Wednesday, 13 December 2017 - 15:08

Partito democratico bellunese: un’opposizione costruttiva e responsabile. Irma Visalli: “Prade pensi allo sconquasso portato insieme alla Lega alla nostra provincia e alla città”

Set 7th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Irma Visalli

“Il partito democratico è oggi chiamato a grandissimo senso di responsabilità, non solo nei confronti di Belluno ma dell’intero Paese. In un momento di grande incertezza e fluidità della situazione politica le partite personalistiche devono essere messe al bando e, piuttosto, marciare insieme verso un disegno del territorio e dell’Italia che, come centrosinistra, crediamo faccia bene al nostro Paese”.  Lo afferma Irma Visalli, segretario Unione comunale del Pd di Belluno.

“Credo che ai cittadini e agli italiani interessino pochissimo, o niente, le questioni interne al PD ma, piuttosto, che il nostro partito, come primo partito del centrosinistra, dica cose chiare e nette per dare risposte agli italiani e ai bellunesi. Fuori da stucchevoli e inutili posizioni di contrapposizione. E’ quanto abbiamo fatto quando si è elaborato il progetto di città da offrire ai nostri concittadini. Continueremo responsabilmente a dare contributi per migliorare la situazione locale. Li daremo anche all’amministrazione comunale, che mostra oggi evidenti difficoltà, soprattutto su questioni su cui ci siamo sempre battuti: il Nevegal, la Sersa, la Cultura e il Teatro per fare qualche esempio. E dobbiamo, evidentemente, sempre più essere opposizione costruttiva.

Se la vicinanza ideologica a Massaro c’è (è sempre una persona con cui abbiamo condiviso molto negli anni passati) bene, Belluno ne avrà che benefici e magari in futuro su questo si potranno riannodare i fili per un nuovo e più disteso dialogo. Presto per dirlo ma di certo l’approccio non deve essere la contrapposizione rancorosa, né sarebbero più tollerate dai cittadini beghe e begucce interne. Altrimenti si strumentalizzano le cose, come fa Prade, per demolire anziché costruire un futuro. Io non ho mai avuto questa visione e non inizierò ad averla ora.

Siamo in minoranza e il sindaco ha le sue radici nel Pd. E’ oggi un sindaco civico che, giustamente per il suo ruolo, colloquia con il Partito Democratico (ci mancherebbe altro) tanto da partecipare a Feste Democratiche, tanto da essere tra i primi sostenitori di un candidato PD elle primarie del centrosinistra. Tanto da riconoscere e usare le competenze interne al PD (vedi Perale al tavolo Venezia capitale della cultura).

Un nostro consigliere sta lavorando con tanti giovani per il coordinamento del comitato pro-Renzi in cui vi è anche Massaro.

Benissimo. Se si lavora al bene della città e del Paese, oggi bisogna tollerare e gestire anche le cose più complesse e che si evolvono fuori dai consueti binari, apparendo magari incoerenti. Il Partito democratico deve farlo focalizzando tutto sul contribuito propositivo per il bene di Belluno e dell’Italia, senza dare il fianco a sterili polemiche utili solo al centrodestra. Capisco – conclude Visalli –  che per Prade finito sotto la scure proprio dei suoi, sarebbe impossibile, ma noi siamo altra cosa”.

 

 

 

Share

12 comments
Leave a comment »

  1. Chi se ne frega dell’italia.

    Se il PD Bellunese pensasse a Belluno, prima che al PD stesso, sarebbe già un buon inizio.

  2. Mi sembra già un tono diverso da quanto sentito dal dopo elezioni ad oggi. Vedremo se qualcosa sta realmente cambiando.

  3. Ma questi fanno il vecchio giochino del buono e del cattivo: mandano avanti la Bettiol a sparare, poi fanno saltar fuori la Visalli nel ruolo di mediatrice.
    Poco credibili.

