Monday, 9 December 2019 - 07:20
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Primarie Pd: Bersani, Renzi, Puppato. Sabato 20 ottobre il gazebo in piazza Martiri

Ott 18th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Sabato 20 ottobre dalle 9.30 alle 12.30 in Piazza dei Martiri ci sarà un gazebo dell’Unione comunale del Partito Democratico di Belluno per la sottoscrizione da parte dei cittadini delle candidature PD di Pierluigi Bersani, Laura Puppato e Matteo Renzi. Come si sa i candidati alle primarie devono raccogliere, entro il 27 ottobre, 20000 firme di cui massimo 2000 per ogni singola Regione. Possono firmare di tutti i cittadini, anche migranti con permesso di soggiorno e muniti di carta d’identità. Ogni cittadino può ,naturalmente, sottoscrivere una sola candidatura.

Penso che questo momento vada vissuto con il massimo impegno da parte di tutti gi organismi del Partito Democratico, a partire dai circoli territoriali, affinché le primarie mobilitino la più ampia partecipazione e siano vissute per quelle che devono essere: una competizione sana e un momento stimoli una vera discussione collettiva sul futuro dell’Italia e sulle risposte che il centrosinistra vuole dare agli italiani Un momento importante proprio perché vissuto oggi, in cui si vive forse il livello più basso del rapporto fiduciario tra politica e cittadini. Ecco perché sabato daremo a chiunque voglia anche tutte le informazioni e i materiali utili per essere consapevoli protagonisti di questa stagione e per “Vivere le primarie”.. Sarà infatti disponibile sia la carta d’intenti del Pd sia il manifesto condiviso con SEL e PSI , così tutte le altre indicazioni per i prossimi appuntamenti.

La nostra presenza in Piazza dei Martiri sabato mattina sarà anche l’occasione per promuovere la manifestazione del 24 ottobre, “SALVIAMO LA PROVINCIA” cui il PD partecipa convintamente e per il cui obiettivo abbiamo sempre lavorato. Il gazebo sarà quindi adornato con le coccarde blu che contraddistinguono l’iniziativa .

Irma Visalli – Segretario Unione comunale del PD di Belluno

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. @Giovanni
    in questo tuo sfogo sento rappresentato anche il mio. Grazie per avermi preceduto, ma perchè nessun altro ha detto nulla? Nessuno si è accorto dello stridere tra le parole e la realtà?

  2. Per quanto riguarda appunto la partecipazione di qualcuno alla manifestazione del 24 ioho però la certezza che alla stessa interverranno anche tutti i soggetti i cui rappresentanti romani hanno permesso la creazione del problema, (non solo PD) quelli quindi che qui dicono una cosa e a Roma un’altra, quelli che hanno fatto finta di non vedere, quelli che non hanno mai creduto nella possibilità di realizzazione della nostra Autonomia, gli opportunisti, i menefreghisti veri, i sabotatori, i disunionisti e gli indecisionisti. Parteciperanno anche quelli che vogliono scaricarsi la coscienza, quelli che, in mezzo a tanta gente in buona fede, saranno lì solo per salvare la faccia ed evitare di essere (giustamente) coinvolti nella eventuale responsabilità della cancellazione. Parteciperanno i servi del sistema ed anche gli illusi che ancora credono nell’Italia o credono che Monti o i partiti possano rimediare all’ingiustizia commessa senza prendersi delle eventuali rivincite in seguito. Tutti insieme vuol dire purtroppo anche questo. Pazienza, si deve sottolineare l’unità di una terra e quindi si accetta anche questo.
    Per quanto risalto e successo possa avere la manifestazione, Governo e Parlamento dovranno però purtroppo però scegliere se ridurre le province o tagliare le pensioni d’invalidità e di guerra e non saranno i falò sul Visentin a spostare l’ago della bilancia.
    Abbiamo idea di quanto gliene freghi a Roma e di quanto possa interessare all’Italia il nostro disappunto? Dovesse essere confermata la previsione dello “spending review” (come penso io) a Roma rideranno di noi e ci onoreranno di un sonoro “marameo”.

  3. Siete patetici entrambe!!!

  4. @Silvano
    può darsi che noi si sia patetici tu però prova dimostrarci il contrario di quello che affermiamo.
    Purtroppo sono abbastanza vecchio da conoscere quasi tutti i protagonisti della vita politica bellunese e di ognuno di loro conosco le posizioni attuali e quelle passate.
    Comunque se mi dimostri che sbaglio (e credimi se dico che ne sarei lieto) sono pronto a fare le mie scuse immediate.
    Per quanto riguarda l’epiteto “patetico” l’avrei accettato più volentieri se avessi saputo anche il tuo cognome, perchè nel caso dovessi conoscerti,scommettiamo che sarei in grado di rigiratelo magari con gli interessi?