Wednesday, 18 October 2017 - 14:58

Non c’e due senza tre… e Jacopo Massaro vincerà * di Sante Rossetto

Mag 7th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Sante Rossetto

I bellunesi dovrebbero leggere di più Manzoni. O almeno i bellunesi che votano (o meglio votavano) nell’area Pdl. Cosa c’entra Manzoni? I proverbi – insegna don Lisander – sono la saggezza dei popoli. E allora? Allora “non c’è due senza tre”. E cioè? Alla presentazione del “nuovo Pdl” c’era anche Floriano Pra. Il quale – ricordate adesso? – Si è preso una stangata quando ha tentato la scalata alla Provincia (vinse Reolon), poi ha ricevuto un altro smacco tentando di diventare presidente della Camera di commercio, andata a Doglioni, e, per rispettare il proverbio, questa è la terza sconfitta come sostenitore di Prade.

Si potrebbe continuare, ma per carità laica (di quella cristiana è meglio dubitare) è preferibile lasciar perdere, ma gli elettori dovrebbero riflettere su chi eleggono e non soltanto sul simbolo. Perché il simbolo lo fanno gli uomini e non viceversa.

Chi vincerà? Massaro. Spiace per la simpatica Claudia Bettiol, l’incompiuta come la ottava di Schubert. Mancata candidata al parlamento a suo tempo, mancata candidato sindaco cinque anni fa, mancato sindaco adesso. Anche per lei vale la legge del proverbio. Non c’è due…

Massaro vincerà perché rappresenta il coraggio di essersi sganciato dai partiti e di mettersi in gioco da solo. Lo premieranno tutti quelli che vogliono uomini nuovi in tutto. E lui lo è.

Se sbaglio, sbaglia Manzoni.

Sante Rossetto *

* giornalista e scrittore

 

 

Share

23 comments
Leave a comment »

  1. Questa volta Sante Rossetto ha proprio sbagliato: quando mancavano ancora poche sezioni da scrutinare Prade è ritornato in gioco… La Bettiol avrà Prade come sfidante, non Massaro…

  2. E la colpa non è di Manzoni, ma della smania che ci porta a commentare i dati man mano che arrivano senza aspettare invece quelli definitivi…

  3. E la colpa non è di Manzoni, ma della smania che ci porta a commentare i dati man mano che arrivano senza aspettare invece quelli definitivi…

  4. Chiedo scusa! Vista l’ora tarda (il dato dell’ultima sezione è arrivato attorno alle 02:30) ho confuso le tabelle!! Le liste di Prade hanno recuperato su quelle di Massaro ma al ballottaggio se la vedranno la Bettiol e Massaro! Sono molto contento che Prade sia stato defenestrato!!!!!!!!!!!!

  5. Chiedo ancora scusa! Certo che è stato uno scrutinio interminabile!

  6. Buon giorno 🙂 io a questo punto direi di tifare per Massaro.

  7. Come sempre c’è qualcuno, Rossetto in questo caso, che si attribuisce la patente di sapere sempre più degli altri almeno per la parte che riguarda Massaro. Ma oltre a Manzoni altri dissero che i morti si contano solo alla fine della battaglia. Indubbiamente il risultato di Prade non può dirsi esaltante e accomunato con la sconfitta di Cortina dovrebbe indicare al PDL di dare una nuova e profonda spolverata nella sede provinciale per togliere quello strato di muffa che si è nuovamente statificato da qualche mese a questa parte. Su questo c’è da condividere il Rossetto pensiero.

  8. “Massaro vincerà perché rappresenta il coraggio di essersi sganciato dai partiti e di mettersi in gioco da solo. Lo premieranno tutti quelli che vogliono uomini nuovi in tutto. E lui lo è.”
    Solo lui è un volto nuovo..è proprio questo il problema. Si sgancia dai partiti ma presenta dei candidati non tanto nuovi, politici già visti che a Belluno hanno già fatto il loro percorso, persone appartenenti a liste civiche ma con identità politiche ben precise e se vogliamo il rinnovamento premiamo chi il rinnovamento l’ha fatto non solo chi l’ha predicato!

  9. erika (dal farra?), per favore siamo seri!
    Confrontate le rispettive liste principali e valutate un po’ voi:

