Friday, 17 January 2020 - 17:30
e-mail: redazione@bellunopress.it – direttore responsabile: Roberto De Nart

Agostino da Mula perde la faccia. Il busto del podestà e capitano di Belluno nel’500 sulla facciata della Prefettura si sbriciola

Lug 16th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

E’ l’ineluttabile destino delle statue, aggredite dagli agenti atmosferici, piogge acide e smog, che trasformano il pietra e marmo in gesso, arrotondando gli spigoli, alterandone le sembianze fino a determinare fratture e crolli.

E’ successo oggi anche al busto di Agostino da Mula, patrizio veneziano nato nel 1561 che fu podestà e capitano di Belluno. Il volto del busto che si trova sulla facciata del Palazzo dei rettori, sede della Prefettura, si è staccato sfracellandosi sulla piazza. «Sono una decina di busti di pietra e di bronzo, realizzati tra fine ‘500 e metà ‘600 – spiega lo storico Marco Perale dalle pagine di Facebook – collocati sulla facciata del palazzo, quindi esposti a neve e pioggia da 500 anni. I danni atmosferici sono comprensibili, ma proprio per questo almeno i busti in pietra vanno ricoverati al chiuso al più presto».

Bersaglio delle piogge acide è la pietra calcarea. L’acido solforico contenuto nella pioggia acida corrode il carbonato di calcio e lo trasforma in solfato di calcio, ossia gesso.

Per rendersene conto basta dare un’occhiata ai due leoni in pietra del teatro Comunale, oramai ridotti a una caricatura di ciò che furono in origine.

Nulla o quasi è immune dall’azione delle piogge acide. L’acido solforico, infatti, è in grado di attaccare anche il cemento armato, che nel tempo subisce una degradazione. Lo stesso succede a mattoni e malte che subiscono una dilatazione e quindi la disgregazione.

http://www.treccani.it/enciclopedia/agostino-da-mula_(Dizionario_Biografico)/

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Che peccato… Anche l’orologio (della Prefettura) ha problemi: le lancette sono avanti di alcune ore.