Sunday, 8 December 2019 - 04:56
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Le cinque domande di Paolo Bampo ai candidati sindaco

Apr 28th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Paolo Bampo

“Cinque  chiarimenti da parte Vs. nel caso di attenzione verso sensibilità particolari”. Titola così la lettera di Paolo Bampo (fondatore del Pab Provincia autonoma Belluno), ai nove candidati sindaco del Comune di Belluno, Claudia Bettiol, Ida Bortoluzzi, Leonardo Colle, Carlo Giuliana, Francesco La Grua, Andrea Lanari, Jacopo Massaro, Antonio Prade e Massimo Vidori.

In quanto rappresentante di un soggetto non partecipante direttamente alla attuale tornata elettorale amministrativa, (seppur schierato) – scrive Bampo –  sono a richiedere alle S.V. ill.me le risposte alle domande sotto elencate per chiarire la Vs. posizione, in caso di Vs. vittoria, su temi che il PAB (Provincia Autonoma Belluno) ha ritenuto di inserire nei propri programmi, ovvero facenti comunque parte dei propri intendimenti politici.

a) E’ Vs. intenzione istituire l’Assessorato all’Autonomia o comunque la Delega all’Autonomia?

b) E’ Vs. intenzione modificare lo Statuto comunale per dar voce ai diversi quartieri di Belluno, attraverso la rappresentanza in consiglio o nelle competenti commissioni, del “capo-frazione” e garantire così la policentricità di Belluno che si basa sulla vivacità dei quartieri, piuttosto che sul sorpassato ruolo di fulcro comunale sempre ricercato per il centro storico?

c) Sub 1) Non rientrando nelle priorità da alcuno scritte nel proprio programma (eccezione fatta per Vidori del POLO AUTONOMISTA, che è da noi sostenuto in questa prima fase elettorale) nel caso di vittoria sarà realizzata una sorta di “Sala del Commiato” per la celebrazione dei funerali laici? Sub 2) Ricercherete o stimolerete una sinergia provinciale per l’individuazione di un sito idoneo per la cremazione dei defunti?

Sub 3) Assegnerete nuovamente la festività al 2 novembre per la celebrazione dei defunti, sottraendo l’eventuale giornata di festività ad altra ricorrenza non altrettanto sentita dalla popolazione?

d) Sarà varata una modifica statutaria per permettere una partecipazione democratica alle forze produttive ed economiche in forma “attiva” ai lavori del consiglio comunale e delle relative commissioni (ev.specificare come).

e) E’ Vs. intenzione rinunciare ad ogni consulenza esterna non prevista quale obbligo e, per singoli progetti o necessità comunali, utilizzare il personale dipendente ed eventualmente stimolare, per una valorizzazione delle risorse interne e locali, le categorie e la cittadinanza alla fornitura spontanea di proposte e progetti e a titolo di contributo di idee e/o collaborazione non onerosa?

Dichiarando l’indisponibilità del PAB a compromessi o a barattare le proprie idee in cambio di benefici o rendite di potere, si chiarisce che le domande sono poste oggi per avere una risposta prima della scadenza elettorale del 7 maggio , affinchè non sia in futuro ricercato un impegno elettorale o altro con il PAB in assenza di una preventiva verifica su una possibile convergenza di idee. Si ritiene importante sottolineare infatti, che deve essere il comune pensiero a creare il giusto collante per una strategia unitaria e non la contingente necessità di superare una specifica fase elettorale. Si precisa che le risposte potranno essere indirizzate a mezzo fax: 0437 915106 o via mail: pab.mov@libero.it

Pe poter dare ufficialità alle Vs. risposte, attendo un Vs. cortese riscontro entro il giorno 3 maggio p.v. Ringraziando, colgo l’occasione per porgere distinti saluti.

Paolo Bampo (PAB)

Share

Comments are closed.