13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 7, 2020
Home Cronaca/Politica Se hai un cellulare con scheda Telecom ti ritroviamo subito. Il Soccorso...

Se hai un cellulare con scheda Telecom ti ritroviamo subito. Il Soccorso alpino si chiede perché gli altri gestori non possano attivare la convenzione

fabio Bristot Rufus

In relazione alla ricerca persona dispersa, attività di soccorso effettuata nella giornata di ieri da varie componenti degli Enti dello Stato e dal CNSAS, si desidera ringraziare la Telecom Italia per aver fornito in modo estremamente veloce la georeferenziazione della cella attivata dal cellulare del soggetto disperso e, soprattutto (è l’elemento maggiormente qualificante), la zona teorica interessata alla ricerca, connotata da un notevole restringimento dell’angolo di copertura telefonica e della distanza stimata tra cella ed apparato stesso.

Infatti, proprio in virtù di una specifica convenzione stipulata dal CNSAS a livello nazionale con la Telecom, atto che aveva avuto la propria formalizzazione a seguito di un un atteso provvedimento del Garante della Privacy del dicembre 2008 (una parte significativa ed un indiscusso ruolo lo hanno avuto il Cnsas Dolomiti Bellunesi ed alcuni Comuni della provincia nel promuovere l’iniziativa per garantire la localizzazione degli apparati cellulari in caso di eventi legati al pubblico soccorso), alcune ricerche sono state facilitate e conseguite con successo da parte dei vari operatori.

Fabio Bristot – Responsabile CNSAS si chiede: “Come mai la convenzione è possibile solo con la Telecom e non già con gli altri gestori telefonici, Vodafone, Wind, Hg3?  Q uasi che se lo “sventurato” di turno se non possiede il gestore giusto abbia minori possibilità di essere rintracciato e tratto in salvo!”

Una condizione inaccettabile per un paese che si vanta di appartenere al G7, ma che per questioni legate alla sicurezza dei cittadini ed al loro soccorso ha più probabilità di essere correttamente inserito nel G201…

Proprio in relazione a questi dati di fatto inoppugnabili e che spesso mettono in condizioni difficile le stesse Forze dell’Ordine anche per casi con risvolti penali gravi, il CNSAS trasmetterà a quei gestori, congiuntamente agli Enti ed Amministrazioni interessate ad appoggiare l’iniziativa, idonea istanza di chiarimento che dovrà essere reso in modo puntuale e rigoroso, trattandosi di un’attività rivolta al soccorso primario alle persone e non già di attività ludico-ricreative.

Luca De Carlo

In questo senso anche il sindaco di Calalzo di Cadore, che ieri è stato fattivamente presente nell’attività di ricerca, si è già positivamente espresso circa la necessità che tutti gestori agiscano con procedure ed atteggiamenti uniformi ed appoggerà nelle sedi proprie le azioni che veranno proposte.

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Lago Film Fest. Viviana Carlet e Carlo Migotto lasciano la direzione artistica e lanciano la Piattaforma Lago

Un’edizione (la sedicesima) memorabile e da record, se commisurata al momento storico che stiamo vivendo che si conclude con una grande novità che è...

Fiemme Welcome Magazine è online

È online la rivista ufficiale dell'Apt della Val di Fiemme: scopri le news! Lassù, a 2.225 m. di quota, dove l'aria si fa cristallina e...

Revocata la condanna penale agli animalisti per aver offeso Berlato e Caretta a Longarone nel 2015

Il giudice di pace di Belluno revoca la condanna penale al leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero e al leader del Fronte Animalista Roberto Serafin,...

Profumo di cirmolo. Festival della scultura in Val Comelico 4^ edizione

Prende il via questo fine settimana, il 7, 8 e 9 agosto, a Santo Stefano di Cadore la quarta edizione del Festival della scultura. Dalle...
Share