Wednesday, 18 October 2017 - 11:24

Politici privilegiati che parlano degli altrui privilegi: Bond contro Trento e Bolzano

Set 11th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Nell’Italia gattopardesca dove tutti parlano degli altrui privilegi, oggi ospitiamo l’intervento del consigliere regionale del Pdl Dario Bond, con elogio all’autonomia del Friuli Venezia Giulia e condanna dei privilegi del Trentino – Alto Adige.

Dario Bond

“Sì all’autonomia, no ai privilegi. Il modello che la macroregione del Nord deve seguire è quello del Friuli Venezia Giulia, un’autonomia responsabile ed efficiente”.

A dirlo è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond che questa mattina a Verona nel corso della riunione dei gruppi del Pdl del nord ha incassato l’appoggio pieno sulla battaglia contro i privilegi del Trentino-Alto Adige da parte dei colleghi delle altre Regioni e in particolare del presidente della giunta regionale lombarda Roberto Formigoni.

“Sono contento che si sia affrontato questo tema in una riunione così importante”, sottolinea Bond. “E’ ora che le regioni del Nord prendano posizione sulla evidente disparità di trattamento che c’è tra i cittadini che vivono in buona parte del Nord Italia e le zone autonome”.

“Noi non siamo contro l’autonomia, ma contro quei privilegi non più giustificabili che troviamo in Trentino-Alto Adige. Un altro conto”, rimarca Bond, “è il Friuli Venezia

Giulia, dove troviamo un’autonomia equa e responsabile”.

“Ho sentito dalla bocca dello stesso governatore del Friuli Renzo Tondo come funziona il loro sistema ed è un modello al quale dobbiamo ispirarci se vogliamo fare in modo che la macroregione del Nord possa poggiare su solide basi”, conclude il capogruppo del Pdl.

Share

18 comments
Leave a comment »

  1. Mi piace il titolo, azzeccato.

  2. Come ho già scritto, è tutta gelosia. Se invece di un Bond, un Tremonti, un Bressa, un Fistarol, avessimo avuto un … Alcide, la nostra provincia sarebbe notevolmente migliore. La realtà è che parlare male degli altri fa sempre comodo, soprattutto quando non si fa niente. Come ho già avuto modo di sottolineare, abbiamo gestito autonomamente il BIM e siamo arrivati ad avere 80000000 di euro di deficit. Hanno chiuso la stazione a Calalzo e i nostri politi, il gatto De Carlo e la volpe Bond, sono andati a bere il caffè e farsi la foto con Chisso invece che indignarsi.(……….) Sparare queste dichiarazioni non serve a nessuno.

  3. Sempre belle parole.

    In pratica PDL e PD al governo alternativamente da 20 non sono non hanno scalfito Trento e Bolzano, ma gli hanno dato maggiore autonomia.

    Nel frattempo Belluno sprofonda.

    A Casa TUTTI i rappresentanti Bellunesi a Venezia e Roma!

  4. sono d’accordo al 101% con Franz.

    x Marco: non si tratta di gelosia.
    L’autonomia di Trento e Bolzano non viene sentita dagli abitanti di Grosseto, Biella e Parma ma ha ripercussioni (molto) negative SOLO sulla nostra provincia. Il problema è che non avremo mai la sacrosanta autonomia perchè ci sono da mantenere 20 milioni di meridionali.
    Questo è quanto, tira tu le somme.

  5. …. visto che il Friuli poi così avanti non è (visitare la Carnia per credere) e forse non sono nemmeno migliori di noi tutto sommato, le nostre GRANDI MENTI POLITICHE DICONO CHE DOBBIAMO IMPARARE E SEGUIRE IL LORO ESEMPIO!!!!!!!!…………….. imparare e seguire invece chi effetivamente è molto avanti a noi sotto tutti i profili quello è SBAGLIATO è rendere omaggio ad un ingiustizia!!!!!!…….. ah ma lo ha detto anche Formigoni che praticamente presiede una giunta di indagati con capi di accusa che svariano nell’intero arco dei reati!!!

