Sunday, 8 December 2019 - 02:32
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Se fossi un politico

Ott 17th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Palazzo Piloni sede della Provincia

Duemila euro al Comitato Salviamo la Provincia di Belluno. E’ la richiesta fatta ai parlamentari bellunesi e ai consiglieri regionali per finanziare tutte le azioni volte alla salvezza della Provincia di Belluno. L’onorevole Franco Gidoni (Lega Nord) e il consigliere regionale Dario Bond (Pdl) hanno già detto sì. Si attendono i bonifici del senatore Gianvittore Vaccari (Lega Nord), del senatore Maurizio Fistarol (Verso Nord), dell’onorevole Maurizio Paniz (Pdl), dell’onorevole Gianclaudio Bressa (Pd) e dei consiglieri regionali Sergio Reolon (Pd) e Matteo Toscani (Lega Nord).

Se fossi un politico ed avessi campato in questi ultimi anni grazie alla politica, non avrei dubbi: investirei 2000 euro sulle “azioni” emesse dal Comitato, senza indugio. Indipendentemente dal calcolo di probabilità sulla potenzialità di crescita, ossia se l’operazione salvataggio andrà a buon fine, o sulla loro flessione, ovvero la provincia verrà eliminata.

Per un politico credo sia un atto dovuto partecipare con la propria faccia e il proprio portafogli ad una operazione che, tra l’altro, ha il sostegno di tutte le componenti della società civile, sindacati, categorie, associazioni. E anche l’adesione del vescovo di Belluno.

Un gesto, insomma. A volte un gesto vale più di tante parole. E in questo caso rappresenta un impegno per il territorio, comunque vadano le cose.

E del resto, per dirla tutta, è anche un saggio investimento sull’immagine e sulla continuità del politico. Perché la richiesta viene da un comitato che “vale” 17mila firme raccolte in un batter d’occhio in provincia.

Roberto De Nart

Share

11 comments
Leave a comment »

  1. Ma non sei un politico e forse i tuoi ragionamenti non contemplano altre variabili. Che sono legate a rapporti che vanno oltre il territorio in cui si opera e di cui si è rappresentante. Talvolta può tornar utile entrare in collisione con la propria Collettività per restare attaccati al carro che si reputa vincente.
    Il listino del Presidente dovrebbe ricordarci qualcosa. Ma il passo di Gidoni e Bond potrebbe sparigliare le carte, almeno lo spero.

  2. Ottimo intervento.

    Non ci saranno altre occasioni. Se salta la provincia, tutti a casa, nazionali e regionali.

    Poco, ma certo.

    I bellunesi si sono rotti le balle di stare a testa bassa.

  3. non è che cosi’ facendo diamo un alibi ai politicanti e gli diamo la possibilità di salvarsi la faccia? Per 5 denari…

  4. Almeno per una volta niente polemiche per favore. Tutti uniti per salvare la Provincia di Belluno. E’ ora di fare squadra!

  5. Ma si, ladri e derubati tutti assieme! Scurdamoce lo passato! Il nord ormai è sempre più simile al sud, che vergogna.

  6. Qualcuno sa che cosa è stato deciso a Venezia?

  7. lino e’ inutile che continui a chiedere cosa han deciso a venezia…il msg che se vuuoi far passare il messaggio che siamo schiavi di venezia ti risoondo che comunque niente sara’ piu’ come prima. e i bellunesi alle prossime elezioni vi cacceranno a pedate sul culo…oops sul sedere.

  8. Mi sfugge il motivo per cui si chiedono soldi agli onorevoli ed ai consiglieri regionali. Se è perchè non hanno fatto il loro dovere e si sono beccati i soldi senza meritarli, 2000 euro sono ben misera cosa e non servono ad assolvere nessuno. Chiedere soldi a chi ritieni non abbia fatto il suo dovere è, oltretutto, miserevole e nessuna persona per bene si sogna di farlo. Quindi non può essere questa la causa. Ma, se come ritengo, non è questa la causa e nulla di disonorevole si imputa ai nostri rappresentanti (non capisco cosa centra Bressa eletto in trentino), a che titolo chiediamo (anzi chiedono) i loro soldi? Perchè sono ricchi? Allora, a parte Paniz, ci sono un sacco di bellunesi che hanno molti più soldi. Perchè allora non chiederli a loro? Mi pare tutta una cosa senza senso. Non è chiedendo la carità che si fa politica.

  9. SALVIAMO LA NOSTRA PROVINCIA

    Chi non vive nella nostra Provincia non puo’ capire, chi passa qualche giorno di vacanza non puo’ capire e forse anche tanti che hanno sempre abitato nella nostra Provincia e che per questo sono stati abituati a vivere i disagi quotidiani come dovuti.
    Chi invece è vissuto lontano dalla nostra terra sente ancora di piu’ il DOVERE di dover fare qualche cosa affinchè questo scempio sia evitato ad una comunità che ha già dato in termini di vita umana , di finanze, di sacrificio.
    Una terra che ha vissuto in maniera pesante la prima e seconda guerra mondiale, una terra che ha visto centinaia di suoi figli emigrare dalla Svizzera all’Australia….il Bellunese con la valigia in mano per poter contribuire alla crescita della propria terra, una terra che ha ancora nel cuore la tragedia del Vajont, una terra che ripeto Non merita di non essere compresa.
    Una terra, una Provincia con problematiche completamente diverse dalla pianura veneta, una Provincia tutta montanara, una provincia SCHIACCIATA da due regioni a statuto speciale!
    Lancio un appello in vista della manifestazione – che per la prima volta vedrà in piazza i bellunesi UNITI al di sopra della propria appartenenza politica – che siano proprio i rappresentanti dei vari schieramenti a firmare un patto che impegni ognuno a farsi portatore nelle sedi centrali del proprio Partito di questa battaglia che deve essere supportata nelle sedi idonee.
    Se La Destra oppure il PD in sede centrale sono per l’abolizione delle Province NOI che abbiamo la politica nel sangue DOBBIAMO far comprendere ai nostri referenti nazionali che questa è una battaglia a cui NON siamo disposti a rinunciare o CON NOI O CONTRO DI NOI!
    SARA’ UNA BELLA MANIFESTAZIONE E SPERIAMO DI VINCERE LA NOSTRA BATTAGLIA!
    IL 24 OTTOBRE IN CORTEO TUTTI INSIEME OLTRE OGNI APPARTENZA IDEOLOGICA
    CON LE NOSTRE VALLATE I NOSTRI COSTUMI LE NOSTRE TRADIZIONI!
    Titti monteleone ruaz

  10. Il comunicato di ieri, 16 ottobre, del Comitato “Salviamolaprovinciadibelluno” è chiaro.”Da martedì mattina è stato attivato il conto corrente bancario del Comitato “Salviamo la Provincia di Belluno” per raccogliere contributi da enti, associazioni e privati al fine di raccogliere le risorse per realizzare la manifestazione a sostegno della Provincia di Belluno del 24 ottobre e tutte le iniziative collegate”. Basta leggerlo con attenzione.Tutti sono stati chiamati ad un contributo, in base alle proprie possibilità. Le adesioni e i contributi stanno giungendo da ogni dove. Il Comitato raggruppa tutte le realtà politiche, istituzionali, imprenditoriali, culturali, volontaristiche della Provincia. In questa vece chiede il contributo anche a tutti i rappresentanti politici. Ricordo poi che Bressa è stato eletto a Bolzano, non a Trento.

  11. Adolfo, mi spiace per te ma non ricopro nessuna carica politica! In ogni caso ti invito a moderare i toni.