Friday, 6 December 2019 - 02:13
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

La crisi morde. Confindustria chiede apertamente alla politica maggiore attenzione per le imprese locali e il via libera ai cantieri

Giu 19th, 2012 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Riflettore

Palazzo Doglioni Dalmas sede di Confindustria Belluno Dolomiti

«La crisi attuale ha ristretto i margini di operatività di molte imprese edili e le amministrazioni e la politica molto spesso sembrano non considerare adeguatamente le capacità delle imprese locali. Nel pieno rispetto delle norme sui lavori pubblici è invece possibile agire in difesa del territorio e delle sue imprese, ma la politica deve assolvere al proprio ruolo indirizzando le scelte amministrative».

Sono le osservazioni contenute nella lettera aperta rivolta a “tutte le stazioni appaltanti locali” che dopodomani, giovedì 21 giugno, sarà illustrata da Domenico Limana e Antonio Olivotto, rispettivamente presidente e vice presidente della Sezione Costruttori Edili-Ance Belluno di Confindustria Belluno Dolomiti.

«Le imprese chiedono decisioni che rilancino realtà importanti come Bim Gsp e Bim Infrastrutture e chiedono che non siano perse occasioni quali l’Altanon a Feltre e che la politica locale sia pronta a gestire gli appalti che il Fondo Brancher finanzierà nei prossimi mesi. Per questo motivo il comparto edile ha predisposto una lettera aperta con la quale invita le amministrazioni bellunesi a valorizzare le aziende locali, aziende che hanno competenze e qualifiche adeguate in tutti gli ambiti, senza dover per forza ricercare professionalità fuori provincia».

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. In pratica, l’unica proposta è usare i soldi derivati dai referendum dei comuni e quello provinciale.

    Hanno ragione: sono gli unici eventi politici che hanno avuto effetti sul bellunese negli ultimi 10 anni.

  2. I fondi Brancher letta sembrano creati apposta per spaccare la Provincia..non sono una risorsa..sono una dannazione. Non vogliamo elemosine…