Sunday, 8 December 2019 - 17:19
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Provincia di Belluno. Michele Carbogno: “Siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”

Ott 2nd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

“Tutte più o meno speciali le province venete, tutte da salvaguardare. Questo il concetto espresso ieri dalla conferenza permanente Regione Autonomie locali: come dire, noi non siamo in grado di fare sintesi, fatela voi. E in quel fatela voi c’è indirettamente una delega piena al governo centrale a taglieggiare e far sparire pure Belluno”. Lo afferma l’ex vicepresidente della Provincia Michele Carbogno commentando la proposta di lasciare tutto come prima maturata in Regione e lasciar fare il taglio al governo centrale.

“L’ennesimo fallimento, dunque, di una politica abituata a litigare o a farsi gli affari suoi, da troppo tempo slegata dall’obiettivo vero di servire i cittadini. E d’altro canto cosa potevamo pretendere noi bellunesi, noi che da mesi non abbiamo nemmeno un interlocutore al tavolo a rappresentare la provincia perché la nostra di provincia l’avevamo buttata a mare giusto un anno fa. E mica per insormontabili difficoltà amministrative, ma semplicemente per una “lotta tra bande”, volendo parafrasare le parole utilizzate qualche giorno fa dall’ex ministro Prestigiacomo.

Ora ci sarà un passaggio pleonastico nell’Assemblea regionale e poi il tutto sarà trasferito nelle mani del Parlamento, di un Parlamento con centinaia di inquisiti (come ha riferito domenica la trasmissione Report) che peraltro continua imperterrito nel suo cammino, ma che certo non si scannerà nella difesa della specialità di Belluno.

Ma la notizia del giorno è l’arresto di Fiorito: una vicenda, quest’ultima, che solo apparentemente non c’entra con le oggettive difficoltà di un territorio come il nostro; essa infatti rappresenta l’emblema del perché nel tempo si sia perduta la credibilità nelle istituzioni. Come la rappresentano pure gli altri scandali nel Lazio, in Lombardia, Sicilia, Campania e via andare: troppi cattivi esempi per pensare che la semplice espulsione di un Fiorito, come si è affrettato a fare il Pdl, possa risolvere alla matrice il problema della credibilità perduta.

Oggi più che mai – conclude Michele Carbogno fondatore del Movimento Belluno protagonista –  c’è la necessità di rifondare un’intera classe politica, a destra come a sinistra dalle Alpi alla Sicilia. Limitandomi peraltro ai problemi di casa mia, ovvero il centrodestra, voglio sposare le parole dette in un twett dall’europarlamentare Fidanza: “siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”. Forse solo così potremo sperare in un futuro migliore… anche per Belluno”.

 

Share

19 comments
Leave a comment »

  1. “siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”
    Con le stesse persone o con quelle cresciute alla loro ombra o che si sono riconosciute in loro fino a ieri?
    Si? Autolesionismo!
    Proviamo il M5S. Dove sta amministrando la musica è cambiata. E non è una cosa da poco.
    Dagli altri c’è poco, anzi niente, da sperare.

  2. Concordo! Ultima speranza M5S!

  3. Bravo!

  4. A me non sembra che nei pochi comuni amministrati dal M5S la musica sia cambiata!

  5. In ogni caso è troppo presto per dire che la musica sia cambiata!

  6. […] Vai alla fonte Filed in: News Tags: Michele Carbogno, Movimento Belluno, Provincia Michele Carbogno, Regione Autonomie […]

  7. Vista la crisi, non trovo nulla di eccezionale nel discorso del sindaco di Parma!

  8. Oh Ermione,se lo stesso discorso lo facessero,come sarebbe normale,tutti i Sindaci,Governatori e politicanti vari non ci sarebbe nulla di eccezionale;ma visto come continuano a gozzovigliare e rintuzzare ogni tentativo di limitazione dei loro privilegi, è rivoluzionario!

  9. Votare il M5S che vuole eliminare Belluno? State scherzano, spero.

  10. Franz, ti ringrazio per averlo sottolineato. Se non lo avessi fatto tu lo avrei fatto io.

  11. I consiglieri del M5S (2 a Belluno e 1 a Feltre) sono gli unici che hanno votato contro il mantenimento della provincia di Belluno.

  12. E non veniteci a dire che siete contro le province, perché sapete bene come andrà a finire se Belluno non sarà mantenuta! Dato che non è in discussione l’abolizione di tutte le province italiane, la provincia di Belluno sarà fagocitata dalla provincia di Treviso!

  13. @Giovanni: Smettila di chiamarli “miei amici”!

  14. La soppressione della provincia di Belluno non è stata votata dal parlamento!

  15. @Giovanni: vedrai che il M5S, se la provincia sarà soppressa, verrà preso a calci!

  16. Inserite pure nel vostro programma l’abolizione di tutte le province e vedrete quanti voti perderete!

  17. Le province sono la storia dell’Italia unita: sarebbe sbagliato abolirle tutte, come propone il M5S.

  18. La spending review è stata approvata con somma urgenza per scongiurare che l’Italia potesse fare la fine della Grecia…

  19. Per chi non siede in parlamento è facile opporsi a tutto e a tutti…