Friday, 6 December 2019 - 10:55
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Mercoledì a Rivamonte la presentazione del libro “Canòpi e nobilomeni. Storia e miniere nell’Agordino”

Giu 9th, 2012 | By | Category: Appuntamenti, Prima Pagina

Le miniere e la loro gente. La storia della Serenissima che si incrocia con quella di alcune vallate del Bellunese e, a loro volta, alla cittadina boema di Kutná Hora. Sono questi alcuni degli elementi che si ritrovano in “Canòpi e nobilomeni. Storia e miniere nell’Agordino”, il nuovo libro di Sergio Tazzer, edito dalla Kellermann Editore di Vittorio Veneto, che sarà presentato mercoledì 13 giugno a Rivamonte Agordino dalle 14 alle 17 alla Casa della Gioventù.

Il volume è una ricerca storica sulle miniere della Valle Imperina, il più importante fornitore di ferro e rame della Repubblica di Venezia tra il XV e il XVIII secolo. Ricco di aneddoti e curiosità che catturano l’attenzione del lettore, il lavoro di Tazzer ha portato alla luce nuove e importanti notizie storiche per il territorio agordino. Una ricerca partita dal Bellunese e estesasi fino alla Boemia, luogo da dove giunsero numerosi minatori, i canòpi (dal tedesco Knappen), che nell’importante giacimento a pochi chilometri da Agordo, giunsero a lavorare, per poi insediarsi e dare origine a numerose famiglie e cognomi bellunesi (gli Andrich, i Dell’Osbel, i Ganz, i Mottes, i Tazzer, gli Zais, e altri).

 

Con quest’opera l’Agordino e la sua gente diventano importante fulcro per rivalutare l’attività delle popolazioni di montagna e far riscoprire alla gente di questi luoghi il piacere e l’orgoglio di essere stati importanti per la gloriosa storia della Serenissima, ma anche per l’economia di un’intera area che, oggi sempre di più, necessita di essere considerata, riscoperta, aprezzata e non abbandonata.

 

 

 

Share

Comments are closed.