Monday, 18 December 2017 - 20:23

Ezio Orzes, artefice a Ponte nelle Alpi del premio “Comuni a 5 Stelle”, Energymed 2009, e Comune Riciclone, nella squadra di Claudia Bettiol

Mag 16th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Ezio Orzes entra nella squadra di Claudia Bettiol, candidata sindaco di Belluno al ballottaggio del 20 e 21 maggio. Sarà presentato domani in una conferenza stampa dedicata almeno a questo primo componente della futura giunta Bettiol. “Ezio Orzes ha dimostrato di essere il numero uno nei temi di sua competenza come assessore a Ponte nelle Alpi, dove si è occupato di ambiente, rifiuti, energia, mobilità, agricoltura e beni comuni – annuncia Claudia Bettiol – sono felice che creda nel nostro progetto, che punta a portare la città all’eccellenza in tutti i settori, perché così la facciamo vincere”. Con il contributo di Orzes, aggiunge, “lavoreremo per condividere i servizi tra i comuni, con l’obiettivo di renderli più efficienti e ridurre i costi per i cittadini. Orzes ha dimostrato che attraverso progetti innovativi si possono raggiungere grandi risultati. Lavoreremo assieme per rendere Belluno una città sempre più virtuosa”.

Con Orzes, l’assessorato alle politiche ambientali di Ponte nelle Alpi ha vinto il premio “Comuni a 5 Stelle”, il premio Energymed 2009, e dal 2010 è il Comune Riciclone d’Italia, con una percentuale di differenziata che supera il 90%. E’ membro del consiglio direttivo dell’Associazione nazionale dei Comuni Virtuosi (www.comunivirtuosi.org), una rete di enti locali impegnati nella riduzione della propria impronta ecologica. Dal 2010 collabora come docente alla Scuola di Alt(r)amministrazione.

La biografia di Ezio Orzes http://www.ezioorzes.it/chi-sono/

 

 

 

 

 

Share

21 comments
Leave a comment »

  1. complimenti alla coerenza di ezio orzes che da una parte appoggia il movimento cinque stelle contro il pd e dall’altra il pd contro le civiche inoltre mi auguro che si dimetta subito da assessore a ponte nelle alpi prima dell’esito del voto bellunese e non faccia come i soliti politicanti che si danno disponibili per qualunque cosa senza mai perdere la poltrona

  2. Ma la coerenza e’ nei fatti e nella attuazione di misure concrete per cambiare la gestione della cosa pubblica.
    La coerenza e’ scegliere persone che possono attuare cio’ che Bettiol ha indicato nel programma.
    Quanto alla posizione di Orzes, non ho dubbi che fara’ quello che correttezza e trasparenza impongono.

    E poi il picconatore Massaro non si ha neanche restituito la tessera del PD!

  3. ma sig. piero allora in quante staffe vuole stare Massaro ? Nascondersi dietro false civiche e poi fare il Lassie che torna a casa?

  4. Da subito abbiamo avuto la sensazione che Claudia Bettiol avesse in mente di svegliare questa città per davvero, da subito l’approccio culturale è stato corretto ma quello che più mi ha impressionato di lei è la sua capacità di trasformare ragionamenti in azioni, con grinta determinazione e devo dire grande intelligenza intuitiva. Cioè di belle parole se ne sentono tante: giovani, sostenibilità, beni comuni, coerenza. Poi però si tratta di passare ai fatti e i fatti non lasciano dubbi: la squadra di Claudia sbaraglia gli avversari su tutto il fronte: omogeneità di vedute e provenieze, corretta distribuzione generazione e di genere, approccio concreto ai temi di sostenibilità e beni comuni con l’apporto stabile di Ezio e gli scambi di conoscenze con Civati e Ing. Bettiol, figure chiave dei vari mondi “smart city”. Questa indicazione di assessorato conferma perciò la nostra analisi, e ne siamo compiaciuti.

    Noi come giovani del laboratorio d’azione che ha creato #bellidee.net per promuovere una Belluno sostenibile e dinamica non possiamo che essere infatti entusiasti che le nostre richieste e proposte abbiano non solo trovato ampio spazio nel programma ma siano anche state messe nelle mani di una persona come Ezio Orzes, persona capace che saprà aggiungere al nostro pensare anche tutta la concretezza del suo fare, tramutando con facilità in azioni concrete quanto emerso dal nostro laboratorio di idee intelligenti per la città in questi mesi.

    Per questo e per altro mi auguro che dalle urne esca la scelta più coesa, sicura, solida e al tempo stesso dinamica per la città: Claudia Bettiol sindaco.

  5. non si ha neanche restituito… buon italiano eh!

  6. Sarebbe ora che chi si candida a sindaco lo facesse a tempo pieno: quello del sindaco è un lavoro! Quello che sarà sicuramente apprezzabile in un Massaro è che si potrà mettere in aspettativa e dedicarvisi tutto il tempo! La Bettiol continuerà a fare l’avvocato e il sindaco come secondo lavoro temo….

