Thursday, 14 December 2017 - 21:02

Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur: mentre a Roma e a Venezia si discute, il nostro territorio, come Sagunto, viene espugnato * intervento del Movimento Bard

Set 4th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

E’ di questi giorni la notizia che il direttore dell’Ufficio scolastico provinciale di Treviso Giorgio Corà guiderà anche il Provveditorato di Belluno. A deciderlo gli uffici regionali che hanno voluto così ridefinire la mappa delle reggenze e delle direzioni in Veneto. Questa è una prima prova tecnica di accorpamento delle province post riforma Monti che in breve porterà all’accentramento a Treviso dei centri dirigenziali con competenza sui territorio delle attuali province di Treviso e Belluno.

Il Bard, Belluno Autonoma Regione Dolomiti, continua la sua battaglia per il territorio e intende rafforzare la sua presenza nelle valli anche attraverso una campagna di tesseramento che sta avendo successo e conferma la bontà del nostro operato.

In questi giorni abbiamo raggiunto il ragguardevole numero di 600 tesserati al BARD! Tesserati sparsi su tutto il territorio della Provincia.

Continueremo a difendere la realtà Bellunese Dolomitica come abbiamo fatto dal primo giorno collaborando con le istituzioni e con quanti, tra i quali molti Sindaci del nostro territorio, si sono dimostrati sensibili alla questione dell’Autonomia e stanno organizzando i referendum per il passaggio ad altra regione o lo hanno già celebrato.

Difenderemo la Provincia di Belluno perché non vogliamo che essa venga accorpata alla Provincia di Treviso e ci chiediamo che accadrebbe se si proponesse un accorpamento di Trento a Vicenza o di Bolzano a Sondrio.

La mancanza di senso di appartenenza al territorio di alcuni nostri amministratori, che non percepiscono l’importanza di un ente di raccordo tra le realtà dolomitiche bellunesi, è sorprendente.

Riteniamo necessario che quanti hanno responsabilità di governo nel bellunese mettano in campo tutte le loro capacità perché è necessario un ente che rappresenti al meglio il territorio bellunese Dolomitico ed è necessario che questo ente sia dotato di propria autonomia, di competenze esclusive e relativa dotazione economica.

Non si tratta di salvare qualche posticino di potere ma semplicemente di non perdere , per sempre, il controllo del nostro territorio. Non è poco!

Il BARD , forte anche del sostegno dei suoi 600 tesserati, è il movimento che meglio rappresenta e difende la provincia di Belluno-Dolomiti dall’aggressione di quanti vorrebbero farne una insignificante appendice della provincia di Treviso.

Siamo certi che la provincia di Belluno avrà l’autonomia e il riconoscimento che le spettano e che dovrebbe avere da tempo. Lavoriamo per questo.

BARD – Belluno Autonoma Regione Dolomiti info@bellunoautonoma.regionedolomiti.it

Moreno Broccon (Presidente BARD)

Silvano Martini (Vice Presidente BARD)

Share

9 comments
Leave a comment »

  1. Il Bard dice, come sempre, cose sacrosante.
    Il problema è che non frega a nessuno da Quero in giu’ della nostra provincia, chi volete che ci calcoli?. Referendum e prese di posizione dei consigli comunali possiamo farne in eterno ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

    Dobbiamo partire con il piano B: dimissioni di massa di TUTTI gli amministratori della provincia, questa è l’unica via per dare risalto nazionale (e forse piu’), la rivoluzione deve partire da qui con metodi democratici anche se estremi. Domani è già tardi.
    Anche se mi rendo conto che il livello dei politicanti nostrani è vicino allo zero.

  2. CLEBER:
    le tue preoccupazioni sono quasi certezze.
    La tua tenacia e coerenza mi spingono a chiederti un parere su una cosa delicata che non vorrei sbagliare.
    Potresti inviarmi il tuo indirizzo mail che così sottoporrei al tuo giudizio una certa cosa?
    grazie
    Paolo
    paolo.bampo@libero.it

  3. Alla fine tutti si terranno ben stretta la carega!

  4. Siamo tutti servi della gleba ah ah. Dagli ordini professionali, per passare ai politicanti di quart’ordine. Non dico che il Bard non abbia ragione ma se il “saper fare” bellunese è la gestione del BIM (80 milioni di debito) sinceramente preferisco che siano altri a gestire la cosa pubblica Bellunese. In questi anni non ho visto un minimo interessamento, se non personale, dai nostri politicanti Bellunesi. Se un Bond, attualmente dipendente provinciale, non è nemmeno in grado di “svincolare” il suo posto nella pianta organica della provincia di Belluno, benchè da anni sia in aspettativa per impegni amministrativi, si capisce il grande livello degli statisti bellunesi

  5. @Marco: sai cosa significa far gestire le NOSTRE risorse ad altri?? Significa regalare tutto ciò di più prezioso abbiamo! Dall’acqua al turismo alle nostre splendide montagne. Preferisco lottare e cercare delle valide e capaci persone tre di noi che vedermi usurpare dai pianuresi il mio territorio! Il BIM avrà pur sbagliato, ma non per questo motivo lascerò un solo centimetro di casa mia ai predoni !

  6. Farci diventare servi, perchè una gestione non è stata buona, mi pare una scusa masochista.

    Su la testa Belumat, basta pianderse ados!

  7. Manlio.. mi sa che dovrai, anzi, dovremo lottare anche contro tanti amministratori bellunesi purosangue per difendere questa nostra amata provincia Basta vedere come si comportano i sindaci di sospirolo e gosaldo verso la Valle del Mis Purtroppo non è questione di amministratori bellunesi o trevisani, veneziani trentini o romani Qua bisogna impegnarsi in prima persona e lottare punto su punto senza mai delegare a nesusno
    Se ci troviamo con una provincia non eletta da noi ma gestita dai sindaci, come il bim.. beh è uno schifo comunque visti gli amministratori che abbiamo

  8. Manlio, Italo, Cleber, Rob
    perchè il vostro buonsenso è una merce così rara?

  9. Siamo sicuri di essere così rari? 600 tesserati al BARD non sono proprio pochi.
    Cosa possiamo possiamo fare da semplici cittadini per difenderci.
    E’ giunta l’ora di passare dalla lamentele alla protesta?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.