Thursday, 19 October 2017 - 05:34

Movimento 5 Stelle Feltre: 10,44% dei consensi con 743,19 euro di spese elettorali

Mag 30th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Riccardo Sartor

“Avevamo ipotizzato di spendere massimo mille euro di campagna elettorale. Siamo stati di parola, anzi ne abbiamo spesi un quarto in meno. Per la precisione 743,19 euro”. Lo dichiara in una nota Riccardo Sartor, consigliere comunale del Comune di Feltre del Movimento 5 Stelle.

“le spese – prosegue Sartor – sono tutte coperte da autofinanziamento a carico dei candidati e dalle offerte spontanee di sostenitori e simpatizzanti. Non un centesimo è arrivato, come invece avviene di consueto per i partiti, dal finanziamento pubblico. Che comunque il Movimento 5 Stelle ha sempre deciso di rifiutare, si vedano le elezioni regionali 2010. Le uscite più rilevanti (pari alla metà della nostra campagna elettorale) sono quelle sostenute per allestire la serata con Beppe Grillo in piazza Isola: SIAE, servizio di ambulanza, cena e pubblicità varia (siamo ancora in attesa di istruzioni per disporre del pagamento dell’energia elettrica consumata). Il resto sono piccole spese per volantini e manifesti. Dopotutto non abbiamo voluto spendere soldi per rovinare la nostra bella città con faccioni appesi alle vele pubblicitarie, ma abbiamo preferito girare per il centro e per le frazioni a bordo delle nostre biciclette. Abbiamo distribuito volantini durante i giorni di mercato, consegnandoli a mano o con il porta a porta, senza intasare le cassette postali dei nostri concittadini (tant’è che qualcuno si è pure sorpreso di non aver visto nemmeno un nostro volantino). C’è da porsi qualche seria domanda, visto il piccolo investimento a fronte del prezioso risultato (10,44%). Anche alla luce di questi numeri una politica economicamente ragionevole (quindi meno spendacciona) è possibile: basta limitarsi all’essenziale, cercando di far prevalere la forza delle idee sulla disponibilità finanziaria, sfruttando le nuove tecnologie, puntando su pochi mirati manifesti negli spazi giusti e consentiti. Risparmio e trasparenza – conclude Sartor – noi partiamo da qui. E adesso avanti tutta. Ricordiamo che tutte le spese del Movimento 5 Stelle Feltre sono consultabili anche on-line nel sito www.belluno5stelle.it”.

Share

10 comments
Leave a comment »

  1. beh che limitarsi all’essenziale sia un comizio -spettacolo di grillo ( che quando fa il comico è di regola caretto, non pare proprio poco. Per il resto ragionamenti condivisibili e adottati da molte forze politiche che non sono in parlamento o in regione e che vivono di autofinanziamento.

  2. Il M5S, essendo un movimento e non un partito, non ha diritto al finanziamento pubblico riservato ai partiti. Neanche volendo avrebbe potuto accedere a quel tipo di finanziamento. L’autofinanziamento era pertanto l’unica forma di finanziamento possibile.

  3. Perdona la mia ignoranza in materia: non sono un politico!

  4. Come verrà scelto il candidato del M5S che si presenterà alle politiche del 2013?

  5. Secondo un articolo apparso sul quotidiano Libero i consiglieri regionali del M5S dell’Emilia Romagna avrebbero accettato finanziamenti pubblici…

    http://intoccabili.wordpress.com/2012/05/13/liberoquotidiano-sostiene-che-grillo-si-prenda-i-soldi-pubblici/#more-5701

  6. Secondo un articolo apparso su Libero i consiglieri regionali del M5S dell’Emilia Romagna avrebbero accettato finanziamenti pubblici…

  7. “Grillo sputa su tutti ma si prendi i soldi pubblici”

    http://www.liberoquotidiano.it/news/home/1012422/Grillo-sputa-su-tutti-ma-si-prende-i-soldi-pubblici.html

  8. Io mi riferivo al candidato alla presidenza del Consiglio dei Ministri!

  9. Rispondendo al punto 6 di Lino , L’Italia è una Repubblica parlamentare dove il parlamento è l’unica istituzione a detenere la rappresentanza della volontà popolare, in quanto tale elegge in modalità differenti sia il governo sia il presidente.
    Il presidente ha una funzione di garanzia verso le parti politiche e di rappresentanza dell’unità nazionale, perciò usualmente non ha forti poteri di influenza politica sulle istituzioni.
    Il parlamento si rapporta con il governo tramite il voto di fiducia, in questo modo esso ha perennemente il controllo sull’agire dell’esecutivo con la possibilità di revocarlo e nominarne un altro.
    Il giudizio sull’operato di una certa maggioranza parlamentare e del suo governo viene quindi espresso dai cittadini solo tramite il rinnovo dell’assemblea legislativa, diversamente da quanto avviene nelle repubbliche presidenziali.
    Non siamo una Repubblica Presidenziale non si sceglie un presidente del consiglio durante le elezioni. Anzi solo per le Coalizioni la legge prevede la possibilità di apparentamento reciproco fra più liste, raggruppate per l’appunto in coalizioni. Il programma ed il capo della forza politica, in caso di coalizione, devono essere unici: in questo caso viene assunta la denominazione di Capo della coalizione. Egli tecnicamente non è candidato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, poiché spetta al Presidente della Repubblica la nomina a quell’incarico.
    In pratica fino ad oggi ci hanno fatto credere che Berlusconi Presidente su un logo significasse che durante le elezioni determini con il tuo voto il Presidente del Consiglio. La verità è che i cittadini nominano un parlamento il quale concede la fiducia ad un parlamentare ( senatore a vita come Monti , o deputato come Berlusconi) . In verità il Movimento 5 Stelle non deve avere necessariamente un candidato Presidente prima delle Elezioni, potrà deciderlo in parlamento dopo aver ottenuto la fiducia dei cittadini italiani. Potrebbe avere invece numerosi portavoci quanti sono tutti i possibili eletti in parlamento. Credo che possiamo affermare che viviamo nella favola dei partiti dove il cittadino non si accorge, seduto davanti alla tv, delle reali potenzialità nel suo ruolo di elettore e nell’essere partecipante attivo alla vita politica del proprio Paese.
    Ciao a tutti

  10. Ma la legge elettorale non prevede che debba essere indicato il nome del presidente del Consiglio dei Ministri?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.