Friday, 6 December 2019 - 02:13
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Un progetto per un centro di eccellenza in Nevegal per i malati di Parkinson

Giu 1st, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Sanità

Piazzale del Nevegal (Belluno)

I rappresentanti delle associazioni tra gli ammalati di Parkinson delle province di Belluno, Treviso, Venezia, Padova, Vicenza, Verona e Rovigo, si sono ritrovati domenica 27 maggio all’hotel Olivier sul Nevegàl, a Belluno, per ascoltare una notizia da molto tempo attesa. La creazione, proprio sul Nevegàl, di un Centro Fisioterapico di eccellenza per la Malattia del Parkinson e le malattie degenerative relative al disordine del movimento. Nell’incontro è stata presentata dai componenti il gruppo di lavoro la genesi del progetto, la diffusione della malattia in Europa, in Italia e nel Veneto, i costi affrontati oggigiorno per la riabilitazione, per l’acquisto di farmaci e, non ultimi, i costi sociali ingenerati causa la malattia che esclude molte persone in modo prematuro dal lavoro.

Il centro che si auspica possa essere a breve realizzato sul Nevegàl sarà in grado di fornire agli ammalati cronici, affetti dalla malattia di Parkinson, un’assistenza riabilitativa di primo ordine, 7 giorni su 7. Sarà anche un punto di riferimento per tutti coloro che operano in questo particolare settore della neurologia: medici, tecnici fisioterapici, infermieri, famigliari e persone impegnate nell’assistenza agli ammalati. La struttura del Nevegàl opererà in stretto rapporto medico con l’ospedale di Belluno, da anni all’avanguardia nel trattamento della malattia di Parkinson e la rete di professionisti che già intervengono a vari livelli nelle strutture ospedaliere e riabilitative del Veneto. Proprio per la vicinanza al reparto neurologico di Belluno e le caratteristiche ambientali, il Nevegal è stato individuato quale luogo più idoneo per la realizzazione del centro che prevede, tra i vari interventi, la realizzazione di un complesso con 90 posti letto, 2 piscine, 3 palestre e una sala riunioni, destinata a diventare il punto di confronto a livello nazionale per gli scambi scientifici sul Parkinson. Il Centro dovrebbe essere realizzato completamente grazie a finanziamenti privati in regime di convenzione con la Regione Veneto.

Nuovi studi, confermati dagli stessi pazienti, segnalano l’importanza di un terapia fisica adeguata per il controllo di questa malattia, che interessa circa 15.000 persone nel Veneto. Attualmente, in regione manca una struttura in grado di fornire un adeguato servizio riabilitativo a tutto tondo e che diventi punto di riferimento nevralgico per la cura della malattia e che permetta risposte adeguate anche a livello territoriale.

In questi ultimi anni, all’interno del progetto “Abitare il Nevegàl” promosso dalla passata amministrazione Prade, si è cercato di comprendere quali potessero essere gli ambiti di tipo riabilitativo di eccellenza da poter insediare sul Colle e che non trovano risposta adeguata non solo a livello regionale. Si è quindi costituito un gruppo di lavoro costituito da Mario Contato e Giorgio Bosa, vicini all’Associazione Parkinson di Belluno, che ha avuto il supporto del Direttore generale dell’Ulss 1 di Belluno Antonio Compostella, della struttura complessa di neurologia dell’Ospedale San Martino di Belluno con il primario Corrado Marchini e il dottor Sandro Zambito Marsala, referente medico dell’Associazione Parkinson di Belluno, oltre che la partecipazione della ricercatrice e biotecnologa Anna Contato e dell’ex assessore del Comune di Belluno Angelo Paganin. Ripetuti sono stati in questi anni i contatti con l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto, gli uffici della programmazione socio sanitaria della Regione del Veneto, nonché con i consiglieri regionali che hanno dimostrato interesse per la proposta improntata su qualità e sull’esclusività degli interventi.

Gli interventi dei rappresentanti delle varie delegazioni presenti hanno messo in evidenza l’attesa che i pazienti di tutta la regione hanno per un centro fisioterapico e riabilitativo di eccellenza, come quello previsto in Nevegàl. Le associazioni venete, che ringraziano i promotori dell’iniziativa, si augurano che l’occasione non venga persa e l’aspettativa non venga delusa e che i tempi di realizzazione possano essere brevi.

 

Share

7 comments
Leave a comment »

  1. scommetto un cent che non se ne farà nulla. chi scommette?

  2. Franz, ti piace vincere facile facile?

  3. Sarà un gioiello della sanità Italiana!

  4. speriamo di potervi accedere anche da altre regioni!

  5. […] A parte gli slogan della campagna elettorale dell’attuale sindaco, che vedeva buchi ovunque, c’è da dire che dai buchi di NIS (quelli sì reali) che abbiamo ereditato dalle amministrazioni precedenti siamo riusciti da una parte a creare una stagione estiva che prima di noi non è mai esistita, con la quale siamo pian piano riusciti a riequilibrare i costi degli impianti di risalita che prima in estate giravano a vuoto aumentando il flusso turistico (se non credete a me, provate a parlarne con gli operatori turistici), e dall’altra a porre le basi per quello che sarebbe (e dovrà) essere il volano dell’economia non solo bellunese, ma di tutto il Veneto: il Progetto NevEcol – Abitare il Nevegàl, con benefici indiretti per la NIS stessa. Per non parlare del Progetto per il Centro Parkinson, per fortuna nelle mani della Regione…(ecco il progetto Parkinson!) […]

  6. Complimenti ! speravo proprio in un’iniziativa che rispondesse alle numerose richieste di aiuto dei Pazienti Parkinsoniani ! Confidando nella realizzazione di questo progetto , fin d’ora offro la disponibilita’ a parteciparvi
    con l’auspicato obiettivo di allargare l’iniziativa sul territorio in ambito regionale ,nell’ ottica di offrire sempre maggiore tutela a tutti coloro che vorranno essere seguiti nel delicato percorso di questa malattia .
    GRAZIE

  7. il 17 Aprile ci sarà un sit-in con le Associazioni Parkinson del Veneto davanti a Palazzo Balbi a Venezia