Sunday, 8 December 2019 - 01:47
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Nis: i soggetti privati sono pronti all’acquisizione della società, appena risolta una vecchia vertenza sindacale con gli ex dipendenti stagionali

Ott 5th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

In questi giorni, i privati interessati alla gestione degli impianti sciistici del Colle hanno completato le formalità necessarie per procedere alla costituzione giuridica della società, avviando anche i primi contatti con gli enti e le categorie.  Lo comunicano in una nota a firma di Maurizio Curti i  soggetti interessati a rilevare gli impianti del Nevegal.

Pur confermando la disponibilità all’assunzione di parte delle risorse umane a suo tempo occupate a tempo indeterminato dalla Nuovi Impianti Sportivi, è emersa una problematica di carattere sindacale relativa alla pregressa gestione dei rapporti con gli ex dipendenti stagionali della NIS.

Considerando la risoluzione di tale aspetto fondamentale per poter proseguire con le operazioni di avvio della stagione invernale, è di primaria importanza che la soluzione avvenga nei prossimi giorni, al fine di non compromettere l’intera operazione.

Auspicando che venga rapidamente superato quest’ultimo ostacolo – fanno sapere  i soggetti interessati –  confermano l’impegno per il quale intensamente lavorano ed il progetto al quale fermamente credono.

Le considerazioni del sindaco, Jacopo Massaro

“Apprendo con sgomento della situazione di stallo che si è venuta a creare relativamente alla NIS. Alle soglie della costituzione giuridica della società privata che avrebbe preso in affitto e gestito gli impianti sul Nevegal, riassorbendo quasi tutti dipendenti della NIS e chiamando senz’altro altrettanti stagionali, a fronte di una problematica di carattere sindacale, sollevata da FILT CGIL, relativa alla pregressa gestione dei rapporti con gli ex dipendenti della Nis, la società non si è costituita ed è ora a rischio l’intera operazione che avrebbe garantito lo svolgersi della stagione invernale con beneficio per tutte le parti.

Davvero, la situazione ha dell’incredibile: abbiamo, con fatica, messo a punto una soluzione che avrebbe portato vantaggio a tutti: la stagione salva, i dipendenti quasi interamente riassorbiti dal nuovo soggetto, stagionali comunque chiamati per l’inverno, ipotesi allo studio per gli altri lavoratori, stipendi in sospeso da mesi totalmente pagati, guadagnata la fiducia della parte imprenditoriale. Fra l’altro, tengo a sottolineare che i dipendenti sarebbero stati riassunti alle condizioni precedenti, con il medesimo contratto, rispettando l’odg del consiglio comunale.

E ora, a seguito dell’incomprensibile presa di posizione di FILT CGIL, le prospettive quali sono? Accordo col privato sospeso, dipendenti comunque tutti a spasso, impianti chiusi, stagione invernale persa.

Qual è il senso di tutto ciò, mi chiedo? Quale l’interesse tutelato? Perché attaccare con minacce di denunce sindacali il nuovo soggetto e non – per mala gestione pregressa – la NIS o al limite il Comune di Belluno?

A queste domande deve rispondere pubblicamente, assumendosene la responsabilità, chi in questo momento sta gettando all’aria un’operazione virtuosa che va a vantaggio di tutti.

In cambio del nulla”.

Share

19 comments
Leave a comment »

  1. Attendo con ansia i chiarimenti di FILT CGIL

  2. incredibile ma i sindacati lavorano per creare lavoro o per perderlo ?

  3. I sindacati una manica di incompetenti che non si sa per chi tirino l’acqua…anch’io non ho parole!

  4. Incredibile… davvero incredibile questa situazione. Pur essendo moderato mi sa che è ora di azzerare tutto in questa povera Italia.

  5. Sbaglio o Bressan si era espresso contro Massaro, durante la campagna elettorale?
    Se è vero, non c’è da meravigliarsi che si creino queste situazioni che sembrano fatte apposta per fare ostruzionismo. Speriamo che la CGIL (a cui sono iscritto) smentisca l’esistenza di un problema e stia veramente dalla parte dei lavoratori, consentendo alla nuova società di costituirsi e dare lavoro a chi ha lavorato finora affinché le cose funzionassero a dovere.

  6. Sindacati, una delle istituzioni ormai inutili… da abolire, non fanno più il bene della comunità…

  7. Una società fallita da tempo, dipendenti che sono ufficialmente senza lavoro, un gruppo di filantropi che ha deciso di provare a salvare il turismo invernale sul colle bellunese, un sindacato che come tutti i sindacati e come tutti i politici di mestiere sono ormai distanti anni luce dai problemi veri e dalla realtà delle cose, che specialmente i sindacati nascondono …ma ormai solo a se stessi.
    Metà degli italiani non andrà a votare, metà dell’altra metà voterà grillo, tutti gli altri sono i politici che devono vivere di politica ed andranno a votarsi.
    Siamo in uno stato delle banane.
    Faccio un appello. Se questi imprenditori riusciranno nell’intento, nonostante bressan e c. , e vorranno aprire il capitale all’azionariato popolare io ci sarò e mi auguro che ci saranno tanti altri bellunesi. Se no a casa finiranno non solo i dipendenti della nis ma decine di altri lavoratori che lavorano sul colle.

