Thursday, 19 October 2017 - 09:19

La radio nelle scuole: le classi quarte e quinte della scuola primaria di Falcade a lezione con l’Associazione Radioamatori Italiani di Belluno

Mag 21st, 2012 | By | Category: Prima Pagina, Scuola

Lezione sulla radio la settimana scorsa nelle classi quarte e quinte della scuola primaria di Falcade.
Grazie a un progetto già consolidato a livello nazionale, il presidente Stefano Mannelli e il vicepresidente Gabriele Gaiardo della sezione di Belluno dell’Associazione Radioamatori Italiani hanno presentato agli studenti il mondo della radio e dei radioamatori coinvolgendoli attivamente attraverso foto, filmati e dimostrazioni pratiche.
La radio, nata alla fine del secolo scorso, infatti, oltre a rappresentare la base di tutte le moderne forme di comunicazione, è un mezzo in costante evoluzione e ancora di grande attualità.
Dopo aver illustrato l’attività dei radioamatori, la storia della radio e del suo inventore Guglielmo Marconi, la teoria di funzionamento di una stazione e le modalità operative, i bambini hanno potuto provare a trasmettere il proprio nome in codice morse con l’apposito tasto telegrafico. Mannelli e Gaiardo hanno poi provveduto a montare una piccola stazione radioamatoriale, completa di antenna nel cortile della scuola. I bambini hanno così assistito per la prima volta a un collegamento radio.
“Lo scopo del nostro intervento – racconta Mannelli – era di suscitare interesse per l’attività radioamatoriale che, in genere, nasce inizialmente come un hobby e che nel tempo per taluni diventa, se supportata dallo studio scolastico, un vero e proprio lavoro. L’hobby di radioamatore è praticato in tutto il mondo da centinaia di migliaia di persone di diversa razza, credo politico e religioso, tutti accomunati dalla stessa passione: la radio. Tuttavia diventare radioamatore non è semplice, servono competenze tecniche, forza di volontà e perseveranza. Abbiamo cercato di far comprendere anche questo rispondendo alle domande dei bambini. Alla fine, posso dire che è stata un’esperienza molto gratificante vedere come loro, abituati a utilizzare quotidianamente i mezzi più evoluti, scoprivano il mondo della radio e ne capivano l’importanza fondamentale nella storia.”
La lezione si è conclusa con un piccolo quiz che è servito a spiegare come, tra le altre cose, il radioamatore sia impegnato anche con la protezione civile.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.