  4. Massaro è forse più credibile?! Lascia il PD e flirta con Renzi (PD)!

  5. Irma con tutta la simpatia che ti porto ed apprezzando il tono distensivo delle tue parole non posso esimermi dal sottolineare che, in ciò che tu dici, poni una somma attenzione alle questioni del PD (anche se poi affermi che queste interessino poco agli italiani) mettendo il partito in posizione prioritaria rispetto agli interessi generali. Non spetta al PD la responsabilità circa la soluzione dei nostri mali. L’unica responsabilità da consegnare al PD è quella di essere stato a sinistra uno dei massimi responsabili della situazione attuale come il PDL lo è stato a destra. Perchè dovremmo esprmergli rinnovata fiducia fiducia? Lui e tutti i partiti tradizionali si facciano da parte e lascino spazio alle nuove forze realmente innovative.
    Le vicende interne dei partiti (ovviamente non solo il tuo) sono c….te nei confronti delle reali necessità generali della gente (in primis) e dei bellunesi in particolare (poi).
    Di quello che fa o dice Renzi o il suo scudiero di Belluno non ce ne può fegare di meno se intanto la Provincia viene spogliata, se la nostra autonomia viene negata, se il nostro diritto a valere qualcosa non viene riconosciuto e se, in definitiva a Roma (ma anche a Milano e forse anche a Venezia) non si sono accorti della funzione della montagna veneta e della nostra dignità di suoi abitanti.
    Se fosse diversamente (niente storielle) il PD non avrebbe permesso a Monti di fare ciò che ha fatto per il bellunese (non mi risulta che i parlamentari del tuo partito si siano incatenati al seggio, ma neppure si siano stracciate le vesti o solamente opposti con fermezza e non con dei pro forma alla spogliazione della nostra Provincia).

  6. La fiducia a Monti a permesso ciò che è successo e nella responsabilità di ciò il PD può andare bellamente a braccetto con il PDL e non solo. Cosa si saranno promessi vicendevolmente Bersani e Berlusconi? cosa si spartiranno?

  7. insieme a qualche altro orrorino di ortografia e mi è rimasta la “h” di “ha permesso” nella penna. Scusa la fretta, ma ti assicuro che ho difetti anche peggiori di quelli sintattici 😉

  8. Opposizione costruttiva? Mai vista fin ora. Solita quaqquaraqa

  9. @Paolo
    solitamente condivido quello che tu dici. Però, siccome a volte dimentico di mettere il cognome, per evitare confusioni ed equivoci tu e l’altro Paolo che “postate” su Bellunopress potreste aggiungere una sigla o un numero al nome ? A me non dà fastidio e non ho nulla da perdere ma ci sarebbe altrimenti il rischio (vostro e non mio) di incomprensioni…o non vorrete mica lasciare che gli altri vi accostino alle mie “esternazioni” sopra le righe eheheh 😉

  10. hai ragione Paolo Bampo, non vorrei mai (lol)
    il paolo del settembre 9th, 2012 18:02 è Paolo Perin
    il terzo Paolo si qualifichi please

  11. Bene. allora cominciamo a parlare ai cittadini di free energy se qualcuno dei nostri politici locali sa di cosa sto parlando, e se non lo sa che incominci ad informarsi.
    Il politico oggi deve essere il primo a sapere quali tecnologie ci offre oggi la scienza e metterle a disposizione di tutti e fare tutto il possibile perchè vengano implementate. Ci rempiamo tanto la bocca di belle parole, ma oggi il cittadino è lasciato sempre più solo e quindi l’unica cosa sensata che vedo è invertire questa tendenza prima che sia troppo tardi. Ai miei colleghi politici, senza nessuno escluso invito a visionare e studiarsi questo video.
    Grazie
    Andrea Lanari M5S Belluno
    http://youtu.be/CzTCh8yLdNk

  12. Signor Lanari, spero abbia sbagliato link. E’ abominevole come basti prendere un pinco pallino che sappia parlare, fare un sito con wordpress/joomla, riempirlo di parole e dargli il nome “foundation”, fargli dire quattro parole su youtube per creare false speranze nella gente. Cosa dice LA COMUNITA’ SCIENTIFICA di questo tizio? la STESSA COSA che dice di scie chimiche, signoraggio, haarp e altre supercazzole che si trovano in giro per la rete. SI STUDIA SUI LIBRI, non sui video di youtube! il politico, secondo me, O è un tecnico del settore, o si fa consigliari da tecnici del settore. e non si diventa tecnici con video di youtube o signoraggio.com

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.