  6. Il BARD e non il PDL o il PD ha posto la questione.. Adesso andiamo avanti. Bond lo conosco..non riesco a parlarne male..ma da qualche tempo proprio non lo capisco…
    Non si puo’ difendere l’indifendibile..

  7. L’insistenza di Bond nel condurre una campagna contro l’Autonomia di Trento e Bolzano sarebbe degna di altra causa. Se ne avesse dedicato solo il 10% alla battaglia per la nostra autonomia, come a più riprese il Bard gli ha chiesto, non ci troveremmo in questa situazione di “cul de sac”.
    L’accozzaglia di cui fa parte, che ha offeso il Capo dello Stato, rinfacciandogli le oneste parole espresse a Bolzano la scorsa settimana, parlando inoltre dell’Autonomia delle due Province autonome come frutto di privilegi, sperperi, ecc., dimostra inoltre che costoro sono giunti alla frutta ed altro non sanno fare che ringhiare come cani rabbiosi contro chi al contrario è sinonimo di retta amministrazione, che dovrebbe essere esempio da seguire per tutte le Regione e Province italiane. Non è demolendo una casa ben fatta che si rinvigoriscono le fondamenta di quella a fianco, anzi si provocherebbe la distruzione di entrambe.
    Spero che i Bellunesi, un pò alla volta, sappiano prendere le distanze da questi venditori di fumo, propagatori di odio, incapaci di proporre un piano verosimile per risolvere gli immensi problemi che caratterizzano la nostra Montagna. Vergogna!

  8. Scusa Pettazzi,
    con tutta la stima che ti porto ma soffri della “sindrome di Stoccolma”?
    “l’accozzaglia che ha rinfacciato le PAROLE ONESTE!…” del vegliardo a Merano?!?!
    mi pare che costui non si è mai espresso a favore dell’autonomia di Belluno, anzi (detto qualcosa a proposito del referendum del BARD?!?!).
    Per non parlare di Trento e Bolzano che egoisticamente si sono da sempre trincerati dietro la loro roccaforte dorata infischiandosene dei cugini poveri. Nessuno mi toglie dalla testa che a loro la situazione va benissimo così (anzi molto meglio), con i vicini poveri pezzenti.
    James B. sarà anche un venditore di fumo (non nel senso dello spacciatore, intendiamoci) ma CERCHIAMO DI NON ESAGERERARE, i nemici non solo solo a Venezia e TAA ma anche e soprattutto a Roma.
    Questo non toglie che il nostro 007 potrebbe anche lasciare il PDL x protesta, visto il ventennio di ciacole.

  9. Confermo ancora il mio pieno appoggio alle affermazioni e richieste di Bond che, anche se tardive, sono la vera battaglia da condurre che, come detto Cleber, non è però sentita dalle province e regioni più lontane.
    Avanti allora con l’abolizione dei privilegi, non dell’autonomia, che è una battaglia da portare avanti UNITI.

