Thursday, 19 October 2017 - 09:22

Fondazione Teatri. Per i servizi si procederà per affido diretto. In via di pagamento gran parte dei contributi alle associazioni

Set 6th, 2012 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Riflettore

Nella sua seduta di ieri pomeriggio, il Consiglio di Gestione della Fondazione Teatri non ha potuto che prendere atto della non aggiudicazione del bando per l’Appalto dei Servizi tecnici e di sala del Teatro comunale, come da verbale della commissione esaminatrice riunitasi ieri mattina, per difformità dell’offerta presentata dall’unica ditta che aveva partecipato.

Nicoletta Comar

Visti i tempi ristrettissimi che non consentono l’emanazione di un nuovo bando e la volontà assoluta da parte della Fondazione di aprire il Teatro, il presidente, Nicoletta Comar, è stata delegata a verificare la disponibilità delle diverse ditte presenti sul mercato per poi procedere ad un affidamento diretto dei servizi tecnici per gestire la stagione 2012/2013, come nelle facoltà della Fondazione, data la sua natura giuridica.

Il successivo punto all’ordine del giorno del consiglio di Gestione verteva sul bilancio di previsione 2012 e sull’erogazione di contributi alle associazioni ancora in sospeso. Verificata la disponibilità a bilancio di 51.000 euro, circa il 70% del dovuto, è stato deliberato di procedere subito ai pagamenti ad ogni associazione nella medesima percentuale, a parziale copertura del dovuto. Il rimanente sarà liquidato quanto prima, non appena ve ne sarà disponibilità, forse già entro il 2012, stante l’entrata a bilancio di contributi previsti ma ancora non incassati.

“Pur nel rammarico per la non aggiudicazione del bando” – afferma il sindaco Jacopo Massaro – “approvo la scelta della Fondazione Teatri di procedere con celerità per le altre strade che le sono consentite, con l’obiettivo fermo di riaprire quanto prima il Teatro comunale e restituirlo alla comunità. Così come è oltremodo positivo che si comincino a liquidare alle associazioni i contributi che da troppo tempo aspettano. Sto seguendo con attenzione gli sviluppi della vicenda e ritengo che il nostro Teatro debba tornare ad essere un luogo di tutti, il cuore della cultura e della vita cittadina, non il sinonimo di polemica che è diventato in questi ultimi anni”.

Share

6 comments
Leave a comment »

  1. Succederà che verrà affidato nuovamente al TIB, che è peraltro l’unica cooperativa che ha competenza e disponibilità immediata di personale per poterlo fare. Il tutto con buona pace dell’altro teatrante cittadino che aveva ingaggiato una battaglia senza esclusione di colpi contro il TIB frenando l’attività della fondazione tra ricorsi controricorsi cambi di presidenze e altro.

  2. E con buona pace dell’ex (per fortuna) assessore Passuello!

  3. La storia si ripete. I corsi e ricorsi di Vico… E chi voleva il bando adesso è per l’affidamento diretto.

  4. Ripeto: dove sono tutte quella Associazioni che prima si proponevano come “deus ex machina” per la soluzione del problema teatro, in polemica pretestuosa conto il Tib?

  5. Alla fin fine la guerra scatenata dal Circolo Cultura e Stampa un risultato pratico lo ha ottenuto: è sicuramente stata tra le operazioni che hanno aiutato ad affossare l’amministrazione Prade.

  6. La polemica, caro Pettazzi, era tutta politica!

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.