Friday, 6 December 2019 - 02:12
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Meteo: lunedì, stato di attenzione e preallarme per rischio idrogeologico in Veneto

Giu 3rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Sulla base delle condizioni meteorologiche previste, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato lo STATO DI ATTENZIONE nei bacini idraulici Vene-B Alto Brenta – Bacchiglione, Vene-C Adige – Garda e monti Lessini, Vene-D Fissero – Tartaro – Canalbianco e Basso Adige, Vene-F Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna e Vene-G Lemene e Tagliamento, e lo STATO DI PREALLARME nei bacini Vene-A Alto Piave e Vene-E Basso Brenta – Bacchiglione per Rischio Idrogeologico, dalle ore 8 alle ore 20 di domani, lunedì 4 giugno 2012.

E’ stata richiesta agli enti locali l’attivazione delle componenti del Sistema di Protezione Civile secondo quanto previsto dai rispettivi Piani di Emergenza. Gli Enti territoriali sono invitati a seguire costantemente l’evoluzione dei fenomeni localizzati e a monitorare direttamente la situazione sul proprio territorio, segnalando ogni situazione di emergenza che dovesse presentarsi.

Le previsioni parlano di temporali anche forti, precipitazioni localmente abbondanti e venti a tratti forti, dalle prime ore di lunedì 4 per tutta la giornata. Le precipitazioni complessivamente più consistenti dovrebbero riguardare le zone montane e pedemontane, e la pianura centro orientale; temporali localmente anche forti probabili su tutta la regione. Le precipitazioni interesseranno il Veneto da nordovest a partire dalle zone montane settentrionali dalla mattinata di lunedì, per poi transitare alla parte orientale della regione nel pomeriggio/sera. I fenomeni saranno inizialmente a prevalente carattere di rovescio e temporale, localmente anche intensi, in seguito diverranno più diffusi e la probabilità di fenomeni intensi si abbasserà.

Il possibile verificarsi di rovesci o temporali localmente anche intensi, potrebbe creare disagi al sistema fognario e lungo la rete idrografica minore. Si segnala la possibilità d’innesco di fenomeni franosi superficiali sui versanti e la possibilità di innesco di colate rapide nelle zone di allertamento Vene-A, Vene-B e Vene-C.

 

 

 

Share

Comments are closed.