Friday, 6 December 2019 - 05:33
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Identificato dalla Polizia stradale il responsabile di un incidente che si era dato alla fuga

Lug 7th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Polizia Stradale Belluno

Lo scorso I° luglio, la Polizia stradale di Belluno veniva a conoscenza di una vicenda infortunistica verificatasi verso le ore 14,30 del 26 giugno 2012 in Belluno, all’altezza della rotatoria posta tra le comunale Via Vittorio Veneto e Via Medaglie d’Oro, che aveva visto il coinvolgimento di una  Toyota Yaris condotta da D. P. L, 50enne residente in Comelico, rimasta ferita, euna Lancia Y condotta da persona la quale dopo la collisione, dopo essersi brevemente fermata, si allontanava dal luogo, teatro dell’evento, senza prestare soccorso e fornire i propri dati ai fini risarcitori.

Un passeggero della Toyota Yaris, però, riusciva ad annotare alcuni caratteri della targa della Lancia Y, mentre un altro testimone da un veicolo che seguiva i mezzi coinvolti nell’incidente, non solo riusciva a memorizzare le sembianze del conducente datosi alla fuga ma, addirittura, riteneva di vedere in lui un proprio ex collega di lavoro.

Le indagini dell’Ufficio Infortunistica della Polizia stradale, grazie al determinante contributo dei testimoni, determinava l’identificazione certa della Lancia Y allontanatosi e della sua proprietaria.

Presso l’abitazione di quest’ultima, veniva individuata ed identificata anche la persona che, materialmente, aveva determinato l’incidente stradale e che, subito dopo, si era allontanata, V. S., di anni 56, residente a Belluno.

Le indagini permettevano di accertare anche come la Lancia Ypsilon non fosse coperta, al momento dell’incidente, da valida ed operante assicurazione per la responsabilità civile.

Sotto il profilo amministrativo, la polizia ha proceduto alla contestazione dell’art. 193/2° comma del C. d. S. mentre per quanto attiene l’incidente stradale, ha proceduto penalmente, con Comunicazione di reato indirizzata alla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale, per il reato di lesioni colpose ex art. 590 del Codice Penale ed ai sensi dell’art. 189/6° – 7° del Codice della Strada per la fuga e la contestuale omissione di soccorso.

 

Share

Comments are closed.