Saturday, 7 December 2019 - 08:02
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Liste di attesa Ulss n.2 Feltre. Bond: “Nel 2012 situazione migliorata”. Simoni: “Ora siamo in linea con le altre realtà del Veneto”

Giu 23rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore, Sanità

Dario Bond consigliere regionale Pdl

“Ho parlato con il direttore generale Bortolo Simoni e ho fatto delle verifiche. Posso dire che i dati sui tempi di attesa divulgati ieri – che vedono Feltre tra le sette Uls più lente del Veneto – sono stati superati nei primi mesi del 2012. Restano alcune criticità sull’urologia, ma per il resto Feltre ha fatto dei passi da gigante”.

A dirlo è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond dopo la divulgazione dei dati sulle liste d’attesa nelle Uls del Veneto. L’analisi ha messo a confronto i tempi di attesa nel 2010 con quelli del 2011: “Se è vero che Feltre nel 2011 non ha brillato rispetto ad altre realtà, è altrettanto indiscutibile che tra il 2010 e il 2011 ha visto migliorare parecchio le sue prestazioni in termini percentuali. Il trend, insomma, è positivo e gli ultimi dati lo dimostrano”.

E’ lo stesso dg Bortolo Simoni a entrare nel merito: “Il monitoraggio delle liste d’attesa è mensile e la pubblicazione dei dati è trimestrale. Basta vedere anche l’ultima analisi del 31 marzo per capire che la situazione è migliorata rapidamente se confrontata con il 2011. I dati sono disponibili su internet”, dice Simoni. “E il prossimo monitoraggio di fine giugno sarà ancora migliore”.

Simoni sottolinea come l’Uls 2 abbia attraversato un periodo di “rodaggio” per quanto riguarda il nuovo sistema di rilevazione e allo stesso tempo rimarca come sul dato finale del 2011 abbia inciso anche la dimensione dell’Uls.

Bortolo Simoni

“In linea generale possiamo contare su un solo macchinario per specialità. Basta che uno si rompa o vada in manutenzione anche solo per qualche giorno per farci uscire da una situazione di equilibrio”.

Per una criticità rientrata, ce n’è un’altra da risolvere, quella dei tempi di attesa “intra-struttura”, banalmente i tempi di chiamata una volta che il paziente si è presentato all’appuntamento: “So che l’Uls 2 sta lavorando di fino, cercando di non trattenere i pazienti troppo a lungo. Spesso succede che ci sia un tempo troppo variabile tra l’orario fissato al momento di prenotazione e la chiamata da parte del medico”, afferma Bond.

“E’ un tema sul quale stiamo lavorando da tempo”, conferma Simoni. “Ma anche qui siamo pronti a fare il salto di qualità”.

Per Bond si tratta di “impegni importanti”: “Anche perchè”, dice Bond, “Feltre deve poter continuare a puntare sulla qualità del servizio come fa del resto in altri ambiti. E’ questa la scommessa del futuro dopo che il Piano socio-sanitario approvato in Consiglio regionale questa settimana ha confermato la dimensione extraregionale della nostra struttura. E’ un traguardo per il quale mi sono battuto e di cui vado molto fiero”.

 

 

 

 

Share

Comments are closed.