Friday, 17 January 2020 - 17:59
e-mail: redazione@bellunopress.it – direttore responsabile: Roberto De Nart

Gli interventi del Soccorso alpino

Lug 7th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Incidenti in montagna

Belluno, 07-07-12 Un escursionista di Merano (BZ), F.L., 50 anni, è rotolato per una ventina di metri lungo la via normale alla Ovest delle Tre Cime di Lavaredo, nel comune di Auronzo di Cadore. L’uomo, che stava scendendo in doppia con il figlio, in seguito a problemi con la corda, si è trovato slegato ed è ruzzolato tra le rocce, fermandosi sopra un salto di roccia verticale. L’elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha imbarcato un soccorritore della Stazione di Auronzo dal rifugio Lavaredo e si è poi diretto verso il luogo dell’incidente. Una volta individuato a circa 2.700 metri di quota, l’infortunato è stato imbarellato e recuperato dal tecnico del Soccorso alpino di turno con l’equipaggio, utilizzando un verricello di 20 metri, per essere trasportato all’ospedale di Belluno, con un sospetto politrauma. Sul Civetta, invece, si è fatto male un escursionista di Norimberga, M.D.H., 68 anni. Dopo aver completato il tratto attrezzato che scende dal rifugio Torrani verso il Coldai, l’uomo è scivolato lungo il sentiero 557 e si è procurato la probabile frattura di un piede. L’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto in suo aiuto e, dopo averlo imbarcato, lo ha portato all’ospedale di Cortina. La Stazione del Soccorso alpino di Alleghe era pronta in supporto alle operazioni, se fosse stato necessario.

 

Alpinisti in difficoltà sulle Tre Cime di Lavaredo

Auronzo di Cadore (BL), 07-07-12 A un paio di tiri dalla fine della via Dibona, spigolo nord-est della Grande delle Tre Cime di Lavaredo, due alpinisti, D.S., 49 anni, di Milano, e R.P., 48 anni, di Cerano (NO), si sono trovati in difficoltà e hanno chiamato il 118, dopo aver attrezzato una sosta su uno sperone. Un tecnico del Soccorso alpino di Auronzo, che stava scalando poco distante, data la propria disponibilità ad andare in loro aiuto, li ha raggiunti e guidati sugli ultimi tiri fino all’uscita in vetta, a 2.999 metri, di quota. Dopodiché hanno iniziato insieme la discesa con le doppie dalla via normale.

 

Share

Comments are closed.