    Pd (con Bettiol):
    1 IRMA VISALLI MESSINA 01/09/1961
    2 MARIA TERESA CASSOL ved. GARBELLOTTO BELLUNO 22/06/1957
    3 LAURA ANTOLE BELLUNO 31/12/1950
    4 PAOLO BELLO PADOVA 03/09/1961
    5 ENRICO BORTOLUZZI BELLUNO 24/08/1982
    6 RENATO BORTOT BELLUNO 29/12/1950
    7 ALESSANDRA BRISTOT BELLUNO 04/02/1983
    8 KALVIN HENRIQUE CANTIDIO LONDRINA (BR) 08/12/1986
    9 GABRIELE CAPRARO BELLUNO 18/04/1981
    10 PIERO CASAGRANDE BELLUNO 27/05/1971
    11 REMIGIO CASE BELLUNO 06/01/1951
    12 GERARDO CAVALIERO GIFFONI SEI CASALI 01/01/1948
    13 MIRCO COSTA BELLUNO 06/03/1982
    14 ERIKA DAL FARRA BELLUNO 18/11/1988
    15 NELLA DE BERNARDO in CALLERI BELLUNO 11/01/1958
    16 JACOPO DE BIASI BELLUNO 20/06/1989
    17 CRISTINA DE DONA’ in D’AURIA BELLUNO 23/12/1964
    18 ANDREA DE MIN BELLUNO 29/06/1984
    19 SANDRA DE MIN BELLUNO 21/03/1975
    20 ROBERTO DE MOLINER BELLUNO 15/02/1956
    21 IGINO D’INCA’ BELLUNO 19/08/1938
    22 IVES D’INCA’ BELLUNO 13/02/1953
    23 GIANNAROSA FOGALE TAMBRE 19/02/1957
    24 DONATELLA GALLETTA MESSINA 23/10/1975
    25 FRANCESCO LANGHER MESSINA 12/12/1992
    26 ZAIRA MARTIRE FELTRE 12/04/1955
    27 ERICA MORET MEL 24/04/1960
    28 FRANCESCO ORZES BELLUNO 12/06/1991
    29 MARCO PERALE BELLUNO 21/03/1957
    30 ANTONIO SIRENA BELLUNO 12/12/1951
    31 MARCO TARRONI FERRARA 26/03/1992
    32 SANDRA TRAMONTIN BELLUNO 09/10/1960

    InMovimento (con Massaro):
    1 TOMASO ZAMPIERI AGORDO 21/10/1974
    2 CLAUDIA ALPAGO-NOVELLO BELLUNO 28/10/1960
    3 IVAN BORSATO BELLUNO 03/06/1973
    4 ROBERTA BRIDDA FELTRE 09/06/1971
    5 BARBARA BURIGO VENEZIA 26/05/1971
    6 SIMONETTA BUTTIGNON BELLUNO 13/04/1965
    7 MERI CASAGRANDE FELTRE 05/04/1984
    8 FILIPPO CIBIEN BELLUNO 12/10/1981
    9 MARCO CIOCIANO BOTTARETTO BELLUNO 05/12/1980
    10 NICOLA DA ROLD OSTIGLIA 30/04/1972
    11 SABRINA DA ROLD BELLUNO 23/05/1970
    12 ELEONORA DAL FARRA FELTRE 24/04/1986
    13 FRANCESCA DE BIASI BELLUNO 28/12/1974
    14 CRISTINA DE BONA MILANO 20/05/1972
    15 MARIO DE GHETTO GEMONA DEL FRIULI 14/07/1964
    16 MONICA DE PASQUAL BELLUNO 07/06/1979
    17 MICHELE DE PELLEGRIN BELLUNO 09/10/1970
    18 ENRICO DE PIAN BELLUNO 26/07/1965
    19 ERMES FERRAZZI SANTA GIUSTINA 11/02/1952
    20 GIANCARLO GARNA BELLUNO 21/07/1968
    21 BIAGIO GIANNONE BELLUNO 01/06/1968
    22 PIERENRICO LECIS VITTORIO VENETO 13/02/1959
    23 DAVIDE LUCICESARE BELLUNO 01/01/1976
    24 FRANCESCO MASUT BELLUNO 19/11/1955
    25 CRISTIANA MORITSCH BELLUNO 27/02/1985
    26 LUCIA OLIVOTTO BELLUNO 03/07/1967
    27 LUIGI POVIA BELLUNO 18/05/1984
    28 MARCO PURPORA BELLUNO 13/10/1969
    29 LARISSA RONCAGLIA MODENA 19/07/1969
    30 MANUELE SANGALLI BELLUNO 18/01/1974
    31 PAOLO SANTESSO PADOVA 27/05/1980
    32 VALENTINA TOMASI BELLUNO 09/03/1982

  10. alba silente, non fermarti all’età anagrafica!

  11. Che bello continuare a leggere Sante Rossetto. Un’analisi molto seria che riesce ad andare oltre le cifre, e a vedere le persone che si muovono dietro il palcoscenico della politica. Non so se vincerá Massaro, peró concordo con Erika che nelle sue liste non c’é solo il nuovo che avanza. Massaro é sostenuto da tre liste. Mentre la lista In Movimento é prevalentemente formata da non politici, nelel altre spuntano Ermano de Col, Celeste Balcon, Fabio Rufus Bristot. Piú che di alternativa ai partiti, si puó parlare di fronde interne che sfruttano la critica all’apparato del PD bellunese. Un’apparato che comunque é pesantissimo e controproducente epr il partito stesso.

