Monday, 9 December 2019 - 07:48
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sbloccati i fondi per il Centro servizi di Sovramonte. Il sindaco Dalla Torre: “rischiavamo di sospendere i lavori”. Bond: “Risposta positiva per una struttura all’avanguardia”

Ott 18th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Saranno sbloccati nei prossimi giorni i soldi per il nuovo centro servizi alla persona di Sovramonte. Questo il risultato della trasferta veneziana del sindaco Federico Dalla Torre che a palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, ha incontrato l’assessore alle politiche sociali Remo Sernagiotto per tramite del capogruppo del Pdl Dario Bond.

Sernagiotto, ha assicurato il primo cittadino, che l’esecutivo sbloccherà già in una delle prossime sedute i 700 mila euro concessi dalla Regione a suo tempo e che non erano ancora stati liquidati. “Eravamo preoccupati – rivela Dalla Torre –  Se questa somma non veniva liquidata rischiavamo di dover sospendere i lavori”.

I lavori per il nuovo centro servizi – il cui iter è iniziato nel 2003 con la prima amministrazione Scalet – hanno preso il via nel novembre 2011. “Questi fondi ci permetteranno di ultimare il tetto entro dicembre e di ultimare l’opera entro l’estate 2013”, assicura Federico Dalla Torre.

Il nuovo centro servizi potrà ospitare fino a 30 persone autosufficienti, contando su una mensa polifunzionale e spazi da adibire a centro diurno.

“Non si tratta della classica casa di riposo”, rimarca Bond, “ma di una struttura che risponde alle nuove esigenze di una popolazione che vede aumentare le proprie aspettative di vita. E’ un’opera in linea con la nuova impostazione della Regione in materia di politiche sociali, un’opera fondamentale per un territorio che chiede di tenere i propri anziani e di poterli accudire con tutto il rispetto che meritano”.

Il nuovo centro servizi costa circa 2 milioni e 950 mila euro. Di questi, 700 milioni dalla Regione, un milione e 500 mila euro dalla Fondazione Cariverona e i restanti dal Comune.

 

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Bella notizia. Duole però sapere che l’iter per la realizzazione del Centro servizi sia iniziato nel 2003, per vedere effettivamente l’inizio lavori solo l’anno scorso. Quanto alla fine, per ora c’è la promessa dello sblocco. Chi di noi invece passasse per Bolzano/Bozen o una qualsiasi delle cittadine sudtirolesi, si accorgerebbe che i tempi là sono ben diversi. Ad esempio il rifacimento della strada provinciale 244 che da San Lorenzo in Sabato/S.Laurenz sale a Corvara in Badia, con viadotti, gallerie, sbancamenti, imponenti muraglie di contenimento, svincoli e rotatorie, è stato realizzato in pochi anni. L’allargamento invece della parte bellunese della S.S. 51 di Alemagna, non ancora completato, si trascina da oltre trent’anni (sorvolo il problema della circonvallazione di Longarone, tasto dolentissimo ). Non per demolire il risultato raggiunto, ma per ricordare quanta “strada” ci sia ancora da fare per noi.

  2. Bravo Sindaco, ma decidete:

    VENEZIA O TRENTO????