Saturday, 16 December 2017 - 11:08

Depositato in Regione l’Ordine del giorno dei Comuni per la salvezza della Provincia: hanno aderito 64 su 69

Set 19th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Il Comune di Belluno ha trasmesso al presidente della Conferenza Permanente Regione – Autonomie locali della Regione Veneto, ass. Roberto Giorgetti, gli ordini del giorno per il non accorpamento della provincia di Belluno che i comuni della provincia hanno approvato negli ultimi giorni.

L’odg è stato condiviso da tutti i comuni salvo San Pietro di Cadore, Calalzo di Cadore, Sappada, Livinallongo del Col di Lana e Colle Santa Lucia.

“Mi sembra un gran risultato” – commenta il sindaco, Jacopo Massaro – “aver messo d’accordo 64 comuni su 69 e del resto la posta in gioco è troppo alta per restare a guardare. Abbiamo fatto quello che era in nostro potere fare e ora staremo a vedere gli sviluppi. Continueremo anche le nostre relazioni sia con il Comune che con la Provincia di Sondrio, accomunati da una situazione che impone di unire le forze”.

Share

8 comments
Leave a comment »

  1. Da fare ed andava fatto. Ma inutile.
    Contano solo i referendum dei comuni.
    Chi li blocca, poco ha capito di come vanno le cose in questo paese semi-fallito.

  2. Anacronisti e in mala fede, come al solito si sono mobilitati a “babbo morto”. Quali iniziative e pressioni hanno fatto sui loro gruppi Parlamentari che hanno approvato tale norma?
    Poi perché si dovrebbe salvare quella di Belluno e tutte le altre no?
    Se gli è rimasto un briciolo di coerenza e di onestà intellettuale come minimo tutti i sostenitori di questa mozione dovrebbero almeno autosospendersi dai loro partiti.

  3. Come minimo, ma l’azione da concretizzare sarebbero le dimissioni in blocco!! …se intendiamo la parola “azione” nel suo reale significato.
    Se invece vogliamo intendere l’atto estetico (e la frase di Massaro “abbiamo fatto tutto ciò che era in nostro potere” non incoraggia a pensare diversamente), resterebbe comunque da chiedere conto in modo ufficiale ai rappresentanti regionale e nazionali delle loro azioni in merito alla questione provinciale: giusto per chiudere la partita aperta il 31 agosto!

  4. Speriamo che quanto fatto servi a qualcosa…

  5. cosi’ non serve a niente se non a fare un pò di folklore…

  6. …e così la coscenza è a posto
    è stato fatto tutto il possibile….ma dove? ma quando? ma da chi? SIAMO ALLE SOLITE.
    DIMISSIONI DI TUTTI E POI VOLKSPARTEI DE BELUN!

  7. Figuriamoci se i sindaci si dimettono!

  8. Bravi a tutti i sindaci (veline superstar a parte) per l’azione unitaria; una unità che non si era mai vista in questa Provincia.
    Se alla fine i risultati non ci saranno aver “fatto quello che era in nostro potere fare” non sarà sufficiente a salvare faccia e carega: i sindaci si dimostreanno essere solo degli impiegati statali precari con mansioni di esattori e di ufficio reclami per conto di venezia e roma e I consigieri regionali degli scalda carege.
    Le conseguenze non saranno solo qualche polemica sui giornali ma l’apertura di una stagione di ancora più profonda sfiducia e di ostilità della polazione verso ogni forma di istituzionale.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.