  7. Perché Claudia Bettiol non dovrebbe fare il sindaco a tempo pieno come ha promesso?
    Giudicare prima del fatto compiuto è solo malafede.

  8. Va bene Franco, sarà malafede ma voglio proprio vedere se la Bettiol eventualmente chiude lo studio per cinque anni e si dedica solo all’attività di sindaco….chissà, lo sapremo solo vivendo ma io (in malafede) ho i miei forti dubbi!

  9. Domanda a tutti quelli che sbavano perchè Bettiol ha scelto il “grande” Orzes. Ha portato la raccolta differenziata a Ponte nelle Alpi ad oltre il 90%. Bene, bravissimo. Per fare cosa? Vivaddio, perchè possa essere riusata e riciclata. Domanda al popolo osannante: “sapete quanta di quella plastica (tanto per prendere la componente più pericolosa) raccolta con tanta fatica e tanti soldi poi viene realmente riciclata”? Non ve lo dico perchè non mi credereste. Cliccate COREPLA o CONAI e cercate le statistiche. Chi lo sa già può rispondere subito. Fra uno o due giorni ne riparliamo dopo che vi sarete ripresi dalla sorpresa di vedere quanto di quello che è stato raccolto con tanta cura e tante speranze finisce in discarica e quanto, peggio ancora, viene conferito all’incenerimento. Buona ricerca a tutti.

  10. Non che finora Massaro sia stato particolarmente impegnato col suo lavoro: quand’era capogruppo passava diverso tempo in alcuni bar del centro storico…

  11. Per carità, ognuno è libero di passare il proprio tempo come vuole!

  12. lino ci mancavi.

  13. A Piero, vedo che tutt’oggi esistono ancora gli incenitoristi come te, ti sarebbe piaciuto prendere questo Assesorato?

  14. Non dimentichiamo di parlare di Pubbliche Energie e del suo lavoro per la diffusione di metodi di risparmio energetico. Si continua solo a citare l’esempio dato nel campo della raccolta dei rifiuti e parlare di quello, ma è l’intero contesto di azione che è vincente. Personalmente non vedo l’ora di mischiare le mie conoscenze in campo architettonico e della progettazione urbana sostenibile con Ezio. Sarei felice come un bambino.

  15. Vittorino, devi solo andare a vedere un dato e non fare filosofia. Non è che una cosa sia vera o falsa a seconda di cosa pensa il sottoscritto. In quanto all’inceneritore, invece di fare tante chiacchiere basate sul nulla, perdi qualche minuto della tua vita e verifica chi ha fatto l’unico piano provinciale (siamo alla fine del 1999) in cui sta scritto, in modo esplicito, che la provincia di Belluno non è disponibile, in nessun modo, ad accogliere qualsiasi tipo di inceneritore. Vedrai che tanti chiacchierano ma l’unico che ha messo nero su bianco che quì non si fanno inceneritori è il sottoscritto. Se poi per te le chiacchiere da osteria contano più dei documenti continua pure. Prova intanto a dire che quota della plastica raccolta con la differenziata spinta è realmente venduta. vediamo almeno se sai di cosa stai parlando.

  16. Piero, non ho bisogno sempre delle tue lezioni da maestro, importa invece se la plastica viene reciclata o bruciata.
    e’ questione di filiera e quindi business e soprattutto di salute. Se la recicli metti in atto un circolo virtuoso e ne beneficiano poco in molti, altrimenti ne beneficiano molto in pochi………i soliti.
    Per esser pari ti do anch’io una lezione , la plastica non inquina!………….finche’ tu non la bruci!

  17. CaroLino, approposito di persone ke stazionano nei bar del centro quando la Bettiol dice che vive in centro intendiamo forse ke vive al mazzini? per curiosità.

  18. Caro “ex elettore”, credo ci sia entrata una volta in vita sua, e su invito di altri…

  19. La Bettiol è una gran lavoratrice: non si trastulla certo nei bar come hanno fatto e continuano a fare altri…

  20. Vittyorino, sarei un professorino se pretendessi di insegnarti qualcosa ma non mi sogno nemmeno di farlo. Ti ho solo invitato ad informarti ma vedo che non ti interessa. Te lo dico lo stesso. Tutta la plastica raccolta con la differenziata ha tre destinazioni (Dati CONAI e COREPLA). Un terzo viene venduta alle aste e quindi riciclata ed utilizzata; un terzo va a discarica ed un terzo VIENE INCENERITA. Adesso se vuoi puoi anche ficcare la testa sotto terra che lì trovi certamente Lino a farti compagnia.

  21. Forse la gente non si trastulla nei bar, semplicemente vive la città! Facile farsi vedere solo in campagna elettorale, e magari il resto delle serate passarlo a Treviso….

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.