Friday, 15 December 2017 - 02:33

Lavoro. Marotta (IdV): Safilo, allarme delocalizzazione, acceleriamo progetti di legge in Regione

Mag 14th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

«Licenziare mille persone è un provvedimento che angoscia l’intera regione, che la spaventa. Lo ripeto, contando le famiglie di questi lavoratori, è come se Safilo mettesse in mezzo alla strada un comune di 5mila abitanti. È inaccettabile». Così il consigliere regionale di Italia dei Valori Gennaro Marotta ritorna sugli esuberi annunciati negli stabilimenti di Padova, Santa Maria di Sala (Ve), Martignacco (Ud) e Longarone (Bl).

«Quando gli imprenditori, non importa se di una multinazionale o meno, slegano il profitto dalla responsabilità e dall’etica, la strada si fa in salita. Quando poi – osserva il dipietrista – si sente puzza di delocalizzazione in Cina (l’allarme lanciato dala Cgil) è ancora peggio. Nel 2011 oltre settecento imprenditori del Nord Est hanno chiuso stabilimenti, con la perdita di circa 13mila posti di lavoro. Negli ultimi anni l’unica ragione per delocalizzare è stata la massiccia riduzione dei costi di manodopera e il “law shopping”, la ricerca di forti incentivazioni pubbliche di altri Stati».

«A fine gennaio – dice Marotta – per contrastare il fenomeno della delocalizzazione delle imprese venete, che vengono trasferite in paesi più “vantaggiosi” soprattutto perché il costo del lavoro è minore, come gruppo di Italia dei Valori in Consiglio regionale abbiamo presentato un progetto di legge. Adesso giace nei cassetti della Commissione Lavoro, in attesa di essere discusso. Anche per contrastare il dramma-Safilo, acceleriamo l’iter ed uniamolo ad altri due testi con obiettivi simili che sono fermi in Consiglio. Poniamo la tutela dei nostri posti di lavoro al primo posto dell’agenda, con ogni mezzo che abbiamo a disposizione».

«Il nostro progetto di legge – racconta Marotta – prevede un vincolo della durata di quindici anni per tutte quelle aziende che abbiano ricevuto finanziamenti pubblici da parte della Regione. In caso di delocalizzazione le imprese sono obbligate alla restituzione dei contributi regionali. Si interviene anche sulla destinazione d’uso delle aree produttive: per evitare la speculazione edilizia non possono avere una destinazione diversa per almeno vent’anni».

«Favoriamo anche – conclude il segretario regionale IdV – la riconversione di aree dismesse, con l’esproprio per pubblica utilità, e la trasmissione della proprietà delle imprese in crisi a quei dipendenti che decidano di proseguirne l’attività, organizzandosi in cooperativa».

 

 

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Safilo è un’azienda che ha più di 75 anni ed è sempre cresciuta in profitti, dipendenti, marchi ecc. ecc.
    Tutto questo lavorando in Cadore, Longarone e S.Maria di Sala (VE) e Friuli e Padova…
    Questo dimostra che se si lavora bene i profitti ci sono eccome e si cresce a due cifre anche in Italia.
    L’operazione Cina invece dimostra che ci sono strumenti finanziari che del lavoro se ne fregano, lavori bene, male, non lavori, non gliene importa nulla, basta che porti denaro su denaro su denaro…
    Ma tutta questa “spremitura” di bigliettoni, nello stesso momento che frutta soldoni, inaridisce le radici del profitto fututo perché delocalizza in luoghi lontani, con manodopera che NON può essere fidelizzata, NON può essere custode del saper fare il prodotto (sono tutti precari in Cina) e spande nel mercato un prodotto che di originale, che di italiano, non ha poi più molto.
    E’ come chi per vendere il prosciutto di Parma, se lo va a far produrre in Turchia con gli animali locali, il fieno del posto, la manodopera indigena… ma che prosciutto di Parma sarà? Prosciutto di Ankara se lo volete ve lo comprate, ma non sarà la stessa cosa e non potrà esserlo nemmeno nel prezzo, no?
    Quindi una operazione di cortissimo respiro, che frutta moltissimo a breve termine ma poi inaridisce a causa proprio della mano del pardone che preferisce avere tutto subito anziché investire sul futuro.
    Chi incamera grandissimi guadagni potrà, una volta che la pianta si sarà seccata, o vivere di rendita o buttarsi a capofitto in un’altra “spremitura” ,a chi lavora giorno per giorno non avrà da queste operazioni nulla oltre alla normale paga mensile e che quando sarà finita la “festa” non resterà che con un piatto di lenticchie.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.