Monday, 1 September 2014 - 09:29

Rassegna cinematografica Storie di famiglie fuori dall’ordinario: mercoledì in sala Bianchi Little Miss Sunshine

mag 5th, 2012 | By | Category: Appuntamenti, Arte Cultura Spettacoli, Pausa Caffè

Mercoledì 9 maggio alle ore 21.00 in Sala Bianchi al via la rassegna di Cinema d’Autore Famiglie (stra)ordinarie al cinema con il film Little Miss Sunshine di Jonathan Dayton e Valerie Faris, curata da Silvia Zanna.

Al centro le vicende della bizzarra famiglia Hoover -tanto problematica e frustrata quanto capace di amore e solidarietà- composta da un padre ossessionato dal successo, da una madre sull’orlo di una crisi di nervi, un figlio che ha fatto voto di silenzio, uno zio depresso sopravvissuto ad un tentato suicidio e un nonno strampalato, nostalgico degli anni Sessanta, che prepara la piccola nipotina, Olivia, per una competizione di bellezza.

Little Miss Sunshine è un inno ad un sano anticonformismo, una commedia tragicomica che ridicolizza il mito del successo e della bellezza (non solo americano) per suggerirci che da vicino nessuno è normale e che dietro l’apparente normalità possono nascondersi ipocrisia e oscenità.

La rassegna proseguirà mercoledì 16 maggio con il film Tanguy (2001) del regista francese Etienne Chatiliez frizzante commedia sui rapporti familiari e soprattutto sulle strategie, anche spietate, messe in atto da due genitori esasperati perché il figlio, Tanguy, brillante trentenne, con tanto di lavoro e busta paga, non vuole lasciare il nido familiare. Opera deliziosa, costruita con un ritmo vivace e incalzante, Tanguy ha il merito di trasformare un tema sociale che trae spunto da una vicenda di cronaca Italiana degli anni Novanta, in un racconto grottesco, a tratti esilarante.

Famiglie (stra)ordinarie al cinema si concluderà mercoledì 23 maggio con il film della regista elvetica Ursula Meier Home (2009). Protagonista una famiglia anticonformista e curiosamente antimoderna (la famiglia vive ai margini del mondo, sul ciglio di una autostrada abbandonata dove crede di aver trovato la felicità) che sarà travolta da una tragica ondata di normalizzazione. Opera affascinante, ricca di simbolismi e metafore, Home è soprattutto una favola assurda, apocalittica che racconta la resistenza suicida da parte di una famiglia contro la civiltà moderna e la difficoltà di trovare un proprio posto nel mondo.

La rassegna, promossa dalla Biblioteca civica di Belluno è a ingresso libero e gratuito.

Scrivi un commento