  12. Matteo, aggiungi pure Orso Grigio, Francesco Rasera Berna, Orlando Dal Farra!

  13. Inoltre nella lista In Movimento c’è Biagio Giannone, consigliere comunale PD e segretario del circolo PD di Mussoi, Tomaso Zampieri, consigliere comunale PD fino al 2010, e altri ex PD: Simonetta Buttignon, membro dell’assemblea comunale PD e del circolo PD Centro Storico, Francesca Masut, Lucia Olivotto, segretario del circolo PD Oltrardo-Cavarzano, Marco Purpora, presidente dell’assemblea comunale PD.

  14. Chiedo scusa se ho dimenticato qualcuno! Non era mia intenzione!

  15. Sig. Rossetto, mi spiace per il Suo commento, xchè sarà sicuramente vero che il Sig.Prà ormai è anni che naviga nella politica, ma attribuire tutti questi fallimenti a lui è perlomeno ingeneroso, e tutto sommato io personalemte penso che sia stato l’unico politico che effettivamente a lavorato e portato qualcosa in questa Provincia facendo quello che un politico deve fare cioè ” non dare i pesci al popolo, ma insegnare al popolo a pescare” e lo sviluppo della parte alta della provincia Arabba in primis è merito suo, e se poi il “popolo non vuole impare a pescare questa è un’altr’a cosa” e se proprio dobbiamo aggiungere altro, mi sembra che il Sig.Prà sia anche presidente di Certottica che presumo sia l’unico Ente/Progetto fatto a livello politico che funziona, altri non nè vedo e posso sicuramente citare milioni di euro in progetti fatti con soldi spesi senza ottenere risultati ma bensì fallimenti………. sempre pronto ad ogni modo a ritrattare le mie parole quando Lei gentilmente mi indicherà i nomi dei ns politici che hanno portato qualcosa in questa provincia, MA DI REALE PERO’, CHE FUNZIONA, non le solite parole buttate lì al vento senza consistenza….. fatti non parole….

  16. Pare che Lino abbia l’incubo Massaro. Perchè non si gode il primo posto di Bettiol senza rompere tanto?

  17. che vuol dire scegliere giovani ed incensurati? Forse che il PdL non l’ha fatto? Minetti non è giovane ed incensurata? Carfagna? Perfino la lega con il trota. Bene, sono giovani, incensurati e possibilmente anche laureati, ma chi mi garantisce che siano competenti? Capite qual è il populismo e che io rifiuto nettamente? Non voglio più Minetti, Carfagna, Gelmini, Alfano e Trota, ho già dato! La buona volontà in politica non basta. Ti faresti operare da un chirurgo tanto onesto ma senza laurea? Io no. E se la domanda è se preferisco un chirurgo disonesto ti anticipo: la risposta è ugualmente no. Idem per l’idraulico, l’elettricista, l’insegnante, il meccanico: voglio onestà e competenza, E’ populismo parlare di “giovani”: perché mai dovrei disprezzare un cinquantenne-sessantenne che abbia le necessarie conoscenze e competenze? Che società è mai questa che relega l’anziano ai margini? Si parte già con la discriminazione? Dunque a conti fatti mi pare che la Bettiol abbia capacità superiori a quelle di Massaro,che pure è un ragazzo molto preparato,però il per la mia città voglio essere governato dal migliore sindaco possibile.

  18. Sarebbe interessante sign. De Pellegrin cominciare ad elencarle queste presunte competenze. Io penso che sia piu’ competente un capogruppo che per 5 anni ha puntualmente approfondito delibere, bilanci del comune, documenti programmatici ed altro demolendo colpo su colpo una fallimentare amministrazione che chi ha egregiamente organizzato una mostra sul Tiziano. La questione generazionale non ha nulla a che vedere con l’eta’ ma con l’approccio con cui vengono affrontate le questioni. Una di queste e’ l’obsoleta contrapposizione ideologica tra csx e cdx che impedisce di affrontare le questioni e problemi locali nel merito. Rifletta sul fatto che in questa tornata elettorale in Provincia avanzano sindaci giovani. Non e’ fondamentalismo generazionale ma semplice analisi fattuale di quello che sta accadendo.

  19. Mario, quello che ha fatto Massaro come capogruppo l’ha fatto come capogruppo di un partito di opposizione! E’ più facile essere all’opposizione che in maggioranza! La Bettiol, a differenza di Massaro, si è assunta responsabilità di governo in qualità di vicepresidente della provincia e di assessore provinciale alla cultura.

  20. Piero, se dire le cose come stanno equivale a rompere, allora sì, continuerò a rompere!

  21. Non vedo contrapposizioni: un elettorato di anziani (la nostra Provincia è tra quelle con la media più alta in Italia) ha eletto una serie di Sindaci giovani. Questa è la realtà. E’ stata una dimostrazione di alta capacità politica da parte dell’elettorato. Fa ben sperare per il futuro.

  22. Caro Lino rimango in attesa di sapere le competenze dimostrate da assessore Provinciale, oltre a mostre e tesori d’arte.

  23. signor lino anche la bettiol era capogruppo di minoranza in comune anni fa eppure nessuno si ricorda delle sue gesta dell’opposizione di massaro si ricordano tutti evidentemente tra i due cè un diverso spessore

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.