  10. Cleber, grazie per la stima, ma rassicurati, nessuna “sindrome di Stoccolma”. Le cose non stanno così.
    Dico accozzaglia e ribadisco il termine. Altro non si può dire di chi cambia idea ad ogni stormir di foglia, solo per accodarsi al pensiero imperante. Che ora è quello di indirizzare l’opinione pubblica contro le Autonomie. Distrutte quelle, cosa credete onestamente possiamo attenderci per la nostra? Il “vegliardo” non ha fatto nulla per noi? Chiediamoci piuttosto cosa abbiano fatto quelli di cui sopra perché lui dedicasse la sua attenzione a noi. Il Bard ha fatto tutto quello in suo (magro) potere per raggiungerlo, ma le Istituzioni bellunesi sono state sorde ad ogni nostro richiamo. Abbiamo fatto due ricorsi senza ottenere aiuto dai massimi dirigenti e dai Parlamentari bellunesi. Ricordo a tutti le parole di Toscani:”Battersi per una Provincia persa? e con chi? Col Bard?” (Salvo poi partecipare alla riunione del 31 agosto, venduto!). Adesso che siamo numerosi e passeremo presto i mille aderenti, tutti si svegliano e gridano ai quattro venti quello che (non) hanno fatto finora. Cugini egoisti? I nostri rappoprti con Trento e Bolzano sono molto più profiqui, credimi, di quanto non appaia o si voglia far apparire e ne renderemo conto al momento opportuno. Egoisti? Non proprio. Certo, ci fanno concorrenza nel senso che possono utilizzare una fuoriserie, acquistata con propri proventi, per raggiungere una destinazione, mentre noi dobbiamo usare un’utilitaria perché gran parte delle nostre risorse vengono dirottate altrove. A loro la situazione così com’è non va proprio bene, pensaci. Hanno tutta la convenienza a far sponda su di noi, che riconosciamo la validità del loro apparato istituzionale e non ne desideriamo la dissoluzione, come invece desiderano Bond, Toscani, De Carlo, Paniz ed altri, basta leggere le loro dichiarazioni a riguardo. I nemici, concordo sono a Roma , in parte a Venezia, purtroppo anche fra noi. Per ora non sono in Trentino né in Alto Adige, ma ancora un pò che gli gridiamo contro…Infine una domanda a Bond:”Tondo gli ha parlato della perfezione dell’Autonomia friulana (ci mancherebbe che che un venditore parli male della sua mercanzia), provi ad andare in Carnia e senta cosa ne pensano”. A proposito, proprio dalla Carnia ci giungono innumerevoli attestati di simpatia, guarda caso.

  11. ma togliere i cosidetti privilegi a TN e BZ che beneficio da a noi bellunesi?
    non sarebbe meglio che ci si impegnasse x far si che anche Bl abbia glis tessi dirtti delle province autonome?

    Trovo super azzeccato il titolo.. e mi chiedo eprchè Bond che dice dia vere tanto a cuore la nostra provincia non dice nulla e tantomneo fa nulla x aziende agricoltori cittadini in difficoltà…

    ottimo scritto Tomaso!!!

  12. […] nord ha incassato l’appoggio pieno sulla battaglia contro i privilegi del Trentino-… Vai alla fonte Filed in: News Tags: Dario […]

  13. Quando in Parlamento stava per essere votato il DL che che prevedeva la soppressione delle Provincie avevo rivolto un appello, a mezzo stampa, col quale invitavo i Parlamentari Bellunesi a fare uno scatto di orgoglio straversale per inserire un emendamento per la salvaguardia della nostra Provincia! Purtroppo abbiamo visto come sono andate le cose! Cosa possiamo aspettraci dalla nostra classe politica che ci rappresenta (per modo di dire) a Venezia e Roma?

  14. correggo aspettarci. Basta chiacchere plateali ora pensiamo a trovare delle persone serie, valide e di garanzia.

  15. Bond magna di qua…Bond si indigna di là…sempre Bond niente per Belluno fa…

    Fa invece di tutto per avere un posticino nelle pagine dei giornali…sta diventando utile come l’erbaccia in un campo…è ora di fare pulizia…

  16. Dovrebbe solamente starsene zitto, visto che lui da consigliere regionale ha gli stessi PRIVILEGI.
    Ma e’ naturale che la campagna per le poiltiche e’ gia’ iniziata da un mesetto e adesso qualsiasi argomento serve per farsi la sua piccola pubblicita’ visto che forse da consigliere regionale si potra’ permettere anche un ufficio stampa.
    In questo periodo che i cittadini fanno fatica a tirar avanti leggere certe cose, fa arrabbiare di piu’.
    Togliersi tutti i privilegi e basta!

  17. Quando le chiacchere non le ascolta più nessuno si urla se ancora non basta si offende questa è la politica tagliana. Spero che Bond, dimostrandosi un perfetto prodotto “made in italy”, venga presto promosso ad assumere qualche ruolo della massima importanza all’interno PDL in modo che non abbia più tempo di fare danni a Belluno ma li faccia a venezia, roma o milano.

  18. BL-Frei, vuoi portar disgrazie?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.