13.9 C
Belluno
giovedì, Agosto 6, 2020
Home Cronaca/Politica Claudia Bettiol: “Il lavoro prima di tutto”. Un progetto di città...

Claudia Bettiol: “Il lavoro prima di tutto”. Un progetto di città basato sull’equità sociale. Incontro con i lavoratori Invensys. Impegno con l’Anci per le donne in amministrazione

Un progetto per far vincere Belluno. Costruito nel tempo, con la partecipazione di tante persone e la convergenza di tre liste che lo propongono alla città. E’ il progetto che si impegna a realizzare Claudia Bettiol, candidata sindaco di Belluno alle elezioni amministrative del 6 e 7 maggio. “Gestiremo le risorse con sobrietà e trasparenza, parlandone con i cittadini – ha detto presentando la sintesi programmatica alla stampa -. Troveremo una situazione di bilancio critica e affronteremo questioni come quella dell’acqua, del teatro e dei servizi socio-assistenziali, per le quali è urgente voltare pagina. Al centro del programma, però, c’è il lavoro.

Tutto ci rimanda al bisogno di certezze e di opportunità, per le imprese e i lavoratori. Per difendere il lavoro che c’è e puntare a nuovi modelli per la città e il suo territorio, il sindaco deve mettere in campo forza politica e le relazioni che solo un’istituzione può sostenere”. A riguardo, Claudia Bettiol ha incontrato rappresentanti sindacali dell’Invensys: “Una storica fabbrica di Belluno che oggi vede 170 persone, con le relative famiglie, in preda all’incertezza. Occorre capire le intenzioni dell’azienda e valutare ogni ipotesi per tutelare quelle persone”.

Bettiol, accompagnata da alcuni candidati della sua lista civica, del Partito Democratico e dell’Idv, ha poi riassunto i cardini del programma di governo. Lavoro, appunto, ma anche ruolo della città, sociale, ambiente, mobilità e giovani sono tra le parole chiave. “Intendiamo dare la visione – ha spiegato – dire ai cittadini come intendiamo far rinascere Belluno, ben sapendo che nasceranno nuovi bisogni e che il dialogo con tutti deve essere costante”. I candidati delle liste hanno sottolineato come ogni punto programmatico sia ispirato dalla ricerca di maggiori equità sociale, inclusione e attenzione ai più deboli.

Claudia Bettiol ha inoltre sottoscritto un impegno per un’equa rappresentanza di genere nell’amministrazione comunale. Oggi, fa notare l’Anci, le donne sindaco sono solo l’11% e le donne nelle amministrazioni locali il 19,5%. E l’assenza delle donne dagli organismi dirigenti condiziona negativamente le politiche di welfare. Per questo il ministero per le Pari opportunità e l’associazione dei comuni hanno lanciato una campagna di sensibilizzazione rivolta a tutti i candidati sindaco, alla quale Bettiol ha subito aderito.

La sintesi del progetto per Belluno è online:

http://claudiabettiolsindaco.it/web/progetto-per-la-citta/

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

35 borse di studio dal Rotary Club Belluno per gli allievi operatori socio sanitari

Il Rotary di Belluno si è sempre distinto per lo spessore dei service a favore delle comunità siano esse africane, indiane o bellunesi, anche...

Sanità. Appaltati i lavori antincendio al San Martino. Affidata alla Cooperativa Castel Monte di Montebelluna il punto di primo intervento ad Auronzo

Antincendio: affidati i lavori al San Martino per 1,8 milioni  I lavori di adeguamento dell’ospedale San Martino di Belluno alla normativa antincendio sono stati aggiudicati...

Aumentata l’indennità dei sindaci dei piccoli comuni sotto i 3mila abitanti

È in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero dell'Interno per l'incremento dell'indennità di funzione per l'esercizio della carica di sindaco nei Comuni delle Regioni...

“La notte dei desideri” al Parco Gambrinus di San Polo di Piave. Cuochi di Terra, le eccellenze gastronomiche venete insieme per una ristorazione...

La notte dei desideri. Lunedì 10 agosto, la notte di San Lorenzo, ospiti nella suggestiva natura del Parco Gambrinus (via Capitello 18, San Polo di...
Share