Sunday, 22 October 2017 - 06:30

Il I° maggio del Pd a Rio Cavalli con Claudia Bettiol e Dario Franceschini

Mag 2nd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Lavoratori, candidati, amici, elettori e capigruppo. Un bellissimo 1 maggio all’agriturismo Rio Cavalli, a Ponte nelle Alpi, insieme a Claudia Bettiol, Dario Franceschini e alla pimpante squadra del Partito Democratico.

Altri quattro giorni per far vincere due anni. Il Partito Democratico è tanta gente. Tanta gente (oltre 200 partecipanti) che martedì 1 maggio ha deciso di festeggiare la festa dei lavoratori in casa dei vicini di Ponte nelle Alpi, il cui Circolo del PD ha dato vita alla giornata, tra militanti, amici, elettori, candidati e ospiti d’eccezione. Una giornata intensa, partecipatissima, che ha sottolineato in mezza giornata il lavoro svolto negli ultimi due anni: condividere un’idea, disegnare un progetto e scrivere un programma che siano il domani di una città oggi in crisi.

«Ma non è finita – ricorda Irma Visalli a chiusura della giornata di festa – mancano ancora 4 giorni per guardare negli occhi i nostri concittadini e convincerli che il futuro parte da qui, con noi, con una squadra meravigliosa che ha saputo scrivere un bellissimo progetto per il futuro».

«Siamo ancora qui – aggiunge la candidata sindaco Claudia Bettiol – a proporre quelle risposte che il vento dell’anti-politica non può e non sa dare. Noi siamo questi: siamo esperienza e innovazione, giovani e donne. Siamo una squadra, che con fatica ed enorme soddisfazione sta compiendo un percorso che ridarà il ruolo che la città ha perso per colpa del centrodestra».

Quindi, arrivato nel pomeriggio per osservare negli occhi il PD che cresce, e cambia, ecco Dario Franceschini, capogruppo del Partito Democratico alla Camera. «Grazie a tutte – esordisce con una battuta a sottolineare l’imponente “quota rosa” protagonista del presente del PD bellunese – È splendido trovare tanto entusiasmo e una squadra come la vostra. Questi ultimi giorni saranno determinanti, continuate così, porta a porta; i vostri argomenti sono la vostra forza. Dopo 20 anni di monopolio dei fatti propri di Berlusconi, stiamo vivendo una campagna elettorale di contenuti, programmi, idee. E guardacaso i candidati del centrodestra in giro non si vedono, non stanno tra la gente. Se il Paese è nella situazione in cui si trova le responsabilità sono chiare; fare di tutta l’erba un fascio è ingiusto e grave. Non ci stiamo a essere messi sullo stesso piano di chi ruba, noi siamo quelli che hanno fatto cadere Berlusconi e che hanno sostenuto un governo che potesse affrontare momenti drammatici immediatamente. Sarebbe stato molto più facile per noi andare immediatamente al voto e vincere. Ma non era ciò di cui aveva bisogno il Paese. Ma sia chiaro, la destra e la sinistra non sono la stessa cosa: per loro la crisi si supera con l’ “ognuno si arrangi”, in attesa della crescita. Per noi si supera stando vicino agli ultimi, a chi non ha gli strumenti per arrangiarsi. Ripensando gli ammortizzatori sociali e fornendo ai Comuni i mezzi per pensare a servizi speciali». «La politica deve recuperare la capacità di dare una speranza – aggiunge Franceschini – e noi vogliamo essere ciò in cui gli italiani sentano di poter porre la loro fiducia. Da Belluno partirà un segnale molto forte, per il Veneto, per il Nord e per il Paese. E così dimostrerete – chiude il capogruppo con una battuta – che le donne ci sanno davvero fare».

Quindi la chiusura di un giovane, Enrico Bortoluzzi: «Sono due anni che mettiamo insieme competenze e professionalità per costruire il futuro di questa città, e ne andiamo orgogliosi. Non ci stiamo inventando Belluno in 5 minuti, bensì abbiamo lavorato e stiamo lavorando per rialzare Belluno dopo 5 anni indescrivibili. E il cambiamento avverrà sotto la bandiera del PD».

Nel corso della giornata inoltre, grazie a una pesca di beneficienza, sono stati raccolti oltre 1000 euro per l’Associazione Belluno Donna, in favore del centro Antiviolenza.

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. Ahahahah!! Ben Giovanni, detto da chi scappa alle domande dei giornalisti perchè non saprebbe rispondere fuori dal suo monologo clone di piazza in piazza.. (Ah no a Palermo ha cambiato, ha difeso la Mafia!) Mi fa sganasciare!!

  2. Peccato che Grillo sia un comico!

  3. Sono lavori differenti, Grillo E’ un uomo di spettacolo, non posso contestargli il guadagno che ha ricavato. Così come non posso pretendere che un imprenditore abbia lo stesso stipendio mio . Sarebbe ingiusto criticare Grillo per questo. E infatti non lo faccio. Neanche perché è un comico, chiunque ha il diritto di esprimere la propria opinione. Ma se dice minchiate sì, lo critico eccome.”La crisi è peggio della mafia. La mafia non ha mai strangolato le proprie vittime, si limita a prendere il pizzo”.Questo è un discorso molto pericoloso.Capita a tanti di dire sciocchezze pochi hanno l’umiltà di dire :”Ho sbagliato”

  4. Anche a me la cosa sembra chiara. Magari dire che lo Stato è peggio della mafia sarà sbagliato o un paragone fuori luogo ma sulla mafia mi pare che Grillo sia stato chiaro. Ha detto che la mafia ha interesse a tenere in vita le sue vittime per spremerle al massimo e le elimina quando si ribellano. Esattamente quello che fa. Il fatto grave è che dopo tutto questo parlare di lotta alla mafia e di successi da parte dello Stato, la mafia è ancora lì, forte come prima se non più forte. Qualcosa non quadra. Sarà mica colpa di Grillo?

  5. Nessuno accusa Grillo di questo,ho sottolineato che il paragone era fuori luogo, sappiamo benissimo come funziona la mafia.Comunque non è certo Dio in terra Grillo, se ha detto qualcosa di sbagliato va certamente criticato.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.