per loro cambia tutto! Signori, si cambia, mettetevelo in testa.

  3. http://bellunopiu.it/?p=2806

  4. Non si tratta di omaggiare Belluno o Sondrio. La maggioranza che tiene in vita Monti in fase di conversione in legge del decreto dovrebbe votare contro perché non è giusto che un governo si arroghi il diritto di sopprimere d’ufficio 36 province. Siamo ancora in uno Stato di diritto oppure no?

  5. Una grande lezione di civiltà educazione e compostezza.
    Mi sono sentito tra la nostra gente!
    I politici? si sono salutati, pacche sulle spalle, hanno chiccherato tra di loro dei loro affari e creato confusione durante il corteo; un fastidio! Poco male non li ha c….. nessuno; comunque sono Bellunesi anche loro, c’erano, meglio così.
    Sarà il governo così vile da non tenere conto di quello che è successo questa sera? voglio illudermi ancora per qualche giorno.

    Grazie e complimenti a chi ha lavorato per organizzare la manifestazione!

  6. Anch’io credo che la manifestazione non servirà a far cambiare idea a Monti (e alle forze politiche che lo sostengono), ma un dato è certo: è stato un grande momento di unione per tutte le vallate, per tutte le comunità della Provincia di Belluno, e questo è un bel passo avanti.
    Per quanto riguarda il numero di persone: considerato che era una sera di un giorno infrasettimanale, il numero dei presenti è sicuramente un grande successo, mai visto prima.
    Credo che questo sia il momento per i bellunesi (non solo di Belluno ma in senso ampio) per dimostrare cosa valgono: buona amministrazione, unione di comuni, unione di servizi, collaborazione, buone idee e progettualità. Aboliscono la Provincia? Facciamo in modo che la Provincia continui a esistere, anche se solo con i fatti.

  7. […] http://www.bellunopress.it/2012/10/24/unita-dei-bellunesi-alla-manifestazione-per-la-salvezza-della-… […]

  8. Dario Bond: “quattro gatti alla manifestazione, 2000 euro buttati.”

  9. Scusa Rob ….chi te l’ha riferito il commento di Bond?

  10. Sign.Tommaso, Il consigliere Toscani ha fatto un bel discorso invece! Certo… col microfono davanti mentre si e’ in processione non e’ il massimo pero’ ha parlato bene!Bond e’ stato intervistato quando era ancora in stazione e c’erano ancora poche persone.Non bisogna solo criticare.. senno’ non si ottiene niente da nessuno!

  11. Cara Ida, Quello che ha detto Bond lo può sentire nella replica della trasmissione in diretta di Telebelluno.
    Per quanto riguarda il criticare e basta, non sono abituato a lodarmi. Quindi, se vuol sapere quanto ha fatto gente del mio gruppo e, modestamente, anche il sottoscritto, il mio telefono è a sua disposizione per un incontro.
    La manifestazione è andata benissimo e finalmente posso tirarmi fuori dalle scarpe qualche sassolino.
    Per Toscani ho ancora molto da aggiungere. Idem per tutti gli altri nostri ex rappresentanti.

  12. La manifetsazionee e’ riuscitissima,l’unione ha fatto la forza!Solo questo e’ importante!

  13. Hai ragione Tomaso. La manifestazione è andata benissimo indipendentemente dai numeri. L ‘esito lo vedremo, ma, indipendentemente da questo, il fronte che ne è venuto fuori è stata una bella cosa. Complimenti. Peccato per l’ ipocrita presenza incredibilmente massiccia dei rappresentanti di partiti che hanno sempre remato contro la Provincia ( e 30 anni di autonomismo mi autorizzano a dirlo). Cmq come ha ben detto BL-Frei in un post precedente: sono bellunesi anche loro. Ora spero che anche voi possiate convenire sull’utilità di creare un partito unitario del territorio votato alla creazione della RD all’interno di un Veneto indipendente (penso abbiate preso coscienza che il percorso indicato dal BARD non è percorribile e che da soli non ce la facciamo se ci sarà Roma tra i piedi).

