Friday, 6 December 2019 - 03:30
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Al Gruppo San Martino l’edizione 2012 delle “Salamiadi” di Pieve d’Alpago, il miglior salame della conca

Giu 29th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Il Gruppo San Martino di Chies d’Alpago vince il “salamino d’oro”, il premio per il miglior salame tipico prodotto nell’Alpago. A seguire sul podio sono saliti Guido De Vettori premiato con il “salamino d’argento” e Soccal Bettino premiato con il “salamino di bronzo”. La tradizionale manifestazione della “Salamiadi dell’Alpago”, giunta alla sua 17ma edizione, si è svolta domenica scorsa, 24 giugno a Pieve d’Alpago. Iscritti all’evento ben ventiquattro produttori di salami dell’Alpago, che sono stati giudicati da sei esperti “esterni” con presidente di giuria lo chef nostrano Enzo De Prà. Un appuntamento molto seguito nel Bellunese, tanto da richiamare centinaia di presenti che si sono dati appuntamento presso il campo gara allestito nell’area antistante al Rifugio Carota. Dall’avvio della manifestazione, iniziata alle ore 10 di domenica, il verdetto è stato reso noto alle 5.30, dopo che la giuria riunita in un altopiano non raggiungibile dai partecipanti e collegata solamente da una teleferica, ha esaminato attentamente tutti gli aspetti del salame. Ovvero la consistenza della carne, l’impasto, la composizione, la durezza, l’aspetto esterno, la granulometria, il gusto e tantissimi altri componenti necessari per la valutazione complessiva. All’evento erano presenti quasi trecento persone, che hanno potuto gustare il pranzo a base di spiedo e proseguire fino a sera in allegria.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Partecipo da quasi tutti gli anni a queste meravigliose edizioni delle “Salamiadi” , kermesse riuscitissima per la passione e buona volontà di molte persone amiche. Onorando chi negli anni ci ha lasciato ed è andato avanti, colgo l’occasione per esprimere un grato sentimento di riconoscenza a tutti gli organizzatori per la fraterna accoglienza sempre riservata, auspicando ancora molti anni di “scorpacciate” in allegria.
    Siete meravigliosi, grazie.
    Fabrizio.