Monday, 16 December 2019 - 05:21
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sballo giovanile, la Regione adotta e finanzia il progetto di Calalzo. De Carlo e Da Col: “Sarà un servizio civile a vantaggio della comunità”

Lug 3rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Luca De Carlo sindaco di Calalzo di Cadore

Un “servizio civile” che aiuti a prevenire la cultura dello sballo educando al lavoro e alla fatica. Questa era, un anno fa, la soluzione che il sindaco Luca De Carlo e l’assessore Antonio Da Col avevano elaborato per combattere le bevute mattutine a Lagole, scrivendo in merito al capogruppo del Pdl in Regione Dario Bond e all’assessore al Sociale Remo Sernagiotto. E oggi, a 15 mesi di distanza, arriva la risposta da Venezia, dopo un bando predisposto per finanziare le progettualità dei giovani in tutto il Veneto.

“La Giunta regionale – spiegano De Carlo e Da Col – ha destinato 7.000 euro al nostro progetto ‘GIOVENTU’ CHE COSTRUISCE IL FUTURO’, che vedrà impegnati alcuni nostri ragazzi e varie associazioni del territorio a sostegno delle attività di queste ultime e a servizio del paese. Il finanziamento, comunicatoci qualche giorno fa da Sernagiotto, si affianca a quello che la Regione ha garantito ad altre Amministrazioni, proprio sulla base della richiesta partita da Calalzo e che è stata estesa al resto del Veneto, per combattere la cultura dello sballo e le devianze attraverso il servizio alla comunità di residenza”.

I 7.000 euro verranno impiegati in voucher a favore dei ragazzi che si sono messi a disposizione per realizzare le attività della Casa della Gioventù, del Centro per lo studio assistito e per l’estensione dell’orario di apertura della Biblioteca. “In sostanza – dichiarano De Carlo e Da Col – diverranno una specie di collante tra generazioni, coniugando le esperienze e le progettualità dei giovani con quelle di altri giovani. Vogliamo potenziare le loro naturali doti di socialità rendendoli da un lato responsabili dell’arricchimento di un progetto di supporto alle famiglie, e dall’altro offrendo un ambiente giovane e familiare ai frequentanti della Biblioteca. I giovani diventano quindi esempio per i ragazzini, occupando il proprio tempo libero in maniera costruttiva senza cadere nella cultura dello sballo, e costituiscono un aiuto fondamentale all’inserimento attivo degli anziani nel tessuto del paese”.

“Ciò che ci dà soddisfazione, come amministratori, è vedere che la Regione ha assunto e proiettato sull’intero Veneto il nostro suggerimento di un ‘servizio civile’ per i giovani, dando la possibilità agli Enti locali di attivare sì ordinanze ed azioni di repressione, ma anche di combattere il disagio dei ragazzi con una soluzione che consideriamo efficace”.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. bla bla bla bla bla… 7.000 euro, varranno il costo dello spot per la Regione?