Sunday, 8 December 2019 - 03:19
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Il ritorno di Paolo Gamba. Formattiamo il Pdl: incontro a Mareno di Piave domenica dalle 10 alle 12.30

Ott 4th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Paolo Gamba

“Basta! Una parola che per me significa voltare pagina, fare pulizia. Non se ne può davvero più. Con la menzogna non si nutre il senso civico, ma il cinismo”.

Lo afferma Paolo Gamba (Pdl), ex assessore ai Lavori pubblici del Comune di Belluno che alle ultime amministrative non si era più candidato. Ed ora, in questa nota, annuncia in sostanza il suo ritorno alla politica.

“In questo momento – prosegue Gamba – la preoccupazione di ogni amministratore dovrebbe essere sostenere i cittadini in affanno, avviliti, schifati da una politica che ha deluso tutti, anche quelli che hanno cercato di farla onestamente e che ora si sentono presi in giro. Mi sento tradito non solo dai vari Fiorito e Penati, da gente senza storia né cultura politica, sedutasi al ricco banchetto solo per ricevere la propria porzione e oggi balzata ai “disonori della cronaca”. Oltre a questi disgraziati dell’ultima ora, penso con grande amarezza anche a chi che non ha mai speso energie per la gente, ma ne ha profuse in quantità anche in parlamento per sostenere l’insostenibile e difendere l’indifendibile, contro ogni logica, gettando discredito sul nostro territorio, facendolo passare per una conclave di persone approfittartici e senza scrupoli. Io, da bellunese, mi sono sempre vantato di essere nato e vissuto in una terra di lavoratori, di gente trasparente e coerente. Voglio dire “basta” ad alta voce, dopo averlo detto con i fatti, non ultima la mia uscita di scena motivata in gran parte dall’insofferenza verso questi atteggiamenti da parassiti. Gli stessi atteggiamenti che hanno sbarrato la strada a tanti giovani amministratori e militanti di un partito che li ha sempre tenuti a distanza. Per questo vi invito a un incontro pubblico con queste persone che credo possano, con la loro pulizia e con la loro energia, portare avanti la linea in cui mi riconosco. Ora che la misura è colma, è il momento buono per fare pulizia e dire “basta!” ai privilegi, ai nominati, al vecchio stato spendaccione, ai debiti, all’usura di certe banche, alle pensioni dorate, ai debiti altrui da pagare, agli stipendi d’oro, alla penalizzazione del merito, alle ingiustizie, a una situazione che pregiudica il futuro dei giovani. Sono i punti programmatici di questi amministratori e giovani militanti aderenti a “Basta!” e organizzatori di un incontro a cui vi voglio invitare che si terrà domenica 7 ottobre dalle 10.00 alle 12.30 a Mareno di Piave, in un capannone dismesso in via Cal Larga (autostrada A27 uscita Conegliano). Un appuntamento – conclude Paolo Gamba – pensato per parlare con ragazzi, giovani e persone oneste che la pensano come noi e che, snobbati dai papaveri di partito, sono in realtà quelli che oggi possono fare la differenza”.

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. Bravi, bravi. Fate accordi con il Veneto. Sempre con il cappello in mano, mi raccomando.
    E testa sempre ben chinata.

  2. PAOLO GAMBA SI SENTE PROPRIO UN CANDIDO FANCIULLINO CHE NON HA NULLA A CHE FARE CON L’INDIFFERENZA? SARA’ CHE PURTROPPO NON ESISTE PIU’ IL SENSO DELLA VERGOGNA

  3. ” Oltre a questi disgraziati dell’ultima ora, penso con grande amarezza anche a chi che non ha mai speso energie per la gente, ma ne ha profuse in quantità anche in parlamento per sostenere l’insostenibile e difendere l’indifendibile, contro ogni logica, gettando discredito sul nostro territorio, facendolo passare per una conclave di persone approfittartici e senza scrupoli.”
    Sta e v i d e n t e m e n t e parlando di Berlusconi.

  4. Ha fatto bene come assessore.
    Può parlare.
    A differenza di altri.

  5. IL NONNO DI PAOLO GAMBA ERA PODESTA’ FASCISTA E IL NIPOTE EVIDENTEMENTE E’ UN NOSTALGICO DI QUEL PERIODO CHE CI AUGURIAMO TUTTI NON RITORNI MAI MAI MAI PIU’.

    VORREBBE COMANDARE DA SOLO MA I TEMPI PURTROPPO PER LUI SONO CAMBIATI. ADESSO VIVIAMO IN UNA DEMOCRAZIA E MI AUGURO CHE CI SIA SEMBRE UN CONFRONTO DI IDEE