    OPERATORE DI PROVENIENZA*

    Autorizzo al trattamento dei
    miei dati, ai sensi della legge 196/2003.

    ATTENZIONE ! Puoi attivarti
    solo se non sei ancora
    cliente Vodafone

    il nevegal e diamo una mano agli ultimi che possono salvarlo.

  8. Bressan Segretario dei Pensionati o Assessore aggiunto al Nevegal nel Governo Ombra della città??
    Scriteriato modo di fare sindacato in una situazione tanto delicata, quella della NIS, da richiedere di essere almeno compresa nei termini veri e non cavalcata strumentalmente per far fallire l’unico percorso possibile. Percorso che ora, per la modalità livorosa ed incosciente del mandante politico che incita tutto ciò, rischia di compromettere davvero il futuro (ancorché magari modesto) del Nevegal e delle decine di persone che dal quell’indotto traggono legittime retribuzioni o profitti.

    Fabio Bristot Rufus

  9. Continuo ad attendere, con sempre meno fiducia, un qualcosa da FILT CGIL o almeno da qualcuno degli operai che pensano di difendere-

  10. mi sa che i sindacati fanno danni nelle piccole e nelle grandi realtà. Un ‘altro macchinario statale inutile e dispendioso.

  11. i sindacalisti possono permettersi di giocare con la pelle dei lavoratori perchè loro il lavoro non lo perdono mai…
    è facile protestare e bloccare fare la voce grossa, chiamare le persone in piazza con la sicurezza di tornare a casa e avere lo stipendio garantito… non credo che i sindacati siano più una tutela per i lavoratori, gli unici lavoratori che tutelano ormai sono i sindacalisti stessi.

  12. Il paradosso è che nel mondo di oggi, pieno di precari e disoccupati, i sindacati difendono i privilegiati, quelli che il lavoro ce l’hanno, i dipendenti pubblici che tirano a campare e si azzardano anche a sputare nel piatto dove mangiano e li aiutano a pretendere sempre di più: part time insostenibili, 150 ore per seconde lauree e altre amenità. Mentre lì fuori ci sono fior di giovani competenti, pieni di voglia di fare che non hanno nessuna possibilità di entrare al calduccio. I sindacati fanno pena, sono anacronistici.

  13. Non posso credere a quello che sto leggendo, ha veramente dell’incredibile … detto in parolone se lo stallo non si dovesse risolvere, avremo i dipendenti e il colle senza nessuna prospettiva …mah!!!!
    Ma quello che è più inquietante e che coloro che stanno strumentalmente usando questa situazione a proprio vantaggio si ritroveranno con in mano un pugno di mosche …

    Biagio Giannone

  14. Un po’ di strumentalità politica ci puó anche stare, ma senza esagerare peró…
    Salvare il Nevegal deve essere l’obiettivo: il mio auspicio è la sua salvaguardia, nonostante gli errori non solo dell’amministrazione Prade (circa i quali ho sempre avuto una posizione critica e sono stati uno dei motivi per cui mi dimisi dalla Giunta) ma anche delle amministrazioni precedenti, De Col (con Sommavilla suggeritore) e Fistarol.

  15. Benissimo, direi proprio un bel modo di tutelare il lavoro e l’indotto del Colle, la popolazione ringrazia sovrana e supina!!!!

  16. Mi. Chiedo’ e se al posto di Massaro ci fosse stata la Bettiol come sindaco….e si fosse trovata a dover gestire il fallimento della NIS ed a garantire il posto di lavoro ai dipendenti, ……..come si sarebbe comportato il sindacato? ….non credo che avrebbe fatto lo stesso ostruzionismo che sta facendo ora……allora e’ evidente che il sindacato sta facendo politica a favore del PD invece di tutelare veramente il diritto di lavorare e di portare a casa la pagnotta dei lavoratori. In un momento in cui bisogna essere realisti ed approfittare delle occasioni di lavoro che ci vengono offerte sfruttando al meglio le poche possibilita’ di lavoro che la crisi ci offre, essere integralisti e rigidi e’ un atteggiamento anacronistico che si sta dimostrando perdente di fronte alla crisi della partitocrazia!

  17. Mi sembrano tutti in grande difficoltà. Il sindacato non parla, i lavoratori tacciono, il PD che di solito non ha remore ad essere ben presente in rete sembra sparito su questa questione. Non è che qualcuno, per voler apparire troppo bravo questa volta la ha fatta troppo grossa e non sanno più come uscirne?

  18. Io sono un ex dipendente N.I.S. e vorrei precisare una cosa alla dichiarazione del sindaco Massaro che gli stipendi arretrati sarebbero stati pagati totalmente,in realtà non è cosi a noi ci è stato fatto un bonifico pari all’80% di quello che ci spetta (manca sempre qualcosa), non so se lui è al corrente di questo comunque la situazione reale è questa….

  19. Quando ero in servizio sono stato sempre iscritto alla CGIL ma ora , visti diversi fatti, me ne vergogno di essere appartenuto a quella sigla. Da abolire.