Monday, 23 October 2017 - 10:07

Crisi Safilo. Zaia conferma: “Non lesineremo impegno ed energie. Intanto attiviamo gli ammortizzatori sociali”

Mag 15th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha incontrato stamane a Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale, il sindaco di Longarone, Roberto Padrin e il vice presidente del Consiglio, Matteo Toscani, assicurandoli che la vertenza Safilo è una delle priorità nell’agenda dei lavori del presidente e dell’esecutivo veneto.

“Ho detto e confermo che vivo la sfida dei lavoratori della Safilo come una mia sfida personale – ha ribadito il governatore –. In accordo con la collega assessore al lavoro, abbiamo convocato per domani, mercoledì 16 maggio, le parti sociali e le amministrazioni comunali interessate per esaminare le possibili soluzioni a questa preoccupante situazione che coinvolge centinaia di famiglia venete. La prima cosa che intendiamo attivare sono gli ammortizzatori sociali, per rendere meno angoscioso per i lavoratori il prossimo periodo. Il nostro obiettivo principale è quello di salvare i posti di lavoro e per raggiungerlo, lo assicuro, metteremo in campo tutte le nostre energie e il nostro impegno”.

“Ringrazio il presidente per avermi ricevuto in tempi così rapidi – ha affermato il sindaco Padrin –, a conferma della grande attenzione che la Regione del Veneto attribuisce a questo problema. Ho condiviso con lui la mia grande preoccupazione per le ripercussioni economiche e sociali che ha la vertenza Safilo nel nostro territorio”.

“Il governatore ha ribadito la vicinanza della Regione ai dipendenti di Sàfilo – ha rilevato Toscani – e l’intenzione di attuare tutte le iniziative possibili per arginare gli effetti drammatici dei tagli occupazionali annunciati dall’azienda. Siamo di fronte a numeri da vera e propria emergenza sociale per quel che riguarda il territorio bellunese, dove sembra essere iniziata una pericolosa fase di deindustrializzazione. A questo, infatti, si aggiungono i casi preoccupanti di Invensys e Ideal Standard e di molte piccole e medie aziende. E’ perciò indispensabile individuare soluzioni strategiche per attrarre nuovi investimenti e risollevare l’economia, come, ad esempio, l’istituzione di zone franche che renderebbero nuovamente appetibile, attraverso una defiscalizzazione, un territorio geograficamente marginale”.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.