Friday, 15 December 2017 - 00:52

L’invito al voto di Claudia Bettiol, “per il bene di Belluno”

Mag 4th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

“Andiamo a votare”. Sulla terrazza del bar Astor di Belluno quest’oggi Claudia Bettiol dedica l’ultimo intervento della campagna elettorale invitando al voto tutti i cittadini, affinché esprimano la loro scelta sulla futura amministrazione di Belluno. “Capisco la tentazione di fare di tutta l’erba un fascio, senza distinzioni – sottolinea il candidato sindaco del centrosinistra – ma noi cittadini non possiamo rinunciare al nostro diritto al voto e non dovremmo dare deleghe in bianco, che si sono già dimostrate dannose. Con queste convinzioni mi permetto di rivolgere un appello perché tutti vadano a votare domenica o lunedì. E’ un appello al senso civico che deve essere più forte delle difficoltà, della crisi economica. Per il bene di Belluno, raggiungiamo la più alta affluenza possibile!”.

“Con un metodo fondato su ascolto, partecipazione e trasparenza è possibile aprire una nuova stagione di governo per Belluno – ha detto Claudia Bettiol incontrando i giornalisti -. Io sono realista, vedo le difficoltà, ma sono altrettanto certa che con una squadra coesa e il nostro progetto possiamo ridare davvero un ruolo a Belluno. Le false promesse elettorali le lasciamo al sindaco Prade, che sta nascondendo i conti, dicendo che sono in ordine. Temiamo invece di trovare un Comune in difficoltà, ma questo non ci impedirà di occuparci delle fasce più deboli della popolazione, di introdurre equità e di difendere i servizi che il capoluogo offre. Migliorare l’occupazione e far ripartire lo sviluppo del territorio sono nostri obiettivi, per perseguirli dobbiamo gestire al meglio le risorse, ottenerne di nuove dallo Stato e dall’Europa e assicurare servizi di qualità alle persone”.

Claudia Bettiol ha ripercorso la campagna elettorale, “basata sull’incontro diretto e sul dialogo con i cittadini, ai quali spiegato la nostra visione di città”. Gli incontri pubblici ai quali Bettiol ha partecipato in sette settimane sono stati più di 50, tra i quali otto eventi tematici su specifici punti del programma, 16 incontri nelle frazioni e nei quartieri, e poi confronti, convegni, conferenze stampa, iniziative di campagna. Anche il web ha contibuito a comunicare il progetto di città e molte persone e associazioni hanno inviato a Claudia Bettiol richieste e proposte via email.

“Giovani e candidati più esperti hanno fatto una bellissima campagna, mobilitandosi e costruendo tante proposte concrete – ha detto ringraziando i candidati consiglieri delle liste Tutti per Belluno, Partito Democratico e Italia dei Valori – Trasmettiamo tutti un messaggio di serenità, fiducia e speranza. Belluno ce l’ha sempre fatta a uscire dalle situazioni critiche, vincerà anche questa volta”.

Alcuni candidati hanno voluto esprimere la loro soddisfazione per questa campagna. Per la civica Tutti per Belluno Andrea Segat ha parlato di esperienza positiva per il proficuo faccia a faccia con i cittadini, Camilla Fiori di “armonia e unità delle liste che ha reso questa un’esperienza umanamente importante”, Ilaria Della Giustina ha ribadito: “Si può discutere il sistema, ma non lo strumento delle elezioni, bisogna andare a votare”. Irma Visalli, segretaria Pd e capolista, sottolinea il “cambiamento vero, proposto dai giovani che stanno lavorando a un nuovo percorso politico” e ricorda il “patto con gli elettori” sottoscritto da tutti i candidati della lista, che assicurano così la loro fedeltà al mandato ricevuto dai cittadini. Paolo Bello ha detto: “Il Pd ha avuto in questa campagna la conferma di aver fatto la scelta giusta, l’elettore ha diritto di scegliere una visione di città come quella che proponiamo”. Per l’Idv è interventuo il capolista Luigi Roccon, il quale ha definito la giunta uscente “la più scadente in assoluto vista negli ultimi vent’anni” e che “Belluno merita qualcosa di più, con Claudia è possibile raggiungerlo e mi auguro che vinca”.

Share

7 comments
Leave a comment »

  1. Ascolto, partecipazione e trasparenza sono, o meglio avrebbero dovuto essere, da sempre il sale della politica e le fondamenta di una vera rappresentanza. Con un’affermazione di tal genere la Sig. Bettiol ci lascia intendere che fino ad ieri non è stato il loro modo di operare. Grazie per la sincerità.

  2. Brava claudia! Ho seguito alcuni incontri e l’ho trovata determinata, e mi è piaciuto che non sembra in campagna elettorale, non parla per prenderci in giro. Ho sentito parlare anche un candidato giovane all’iniziativa con la serracchiani e devo dare atto che sono bravi.
    Andiamo a votare tutti, io voteró la claudia bettiol senza dubbio

  3. Giovanni, l’abbiamo capito che nella tua vita c’è soltanto Andrea Lanari!

  4. Giovanni, per quanto riguarda le spese elettorali, Prade ha dichiarato di aver speso 50.000€, la Bettiol circa 15.000€. Come vedi, Prade se n’è infischiato della crisi…

  5. Comunque vada è stata la campagna più bella che una forza politica abbia mai messo in campo. Col sorriso tra la gente e con i tecnici ed esperti negli incontri, tanti giovani che non hanno fatto le statuine in lista ma si sono dati da fare lasciando tutti a bocca aperta. E se vinciamo, ne stupiremo tanti altri.

  6. Caro Lino, ognuno i suoi soldi li spende come vuole. Anche si potrebbe anche dire che 15000 euro in tempo di crisi sono tanti per la campagna elettorale…

  7. Caro Simone, Prade ha speso più del triplo della Bettiol: la matematica non è un’opinione!

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.