13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 7, 2020
Home Cronaca/Politica Provincia di Belluno. Michele Carbogno: “Siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia...

Provincia di Belluno. Michele Carbogno: “Siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”

“Tutte più o meno speciali le province venete, tutte da salvaguardare. Questo il concetto espresso ieri dalla conferenza permanente Regione Autonomie locali: come dire, noi non siamo in grado di fare sintesi, fatela voi. E in quel fatela voi c’è indirettamente una delega piena al governo centrale a taglieggiare e far sparire pure Belluno”. Lo afferma l’ex vicepresidente della Provincia Michele Carbogno commentando la proposta di lasciare tutto come prima maturata in Regione e lasciar fare il taglio al governo centrale.

“L’ennesimo fallimento, dunque, di una politica abituata a litigare o a farsi gli affari suoi, da troppo tempo slegata dall’obiettivo vero di servire i cittadini. E d’altro canto cosa potevamo pretendere noi bellunesi, noi che da mesi non abbiamo nemmeno un interlocutore al tavolo a rappresentare la provincia perché la nostra di provincia l’avevamo buttata a mare giusto un anno fa. E mica per insormontabili difficoltà amministrative, ma semplicemente per una “lotta tra bande”, volendo parafrasare le parole utilizzate qualche giorno fa dall’ex ministro Prestigiacomo.

Ora ci sarà un passaggio pleonastico nell’Assemblea regionale e poi il tutto sarà trasferito nelle mani del Parlamento, di un Parlamento con centinaia di inquisiti (come ha riferito domenica la trasmissione Report) che peraltro continua imperterrito nel suo cammino, ma che certo non si scannerà nella difesa della specialità di Belluno.

Ma la notizia del giorno è l’arresto di Fiorito: una vicenda, quest’ultima, che solo apparentemente non c’entra con le oggettive difficoltà di un territorio come il nostro; essa infatti rappresenta l’emblema del perché nel tempo si sia perduta la credibilità nelle istituzioni. Come la rappresentano pure gli altri scandali nel Lazio, in Lombardia, Sicilia, Campania e via andare: troppi cattivi esempi per pensare che la semplice espulsione di un Fiorito, come si è affrettato a fare il Pdl, possa risolvere alla matrice il problema della credibilità perduta.

Oggi più che mai – conclude Michele Carbogno fondatore del Movimento Belluno protagonista –  c’è la necessità di rifondare un’intera classe politica, a destra come a sinistra dalle Alpi alla Sicilia. Limitandomi peraltro ai problemi di casa mia, ovvero il centrodestra, voglio sposare le parole dette in un twett dall’europarlamentare Fidanza: “siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”. Forse solo così potremo sperare in un futuro migliore… anche per Belluno”.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Lago Film Fest. Viviana Carlet e Carlo Migotto lasciano la direzione artistica e lanciano la Piattaforma Lago

Revine Lago (Treviso), 7 agosto 2020 - Un’edizione (la sedicesima) memorabile e da record, se commisurata al momento storico che stiamo vivendo che si...

Fiemme Welcome Magazine è online

È online la rivista ufficiale dell'Apt della Val di Fiemme: scopri le news! Lassù, a 2.225 m. di quota, dove l'aria si fa cristallina e...

Revocata la condanna penale agli animalisti per aver offeso Berlato e Caretta a Longarone nel 2015

Il giudice di pace di Belluno revoca la condanna penale al leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero e al leader del Fronte Animalista Roberto Serafin,...

Profumo di cirmolo. Festival della scultura in Val Comelico 4^ edizione

Prende il via questo fine settimana, il 7, 8 e 9 agosto, a Santo Stefano di Cadore la quarta edizione del Festival della scultura. Dalle...
Share