  14. Bellunesi Bellunesi la manifestazione sarà andata bene, e se la provincia si salva sarà merito di Sondrio e non certo della gente presente in queste Valli. Veneto strade continua ad assumere gente, benchè la Regione Veneto ha dovuto rimpinguare le casse che sono a zero. BIM continua a sperperare denaro. Notizia di oggi ACI di Belluno ha all’incirca 1000000 euro di deficit. I Bellunesi non sono uniti, visto che anche ieri il Sindaco di Calalzo De Carlo ha ribadito che Palazzo Piloni non serve a niente.
    E vi lamentate che vogliano chiudere la Provincia di Belluno? Chissà perchè.

  15. Mirco, non si è capito quello che vuoi dire!
    E CHI SE NE FREGA del sindaco di Calalzo e degli altri 4 tirapiedi veneti?

    La volontà e l’unità della gente bellunese si è vista ieri.
    Il resto è sterile e gratuita polemica.

  16. @Mirco: e tu stai ancora a sentire quello che dice il sindaco di Calalzo?

  17. Bravo Lino

  18. Certo la manifestazione è andata bene, non ci sono dubbi.I complimenti ai bellunesi che finalmente si sono fatti sentire.
    Non mi pare però simpatico sparare sulle persone a chi è stati chiesti dei denari.
    Sarebbe interessante sapere, tenendo conto anche della sudata delle fatidiche sette camice del Signore , che sembra abbia fatto tutto da solo, SENZA IL VESCOVO COME SAREBBE FINITA?

  19. E chi se ne frega del sindaco di Calalzo? Pensa solo a se stesso.

  20. E senza tutti quei giovani come sarebbe finita? E se l’avessero indetta i partiti come sarebbe finita? E se… Invece il Vescovo c’era, e c’erano tanti giovani. E chi c’era ieri sera rappresentava anche tanti che che non erano presenti ma che condividono i motivi della manifestazione. Non è nel nostro carattere scendere in piazza , quindi il numero dei partecipanti ci deve far riflettere sul grado di consapevolezza delle nostre comunità. E per una volta, godiamoci questo risultato, consapevoli che siamo solo all’inizio di un processo che ci dovrà vedere impegnati TUTTI.

  21. Marisa, con il permesso del Vescovo: PAROLE SANTE!

  22. Al di la delle rispettabili opinioni di ciascuno trovo che la presenza del nostro Vescovo, Mon Giuseppe Andrich , sia stata, ancora una volta dopo il suo fondamentale intervento del 12 ottobre, la condivisione.
    Ieri sera Tutti sono stati parte del tutto e ciascuno credo sia tornato a casa con la gioia nel cuore.
    Questo ripaga della fatica. Siamo tutti consapevoli che una manifestazione così partecipata e commovente aumenta le nostre responsabilità nel far si che questa battaglia di libertà e giustizia , come ha detto Mons. Andrich, si concluda con il riconoscimento della nostra Autonomia.
    Ciascuno deve sentire su di se la medesima responsabilità e ciascuno dovrà fare, per quello che può, la sua parte.
    Grazie a tutti!

  23. commissione europea, stato centrale, regione, provincia, comune, comunità montana e magari anche le regole. I costi della politica non sono solo i soldi rubati o spesi male ma anche quelli di una miriade di enti ,e per questa ragione c’è necessità di semplificazione ., Tra gli organismi sopra citati il più inutile mi sembra proprio la provincia . Il sindaco di calalzo e di san pietro hanno tutta la mia solidarietà

  24. @Mauro: e magari poi, a soppressione avvenuta, i sindaci di Calalzo di Cadore e San Pietro di Cadore saranno i primi a lamentarsi dei trevigiani!

  25. 4000 persone per mantenere in vita un ente senza risorse e senza significato… 4000 miliardi di manifestanti: equivalente dello 0.007% del corpo elettorale.

    A Roma saranno terrorizzati…

  26. Per alzare un po’ il livello, vorrei ricordare ciò che ha detto Claudia l’altra sera citando Goethe: “Qualunque cosa tu possa fare o sognare di poter fare, incominciala. L’audacia ha in sé genio, potere e magia: incominciala adesso!” Beh, se il nostro futuro è anche nelle mani di queste giovani donne e uomini non vale la pena di provarci?